HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Non può esistere l’una, senza l’altra.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

17 maggio 2011

Ho partecipato a un incontro pubblico in un comune del pavese, il tema: sicurezza e rieducazione. Come se questo diritto e questo dovere inalienabili, fossero improvvisamente percepiti come ingannevoli, poli opposti che non debbono convergere, perché fondamenta di una architettura malamente consumata. Eppure si tratta di diritto e rovescio della stessa partita da giocare, insieme, e non del risultato di una informazione malata, di una incapacità comunicazionale, di una notizia moltiplicata per mille, un fucile imbracciato così male da essere puntato nel mucchio, una specie di smercio e consumo della notizia, feroce nell'attualizzare ciò che è incomprensibile e irraccontabile, quale è il carcere odierno, ma che ci fa perdere contatto con la verità di questa realtà, con la necessità dell'indagine da svolgere correttamente, con gli interventi non più rinviabili. Sicurezza e rieducazione, un binomio inscindibile, non può esistere l'una senza l'altra, non può trovare tutela e garanzia l'una senza la responsabilizzazione dell'altra. Ma nuovamente questa volontà di confronto è genuflessa da un sovraffollamento carcerario che ha oramai superato il limite più disumano, dal susseguirsi di suicidi al ritmo dei sei al mese, dalle morti sospette che non sanno stare in silenzio, dalle... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.



...lesioni sparpagliate negli angoli bui. E’ questo show a mettere curiosità, a far sì che il carcere sia quello dei film, o quello dei fumetti, redatti da una politica balorda? Oppure è un’altra cosa, ben più temibile delle parole inutili, un carcere in balia di un surplus di mendicanza e miserabilità, dove può accadere che trovi una collocazione, anche chi se ne sta bellamente e ipocritamente dove tutto è regola e legalità, ma poi improvvisamente, si ritrova anch’egli depredato della propria dignità, dei diritti fondamentali. Sicurezza e rieducazione, significa fare salvaguardia della collettività, nel riconsegnarle uomini nuovi, iniziando da quell’art. 27 della nostra carta magna, imparando che non è consentito mentire né giocare con la dignità delle persone, e che la "rivoluzione tradita" del dettato costituzionale, forse non è neppure sufficiente a limitare il tragitto di una pena decorosa e costruttiva. Forse non è più sufficiente parlare di giustizia giusta, di rigetto della vendetta, occorre riempire di contenuti questi passaggi, e tentare di ritrovare una misura, un senso, persino dentro una cella. Non potrà esserci sicurezza e risocializzazione, se al consorzio civile non sarà consentito di comprendere che esiste un prima, in cui chi sbaglia e commette un reato, viene obbligato alla pena che ne deriva, un durante in cui il riesame del proprio vissuto potrà fare mutare condizione alla propria testa e cuore. Ma c’è un dopo, in cui le porte della prigione si apriranno, perché volenti o nolenti si riapriranno, e se non vorremo ritrovarci in seno persone deresponsabilizzate al punto da essere ridotte a una condizione di infantilizzazione, sarà cura di ognuno impegnarci affinché quel "dopo" positivo, sia una realtà raggiungibile, perché legato senza ulteriori lentezze e stanchezze, a un durante solidale costruttivo.

Vincenzo Andraous - Counselor, Tutor Comunità Casa del Giovane - Pavia

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
... E guardiamo avanti, nonostante tutto.
L’accettazione di una possibile trasformazione.
Ferie e intemperie.
Degno erede di Luigi Einaudi.
Tasse: cui prodest?
Precariato sociale. Il prezzo dell’intelligenza.
Sodoma o Gomorra? (tra bullismo e babygang)
Rave party e danza della sordità.
In carcere si va perché puniti. Non per essere puniti!
Ancora qui...
Calabria ora...
Analfabetismi affettivi e contaminazioni subliminali .
Questione di fede?
Mare da bere?
Bullismo e contrapposizioni culturali.
Fino all’ultima curva.
Conoscenza e solidarietà.
Una su tre...
Corsi e ricorsi storici...
Una vita in equilibrio.
DELLO STESSO AUTORE
Una parte di mondo brutalmente mutilato.
Un fendente.
La svuota carceri.
No slot, no droga.
La guerra degli innocenti.
il raglio del mulo - 2.
Donne e bambine quotidianamente oltraggiate.
Spread, articolo 18 e vecchi merletti...
Terrorismo...
Fuori dal coro.
Terra di Odio...
Angelo, è quello che noi non siamo.
Il Purgatorio...
PASQUA di Resurrezione...
Dignità disabitata.
La dignità smarrita.
A carte scoperte.
Scuoterci... da subito!
L’eufemismo dell’inferno di Dante.
La paura...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione