HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Forse, sbadigliamo per amicizia...
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

26 febbraio 2011



Già, amici per... "i neuroni"!


News neuroscienze - P.N.E.I.

Secondo una recente teoria, lo sbadiglio è contagioso perché serve a socializzare con il prossimo. Iniziamo a sbadigliare già nel ventre materno e lo facciamo fino alla tarda vecchiaia, ma i meccanismi fisiologici e lo scopo restano misteriosi. Le teorie in proposito non mancano, di recente se n’è occupata anche la rivista Neuroscience & Biobehavioral Reviews, ma mancano le prove sperimentali del fatto che siano corrette.

Pare che lo sbadiglio contribuisca a migliorare i livelli di ossigenazione nel sangue e a diminuire quelli di biossido di carbonio, ma se esponiamo dei soggetti a esalazioni contenenti alti livelli di biossido di carbonio non si ottiene affatto un aumento nella frequenza degli sbadigli. Si sbadiglia più frequentemente prima e dopo il sonno quindi, forse, sbadigliare ci serve a rimanere svegli, ma l’EGG non ha dimostrato che lo sbadiglio produca un maggiore senso di vigilanza nel cervello o nel sistema nervoso centrale.

I bambini di età inferiore ai cinque anni non sono soggetti allo sbadiglio contagioso, mentre gli esseri umani adulti, gli scimpanzé, le scimmie e i cani lo sono. A quanto pare, prima che lo sbadiglio diventi contagioso si rende necessaria una comprensione dello stato mentale altrui. Questa idea è avallata da osservazioni dirette effettuate con risonanza magnetica negli uomini: osservare gli altri che sbadigliano attiva alcune aree cerebrali deputate all’imitazione, all’empatia e al comportamento sociale.

Conclusioni e Riflessioni

Avete presente il tic nervoso? Quando "ti prende" non puoi evitare di manifestarlo. È un atteggiamento ossessivo compulsivo mediante cui si scarica il di più delle tensioni accumulate e represse. E lo sbadiglio? Anch’esso, non si può evitare di attuarlo, quando se ne sente il bisogno. E anch’esso serve a scaricare un disagio che crea disequilibrio fisico e psicologico. Noia, stanchezza, fame, sonno, risveglio incompleto: sono motivazioni sufficienti alla necessità, attraverso lo sbadiglio, di riattivare quella zona della formazione reticolare mesencefalica deputata al mantenimento dell’attenzione. Perché è contagioso? Perché, grazie ai neuroni specchio, riusciamo a "sentire" la frequenza elettromagnetica determinata dagli stati d’animo altrui. Questo fenomeno si chiama "empatia".

Tutto qui.

Fonti

  • www.edott.it

 Giorgio Marchese - Medico Psicoterapeuta - docente di Psicologia fisiologica c/o la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad Indirizzo Dinamico (SFPID) - ROMA

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Dove nasce la coscienza...
Quando il cervello Ŕ troppo stanco...
Tiroide sempre pi¨ in difficoltÓ.
Warrior gene.
Lo sguardo nel vuoto...
A proposito di Stress...
L’assemblaggio e il disassemblaggio della memoria.
Il dolore del rifiuto.
La risposta emozionale del cervello alla luce.
Il cervello e l’amore.
Quando il cervello va in tilt.
Lo specchio delle emozioni.
Tutto quello che fa bene al cervello.
Nascere sotto una buona stella...
La farmacologia dei disturbi d’ansia.
Espressione genica e ansia da separazione.
Invecchiamento cellulare...
Microglia ed infrasuoni.
La formazione della memoria e gli Astrociti.
L’empatia.
DELLO STESSO AUTORE
Come capire e vivere meglio l’amore
SOS ALZHEIMER e Counseling solidale.
Il nostro cervello...
Far bene l’amore fa bene all’amore...e non solo
Quesiti - La deflorazione.
Tessuto Nervoso.
Il meccanismo dell’Apprendimento.
I migliori anni della nostra vita...
La solitudine.
Ossessioni e dispercezioni.
L’angoscia esistenziale.
Psicoterapia, personalitÓ, epigenetica.
Capire l’antifona - Lettera F.
La sensibilitÓ della donna e dell’uomo...
Il Male oscuro?
Come si rinnova l’amore?
Il Counseling. Cos’Ŕ e a cosa serve.
Paura, autostima e sensi di colpa...
La Mente e i tumori.
LibertÓ va cercando ch’Ŕ sý cara...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione