HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Me stessa.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

1 marzo 2011






L'autenticità


Pensieri degli anni difficili.

 

Questa è contorta. Vorrei trasferirla così come la sento, ma stavolta non posso proprio. Devo necessariamente intrecciare le parole, non a che non esprimano concetti sensati, ma a lasciare più possibilità di interpretazione. In fondo questo è il modo di comunicare che preferisco. Quello che più ognuno vuole trovarvi.

Quante volte ci si sente un’altra persona? Vi è mai capitato di fare una cosa, manifestare un’emozione, liberare un sorriso o un’espressione di durezza e all’interno invece vive uno stato d’animo che, al contrario, avrebbe determinato una sensazione opposta?

Chissà mai perchè!

L’autenticità. Nulla a che vedere con la coerenza in questo contesto, non è lo scopo, vorrei proprio sottolineare un’altra cosa.

Tempo fa, all’inizio di questa avventura, se ne è parlato. Il valore delle persone. Ecco, potrebbe essere un approfondimento di quell’articolo, maturato dal tempo trascorso, da quello che c’è in mezzo, dalle osservazioni e riflessioni vissute ed elaborate.

Uno spiraglio alle mie spalle mi illumina quest’oggi. Come un raggio intenso che sfonda le porte del buio a portare la sua speranza. Mi lascio cullare, spostando spesso lo sguardo, posandolo sui punti che mi rendono forte e su quello che, abbracciando la debolezza, mi rende essere umano.

Cos’è l’altro per se stessi? Da cosa siamo attratti? Cosa determina l’innesco a quella serie di reazioni a cascata che, alla fine di tantissimi percorsi biochimici, conducono a...la dolcezza in uno sguardo?

L’essere umano è come un cristallo dalle mille sfaccettature, che, brillando, emettono raggi di luce proiettati nelle tante direzioni che la vita ci offre.

Si, ma cos’è che determina l’emissione della luce?

Essere se stessi senza nessuna fatica. Condizione difficile da realizzare, in accordo con ogni parte e in equilibrio con l’esterno.

Me ne accorgo sempre un attimo dopo. Quando l’espressione del mio viso di distende lasciandosi andare, quando il collegamento fra il corpo e la mente è continuo, senza nodi, quando riesco ad esprimermi senza timori. E là che finalmente riesco a dormire in pace. Non c’è distrazione che possa ostacolare.

Profondo, quello che vive all’interno. Non contorto, ma complesso da manifestare. Fluido, quando l’atmosfera si arricchisce di calore che si sprigiona. Caldo e in perfetta armonia con se stessi. Sensazione piacevolissima, che dona la sintonia fra lo spirito e il corpo.

Mi sorprendo e mi ritrovo immersa in un’altra dimensione. Assorbo ogni parola e, con un volo nella mente, riesco ad estraniarmi dal contesto in cui vivo e a scremare tutto quanto può creare un disturbo.

Tendo la mano e mi lascio trascinare, senza inibizioni a mostrare quello che sono, senza paure nell’osare, senza dover controllare l’espressione del viso. Stringo le braccia intorno a me e...incontro.

Sento uno sguardo ma non voglio incrociarlo, è più tenero immaginarlo. Mi guida la certezza della percezione.

Bellissimo, svicolare nelle pieghe dell’anima assecondando ogni desiderio di libera comunicazione e sentirsi accompagnati.

Ritorno in un istante e ritrovo di fronte a me la sorpresa che brilla dentro gli occhi, il gusto di aver partecipato a questo viaggio, la consapevolezza di esserne l’artefice.

Dolce, questa sera che chiude una giornata di pensieri che avrebbero voluto sfuggire. Aspetto con ansia l’inizio.

 

Fernanda

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il novanta per cento.
Accanto.
La forza nel dolore.
La vita segreta del calzino.
Il coltello nella piaga.
L’ultimo dell’anno,
La gentilezza.
Dietro un dito.
L’occhio del ciclone.
L’inizio.
Un motivo in pi¨.
Lo slancio.
Una mezza veritÓ.
Il rispetto.
Lo scudo.
L’amore in sÚ.
La contraddizione calorimetrica.
La cosa giusta.
Un sottile velo di malinconia.
Pur amando il sole.
DELLO STESSO AUTORE
La punta dell’iceberg.
Il ricatto.
Per boschi, per mare.
La formazione della memoria e gli Astrociti.
La trappola dei sensi di colpa.
La contraddizione calorimetrica.
La trasparenza.
Debole.
E intanto la vita passa!
Il silenzio intorno a me.
Il segreto nella struttura.
Una nota stonata.
Sulla pista di decollo...
Bianco...
Vivere.
La pi¨ bella.
Come un telo su uno scoglio.
Il freddo, al mattino.
La scelta giusta.
Due zingari...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione