HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Precariato sociale.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

2 ottobre 2011






Il prezzo dell'Intelligenza.


"Lo spettacolo indecente che molti di voi stanno dando, non è più tollerabile da gran parte degli italiani e questo riguarda la buona parte degli appartenenti a tutti gli schieramenti politici. Anche una parte del mondo economico, ha le sue gravi responsabilità". Questo è il succo della condanna espressa dall’imprenditore e finanziare Diego della Valle, sulle pagine dei maggiori quotidiani nazionali. Simbolicamente, gli fa eco il nostro Presidente, Giorgio Napolitano: "È un momento in cui si impreca molto contro la Politica ma, attenzione, la Politica siamo tutti noi. È Politica costruire qualcosa di fondamentale dal punto di vista sociale come ciascuno, nel proprio piccolo, cerca di fare, come fa la Chiesa, come fanno i presidenti che guidano le fondazioni capaci di rendere possibile ciò che altrimenti non lo sarebbe". Potremmo aggiungere che, purtroppo, è politica (con la "p" minuscola) anche quella che porta ad esibire le sue gesta nefande da Nord, a Sud (da Lampedusa a Milano, passando per Napoli e soffermandosi a Parma). A questo punto, una domanda: come si può sentire, un giovane, quando il ministro che rappresenta la Scuola e la Ricerca, dichiara la compartecipazione alla costruzione di un tunnel fra il Cern di Ginevra e il centro ricerche del Gran Sasso, per consentire il passaggio dei neutrini? Peccato che questi ultimi, siano in grado di attraversare la materia a velocità (pare) superiori a quelle dei fotoni della luce! Tutto ciò (e molto altro ancora) contribuisce ad alimentare il senso di appartenenza a quella classe di sbandati che costituiscono il precariato sociale. Cosa rispondere alle legittime richieste di chi aspetta di poter mostrare quello di cui è capace mentre affonda nelle sabbie mobili create dalle alluvioni dei disastri politici?

Un suggerimento. Fermo restando che, precari, lo si può essere a qualsiasi età (e lo si può diventare partendo da qualsiasi condizione), attenzione a non perdersi dietro al mito del posto fisso e dello stipendio garantito che, come possibilità assoluta, non esiste più per nessuno. È necessario acquisire la mentalità basata sul concetto di flessibilità che porta a rendersi conto di ciò che serve, quando serve e come proporlo, senza dar fastidio agli altri. Innovare e applicare (in ciò che la gente è disponibile ad accettare, ovviamente). E poi lasciare il campo ad altri. E continuare ad innovare spremendosi le meningi. Perché questa, è legge di Natura! Anche in mezzo a chi prova a farti lo sgambetto. Sopravvive e non si estingue chi si adatta meglio. Senza vittimismi. Anche quando sono giustificati e si chiamano "recriminazioni".

E a chi propone di metterci più impegno, con maggiore intelligenza, io rispondo che la volontà è solo un acceleratore di reazioni che vanno programmate e determinate, con motivazione e perizia. E l’intelligenza?

Questo è un altro problema!

Sembra paradossale ma la funzione intellettiva (che comprende l’attenzione, la capacità di capire e di usare l’immaginazione nel cercare dati mnemonici) serve a rendersi conto della realtà (con tutti i suoi risvolti) senza, però, riuscire ad affrontarla nella maniera più opportuna e adeguata. Per andare "oltre", bisogna affidarsi alla capacità di riflettere, che nasce dall’allenamento nel dialogo con se stessi, più che dalla corsa alle risposte "lampo" che, in quanto tali, non ti danno il tempo, appunto di riflettere. La nostra Scuola, così come il mondo del lavoro e della formazione professionale (per ciò che sono diventati) ci spingono a partecipare alle competizioni didattiche e metodologico - operative, in cui vince chi risponde prima. Sviluppando e applicando l’intelligenza, appunto. Potremmo concludere che, l’intelligenza ci rende "svegli" facendoci capire, velocemente, i problemi. La riflessione, prende il suo tempo (senza fretta) ci consente di cercare soluzioni. Come si coltiva la riflessione? Partendo dall’assunto che, con tale termine si identifica il lavoro del cervello (a livello, prevalentemente di corteccia cerebrale), che porta a valutare (dissezionandoli) idee e concetti per individuare soluzioni ai problemi che nascono quando si cerca di appagare un bisogno, tutto ciò che ci motiva a raccogliere informazioni, valutare il rapporto fra costo e beneficio comparandolo con quello che (ragionevolmente) siamo disposti a fare per risolvere una determinata situazione, va bene allo scopo.

Il 12 giugno 2005, a Stanford (una delle più famose università al mondo con sede nel cuore della Silicony Valley), è stato invitato Steve Jobs, per il discorso augurale ai neo-laureati. Un momento di crescita emotiva e propositiva. Proviamo ad analizzare, sintetizzandole, le parti salienti del discorso_


"Io non mi sono mai laureato. Anzi, per dire la verità, questa è la cosa più vicina a una laurea che mi sia mai capitata. Oggi voglio raccontarvi tre momenti importanti, che hanno segnato la mia vita.

Il primo riguarda il rapporto con lo studio. Ho lasciato il Reed College dopo il primo semestre, ma poi ho continuato a frequentare in maniera ufficiosa per altri 18 mesi circa prima di chiudere definitivamente. I miei genitori adottivi (perché mia madre biologica, una ragazza madre, ritenne di non poter prendersi cura di me) fecero enormi sacrifici per spedirmi in luogo altrettanto prestigioso di Stanford. Io, però non riuscivo a capire cosa avrei fatto, da grande e, di conseguenza mi sembrava inutile frequentare (ad alto costo) un mluogo non in grado di chiarirmi le idee. Decisi, quindi, di ritirarmi e di continuare a seguire solo le lezioni più interessanti, dormendo sul pavimento delle stanze in cui mi ospitavano e sfamandomi col ricavato della vendita delle bottigliette vuote, della Coca Cola. Una vita di stenti, insomma... ma tutto quel che ho trovato, seguendo la mia curiosità e la mia intuizione è risultato essere senza prezzo, in seguito. Vi faccio subito un esempio. Ho seguito dei corsi per imparare a conoscere i caratteri serif e san serif, la differenza tra gli spazi che dividono le differenti combinazioni di lettere, che cosa rende grande una stampa tipografica del testo. Tutto ciò, andava al di là delle competenze di ingegneria informatica, perché apparteneva al mondo dell’arte della scrittura! Dieci anni dopo, quando ci trovammo a progettare il primo Macintosh, mi tornò tutto utile. E lo utilizzammo tutto per il Mac, che è stato il primo computer dotato di una meravigliosa capacità tipografica".

In pratica ha creato un indirizzo di studio non convenzionale ma creativo e coinvolgente: non poteva non condurlo al successo. Infatti, non importa (in senso assoluto) cosa studi ma, semmai, come ti coinvolge e ti motiva, quello in cui ti applichi. La mente umana, supportata da un cervello, a quel punto, molto allenato, sarà in grado di valutare opportunità di sviluppo anche dove, apparentemente, c’è solo il deserto. La nostra Società, infatti, risulta costituita da un insieme di persone, ciascuna delle quali porta con sé, un bagaglio di esigenze da appagare. In pratica, ci sarà sempre una "domanda" (anche se apparentemente inespressa o inconsapevole): bisogna essere in grado di rispondere con un’offerta adeguata, che non svilisca la propria dignità ma che, al tempo stesso, tenga conto della necessità di sapersi adattare. Quale che sia il lavoro che vogliamo intraprendere, infatti, non possiamo dimenticare che andrà proposto ai gusti e alle esigenze di chi (in un modo o nell’altro) sarà il nostro interlocutore, interessato a "comprare".

"Il secondo momento importante, riguarda il rapporto col lavoro e con l’amore. Sono stato fortunato: ho trovato molto presto che cosa amo fare nella mia vita. Woz e io abbiamo fondato Apple nel garage della casa dei miei genitori quando avevo appena 20 anni. Abbiamo lavorato duramente e in 10 anni, Apple, è arrivata a valere più di due miliardi di dollari. A 30 anni, però, per divergenze strategiche, venni messo in minoranza, nel Consiglio di Amministrazione e fui estromesso dall’azienda che avevo creato! Mi sentii devastato interiormente. Ma, nonostante tutto, qualcosa lentamente ricominciò a crescere in me: ancora amavo quello che avevo fatto. L’evolvere degli eventi con Apple non avevano cambiato di un bit questa cosa. Ero stato respinto, ma ero sempre innamorato. E per questo decisi di ricominciare da capo. Nel tempo, mi accorsi che quell’evento fu, per me, una fortuna. La pesantezza del successo era stata rimpiazzata dalla leggerezza di essere di nuovo un debuttante, senza più certezze su niente. Mi liberò dagli impedimenti consentendomi di entrare in uno dei periodi più creativi della mia vita. Durante i cinque anni successivi fondai un’azienda chiamata NeXT e poi un’altra azienda, chiamata Pixar, e mi innamorai di una donna meravigliosa che sarebbe diventata mia moglie. Pixar si è rivelata in grado di creare il primo film in animazione digitale, Toy Story, e adesso è lo studio di animazione più di successo al mondo. In un significativo susseguirsi degli eventi, Apple ha comprato NeXT, io sono ritornato in Apple e la tecnologia sviluppata da NeXT è nel cuore dell’attuale rinascimento di Apple. E Laurene e io abbiamo una meravigliosa famiglia".


Amare ciò che si fa, per sentire di dare un senso al proprio andare esistenziale. È questo il segreto che impedisce la depressione e ci fa continuare a procedere nonostante gli ostacoli. La parte nobile del cervello, infatti, serve a risolvere i problemi (senza i quali si atrofizzerebbe) e a godere dei risultati (indispensabile per evitare la demotivazione).

"Il terzo aspetto importante, riguarda il mio rapporto con la morte. Da quando avevo 17 anni quando, al mattino mi guardo allo specchio mi domando se quanto sto per fare mi soddisferebbe in pieno, nel caso in cui, quello, fosse il mio ultimo giorno di vita. Ricordarmi che potrei morire in qualsiasi momento, è il più importante strumento che io abbia mai incontrato per fare le grandi scelte della vita. Perché quasi tutte le cose (tutte le aspettative di eternità, tutto l’orgoglio, tutti i timori di essere imbarazzati o di fallire) semplicemente svaniscono di fronte all’idea della morte, lasciando solo quello che c’è di realmente importante. Ricordarsi che dobbiamo morire è il modo migliore che io conosca per evitare di cadere nella trappola di chi pensa di avere qualcosa da perdere. Siamo già nudi. Non c’è ragione per non seguire il nostro cuore. Più o meno un anno fa mi è stato diagnosticato un cancro. Ho fatto la scansione alle sette e mezzo del mattino e questa ha mostrato chiaramente un tumore nel mio pancreas. Non sapevo neanche che cosa fosse un pancreas. I dottori mi dissero che si trattava di un cancro che era quasi sicuramente di tipo incurabile e che sarebbe stato meglio se avessi messo ordine nei miei affari (che è il codice dei dottori per dirti di prepararti a morire). Questo significa prepararsi a dire ai tuoi figli in pochissimo tempo tutto quello che pensavi di poter diluire in almeno dieci anni. Questo significa essere sicuri che tutto sia stato organizzato in modo tale che per la tua famiglia sia il più semplice possibile. Questo significa prepararsi a dire ai tuoi cari: Addio! Sono ancora qui a parlarvi... e vi dico che sono giunto a questa conclusione: nessuno vuole morire; anche le persone che vogliono andare in paradiso non vogliono morire per arrivarci. E anche che la morte è la destinazione ultima che tutti abbiamo in comune. Nessuno gli è mai sfuggito. Ed è così come deve essere, perché la Morte è con tutta probabilità la più grande invenzione della Vita. E’ l’agente di cambiamento della Vita. Spazza via il vecchio per far posto al nuovo. Adesso il nuovo siete voi, ma un giorno non troppo lontano, diventerete gradualmente il vecchio e sarete spazzati via. Mi dispiace essere così crudo ma è la pura verità. Il vostro tempo è limitato, per cui non lo sprecate vivendo la vita di qualcun altro. Non fatevi intrappolare dai dogmi, che vuol dire vivere seguendo i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui offuschi la vostra voce interiore. E, cosa più importante di tutte, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e il vostro cervello. In qualche modo, loro, sanno che cosa volete realmente diventare. Tutto il resto è secondario".

Come commentare quest’ultimo punto? Con il seguente aforisma del poeta austriaco Rainer Maria Rilke: "Così noi viviamo: per sempre, prendendo congedo". Rendiamoci degni del ricordo che lasceremo in chi potrà contare sul nostro esempio per trovare la forza di continuare.


Grazie a tutti quelli che ci proveranno.

Giorgio Marchese (Medico Psicoterapeuta) - Direttore "La Strad@"

Si ringrazia Emanuela Governi per la collaborazione nella stesura del dattiloscritto

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Sul Natale...
Il valore del Silenzio.
NATALE 2018
Vita...
Generazioni a perdere.
Figli di un Dio Minore?
I.N.R.I.
Le sirene della comunicazione.
Cara Befana...
Quando si perde un genitore...
Uno come me, che...
Dal Sacro al profano...
Pacco, doppio pacco e contropaccotto.
Quando guardi il mare...
L’epopea del Signor Rossi,
Quando sar˛ capace di Amare
Abbiamo dimenticato, che cos’Ŕ la vita!
Emozioni sbiadite...
Noi Credevamo...
Come si affronta il dolore?
DELLO STESSO AUTORE
Non arrenderti mai!
L’ansia e la paura.
Il Counseling e la solidarietÓ verso i pi¨ deboli.
Quesiti - La deflorazione.
Oltre il Buio, cosa c’Ŕ?
Il nostro cervello...
La vera SolidarietÓ.
La Depressione.
La Logica e le griglie di protezione.
SOS ALZHEIMER e Counseling solidale.
Quell’emozione chiamata paura.
Il senso di inadeguatezza.
Quest’anno il Bambino Ŕ nato a casa mia...
Il fattore Blanco...
Come capire e vivere meglio l’amore
Le frustrazioni - I░
I migliori anni della nostra vita...
Uniti. In ordine sparso.
Il rapporto con se stessi...
Igiene mentale.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione