HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
La giustizia giusta.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

20 novembre 2011

Una studentessa mi ha chiesto cos'è la Giustizia, quale giustizia alberga nel cuore di una società, quanta giustizia c'è nella vita di un cittadino libero e di un altro detenuto. La domanda è venuta perché la giovane ha chiesto collaborazione per la sua tesi di laurea incentrata sulla effettiva possibilità di una risocializzazione carceraria. Parrebbe difficile dare una risposta lineare e quindi sensata, invece è proprio dalla mia esperienza drammaticamente folle che può arrivare una spiegazione consapevole, responsabile, infatti da quella in-giustizia nasce l'esigenza di una riparazione. Il crimine è sempre violazione intenzionale di una disposizione di legge, lo è doppiamente quando la rottura del patto sociale avviene con un atteggiamento criminogeno travestito di "giustizia" artigianale, fatta in casa, dentro agglomerati di criminali in pectore. Con i decenni chiusi dai chiavistelli e calati a piombo sulle spalle, la mente ritorna agli anni affondati nelle storie anonime e blindate di tanti uomini in catene, di altri che purtroppo non ci sono più. Sono frammenti di vita che non vanno nascosti, né manipolati, rendono trasparente il cammino da fare, quella mutazione possibile, accettabile, che invita le persone ad andare incontro a una intera società. Quando la Giustizia è lontana... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.



...non c’è richiamo o fronda che possa risvegliarne equità e umanità, è distanza di ogni giorno, a ogni grido di aiuto inascoltato, di ogni diritto annullato, anche solo per una frazione di secondo, nella frazione di uno sparo.

Giustizia è un valore che non può rimanere fuori dall’uscio di alcun abitato, neppure all’interno di una istituzione chiusa e refrattaria alla trasparenza come il carcere, anche lì, la giustizia dovrebbe essere assunta come obiettivo da perseguire pervicacemente per il benessere della persona, di tutte le persone, facendoci schierare apertamente dalla parte di chi non vede riconosciuti i propri diritti fondamentali, cercando di comprendere e sostenere chi è calpestato quotidianamente nei propri diritti e finanche nei propri doveri, perché non è consentito appropriarsene per custodirne lo strumento riabilitante.

In un tempo definitivamente trapassato, quegli anni di piombo fuso che non risparmiava niente e nessuno, neppure l’ultima volontà di un perdono, le rivolte e il sangue segnavano i perimetri carcerari, in quella violenza spesso indicibile, ribellioni e devastazioni nell’illusione di umanizzare il carcere, invece servivano a fare il gioco di chi il carcere lo voleva disumano e disumanizzante.

La Giustizia non è una parola da intendere a proprio piacimento, neppure paravento di una qualche e più grave ingiustizia, la vittima, il colpevole, il cittadino libero e quello detenuto, è persona con il suo valore, con la sua relazione, la storia di ieri, quella di oggi e di domani: in quel prima, durante e dopo, è necessario fare vivere la giustizia anche in carcere, elemento che determina la metodologia di qualsiasi intervento repressivo e preventivo, che punisce la persona, ma ne rispetta la dignità e la soggettività.

In famiglia, a scuola, nella società, dentro un carcere, perché esso ne è parte importante, la Giustizia non è una figura retorica, una condizione precaria, ma compagna di viaggio di ognuno, è radice autorevole per ciascuno, perché consegna rispetto alla vita, infatti come ha detto qualcuno ben più lungimirante di me, " il rispetto è una scelta, la paura un obbligo"

Vincenzo Androus - Counselor, Tutor Comunità "Casa del Giovane" Pavia

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
In carcere si va perchÚ puniti. Non per essere puniti!
Parole in trappola...
Facile ex amico inimicum facies cui promissa non reddas.
Analfabetismi affettivi e contaminazioni subliminali .
Unica vera risposta: la formazione.
Ad armi pari...
Una parte di mondo brutalmente mutilato.
Conoscere, capirsi... vivere meglio
Per favore...lasciateci in pace!
Non c’Ŕ pace fra gli ulivi!
Conoscenza e solidarietÓ.
Quando il sonno della ragione genera mostri...
H1N1
L’ora delle tenebre!
Un Santo in Calabria?
Il colore dell’abbandono.
Una rotta da invertire...
Gli ultimi spari. A 10 anni dal G8 di Genova. Per non dimenticare.
Due pesi...
Chi voter˛...
DELLO STESSO AUTORE
Alle nove del mattino.
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Al voto...
Un percorso educativo ostinato e contrario.
Violenza spicciola, che fa male...
Applausi a mani nude.
Aspiranti professionisti dell’ultima meta.
Spari...
Colpi sotto la cintura.
Quel cappio al collo...
Macerie umane e speranze.
Brigate Rosse e amnesie generazionali.
Liberare la libertÓ.
Unica vera risposta: la formazione.
L’indifferenza del sangue.
Un intruso gioca con la tua vita.
Alle cosiddette persone civili...
Giubileo...
Sono cose che possono accadere!
Sul carcere e sulla pena...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione