HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Eroi di tutti i santi giorni.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

3 settembre 2011

È trascorso qualche anno, acqua ne è passata molta sotto i ponti che accolgono e accompagnano i riesami, i mutamenti, le nuove condotte sociali. Il delitto è chiaramente un crimine odioso, inaccettabile, per cui occorre una Giustizia giusta, ma che rappresenti la pena come un tragitto di vita, che al suo declinare espliciti forza e umanità sufficienti, per ricomporre quell'inalienabile istanza che lega e salda le persone: la solidarietà sociale. Giustizia come trasformazione che coinvolge l'interezza della persona, dell'ultimo degli uomini, dalla sua colpa e dal suo rimorso, quale anticamera di ben altra dimensione. Giustizia che non veste l'abito del mito, ma consente di aiutarmi e farmi aiutare, e possibilmente di essere di aiuto agli altri, ai meno fortunati, affinché non abbiano a scavarsi la fossa con le proprie mani. Forse, quel prete conosciuto tanti anni fa, intendeva dire proprio questo, richiamando la nostra attenzione alla necessità di una cultura della legalità, nel rispetto di tutte le persone. In quella sorta di terra di nessuno che è il carcere, Don Giuseppe Baschiazzorre è stato un movimento lento, ma inarrestabile, soprattutto inalienabile, nonostante le contorsioni perverse prodotte dai meccanismi spersonalizzanti che si sprigionano da quel pianeta sconosciuto. Don Giuseppe ha dismesso gli abiti di Cappellano del carcere di Voghera, non lo incontri più nelle sezioni, a... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.


...colloquio nei corridoi, nelle celle, oppure nei passeggi cementati. Da qualche tempo Don Giuseppe non c’è più, è finalmente a riposo, in una di quelle stanze confortevoli in Paradiso. Ricordo quell’uomo, con le croci degli altri ben cucite addosso, tanto da farle proprie. Rammento l’uomo e poi il Sacerdote; l’uomo con lo sguardo in alto, sebbene tra l’incudine e il martello; dei vertici penitenziari distanti, dei detenuti inchiodati alle loro colpe. Ancor oggi ritrovo intatta la sua capacità di credere e sperare nell’uomo nuovo, insieme agli antichi insegnamenti: "occorre riesaminare continuamente il passato per approdare a un mutamento interiore che costruisca civiltà nell’amore". Patrimonio, questo, di quella sua cristianità che non regala facili ammende, o percorsi illusoriamente in discesa. Rimangono le sue parole che non sono mai di ieri, parole di Giustizia, anche per gli ultimi, in un carcere ancora troppo lontano dalla parabola evangelica del figliol prodigo, ancora troppo a misura ( o peggio dismisura ) di una mentalità che considera il pagare una regola che va onorata, ma disinteressandosi dell’assenza e dello spirito della Costituzione, quindi dello stesso Vangelo. Mentre rimango ad ascoltarmi ed a parlare con l’Uomo, rivivo i giorni in cui il Papa ha messo insieme come una Trinità: PACE-GIUSTIZIA-PERDONO. Persino all’interno di una prigione, di una solitudine imposta, di uno spazio angusto, non c’è solo l’eternità della penitenza, ma il bisogno di un aiuto, la necessità di un recupero che riconduca alla propria dignità tra gli uomini. E’ con questi pensieri che oggi saluto Don Giuseppe, con la gratitudine di chi sta imparando che Giustizia e Perdono vanno conquistati e meritati, con cura e attenzione, nella fatica e negli impegni assunti in tutti i giorni.

 

Vincenzo Androus - Counselor, Tutor Comunità "Casa del Giovane" Pavia

 

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
I fuochi di... Natale!
In carcere si va perché puniti. Non per essere puniti!
Siamo pronti per il Next - Step?
Carcere fondante lo Stato di Diritto.
Basta!
La desertificazione di ogni riservatezza.
La vita č bella...
...E Tre !
Impariamo a saper chiedere aiuto...
Mai arrendersi a questa Societą bullistica.
Sfatare i luoghi comuni.
Internet ? Oggi: siamo pronti?
Nč rimorsi, nč rimpianti!
Uno per tutti, tutti per uno (tanti partiti, un solo interesse)
Ad armi pari...
150 anni, per un’Italia ancora alla ricerca della propria identitą.
Il caos della democrazia!
Contenti noi!
Alibi quasi perfetti.
Calabria ora...
DELLO STESSO AUTORE
La casa del Cuore...
Libertą va cercando ch’č sģ cara...
Morti di serie B.
Donne e bambine quotidianamente oltraggiate.
Un uomo in vendita.
L’attesa...
Gioco d’azzardo e fallimenti quotidiani.
La dignitą calpestata.
Un uomo in vendita.
Quando la dignitą viene dimenticata.
Angelo, č quello che noi non siamo.
Libertą va cercando ch’č sģ cara...
il raglio del mulo - 2.
Giubileo...
Omertą non sta a solidarietą
Ma di quale normalitą stiamo parlando?
Intifada?
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
Intervista condannata all’ergastolo...
Cadaveri...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione