HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

28 maggio 2011

A frequentare gli spazi e le strutture di comunità terapeutiche e di case famiglia, c'è la possibilità di fare i conti per intero con il disagio dilagante nel nostro paese, con quanto piega ed a volte spezza il futuro dei più giovani, fino a rendere quasi disumano lo sforzo per raggiungere la più dovuta delle speranze, una vita equilibrata e decorosa. Nei piccoli sentieri, nei laboratori del lavoro, nelle stanze del dialogo e dello studio, tante persone stanno insieme, per affrontare senza paura l'insidia delle rese assai più facili della lotta, della vita disperata perché mai del tutto vissuta. Uomini e donne, uno di fronte all'altro, senza più filo spinato a mordere la carne e il cuore, a guardarsi negli occhi, dentro la fatica non certo di vivere, ma nell'impegno a ritrovare e mantenere equilibrio e dignità, amore e stima per se stessi e per chi c'è intorno, anche là dove lo sguardo muore. Non è semplice accorgersi del rifiuto che proviene dai nostri figli, prendere atto della perdita a cui si è destinati, non è facile davvero comprendere il disagio che buca ogni logica, siamo tartassati da un riduzionismo irresponsabile, diventiamo soggetti passivi, oppressi dal conflitto quotidiano proveniente dalla comunicazione che ci è data in eredità, tra ciò che è vero e ciò che è falso, nel frattempo i più giovani... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.



...sbandano, qualche volta ci sfiorano, ma non ci chiamano, noi rimaniamo prigionieri di una incredibilità, che invece è la realtà della logica dei conti, dunque la meno accettabile. Droga, alcol, violenza, un fenomeno che non è più sottotraccia, né può restare un prurito sottopelle, occorre farci i conti con questo mostro multidimensionale che opera senza sosta per depredare le nostre vulnerabilità, e ci impedisce di crescere, pensare, agire, ci obbliga a stare supini nelle nostre codardie socialmente inutili. Ciò che ci viene incontro da una società sopita e indifferente, è uno stile di vita che non ha in dote il cambiamento, ma le tragedie che derivano da una umanità appena nata è già scossa alle fondamenta, costretta a sbattere addosso alla sofferenza, con i polsi legati e privati del coraggio necessario a ogni libertà, per diventare testimonianza nei confronti dei limiti e dei sacrifici che cui siamo chiamati a onorare. In questa comunità, dentro al dolore mai insonorizzato come quell’altro che straripa malamente in un carcere, non ci sono ferite da costringere all’invisibilità, è invece necessario sentirci più responsabili, meno mimetizzati nel malessere che assale alle spalle i tanti professionisti di domani. La droga circola a scuola, a casa, nei luoghi di lavoro, di svago, non fa sforzi per nascondersi, non solleva troppe proteste, poco importa se è transitata da un’istanza protestataria a un’altra più miserabilmente truffaldina, tanto da diventare una bugia colossale che spaccia la roba da calare giù per una delle più ambite libertà. In queste comunità, troveremo ragazzi sopravvissuti a una vita piccola per approdare a una vita grande; il male preso di petto, il bene a volte in difficoltà, le ginocchia sbucciate, i sentimenti in apnea, c’è vita di salita nelle scelte di riscatto e di amore, c’è vita di discesa in chi non guarda solamente al traguardo della risalita, alla recidiva da svuotare di ogni più cinico automatismo, ma al grido che non sempre riusciamo a cogliere.

Vincenzo Andraous - Counselor, Tutor Comunità Casa del Giovane - Pavia

 

 

 

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Meritocrazia?
Cepit efferri superbia...
Donne e bambine quotidianamente oltraggiate.
Un uomo di bianco vestito...
Folli corsi e ricorsi storici...
Un pianto dignitoso.
Mai arrendersi a questa SocietÓ bullistica.
Impariamo a saper chiedere aiuto...
La nazione dei bisonti.
Addio, bandiere blu!
Riti e Miti.
Il nuovo autoritarismo
Non si finisce mai d’imparare...
Dio denaro... e truffe regine.
Sodoma o Gomorra? (tra bullismo e babygang)
Ma mamma, quando torna?
Guerra, nel nome di Dio !
Associazionismo...
A te che navighi su Internet !!!
Ah, scellerati!
DELLO STESSO AUTORE
Un uomo in vendita.
I Media e la guerra che non c’Ŕ.
Messia (Il vero significato del Natale).
In barba al profeta (e a Ges¨ sulla croce).
Quel cappio al collo...
Il Purgatorio...
Disvalori dell’indifferenza.
Come pugni...
La fuga e la coscienza.
Famiglia... Scuola...
Il questore giusto.
Caro Presidente...
La casa del Cuore...
LibertÓ va cercando ch’Ŕ sý cara...
Potenti ruggiti o solo vagiti?
La dignitÓ smarrita.
Il tirapugni del bullo.
Nel nome del Popolo Italiano!
Quest’anno il Bambino Ŕ nato a casa mia...
Non auguro questo carcere neppure al mio peggiore nemico...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione