HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
L’amore in sé.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

11 giugno 2016






Porto con me la speranza. Come sempre.


Pensieri degli anni difficili.

Un giorno di ritardo. In realtà questo stato d’animo che mi ritrovo dentro avrebbe dovuto manifestarsi ieri, solo ieri e invece...

Rileggo le ultime due righe, una vertigine mi avvolge. Spengo ogni contatto con il mondo, non voglio per nessuna ragione essere distratta da questo istante e ci provo.

Una giornata difficile.

Arriva un momento in cui, per quanto ci si sforzi di riempirsi e non di riempire, bisogna fermarsi e chiedersi perché. Perché ci ritroviamo in una dimensione che diventa improvvisamente sconosciuta? Perché la tensione accumulata si proietta sul corpo cercando una via per uscire senza rispetto per se stessi? Perché gli occhi mi si chiudono senza che possa far niente se non che assecondarli?

Una domanda viene fuori liberamente e senza passare dal filtro in un momento di disperazione. Ma com’è possibile che solo in pochi sono capaci di vivere il dolore affrontando, non senza spaventarsi, ma accettandolo, perché parte della vita?

La risposta è semplice e immediata: la paura di suscitare paura. Eppure l’immagine che spesso si presenta è quella di un bambino dal volto terrorizzato. Non può spaventare, è vero, semmai alimenta tenerezza e la voglia di tendere una mano, proteggendo.

Rimango sorpresa, nonostante sono attenta su me stessa, di come sembra che le cose scivolino senza penetrare, quasi accarezzando e quindi illudendo, ma in realtà lasciano un solco leggero che finisce per bruciare. E si fa sentire nel momento che meno ti aspettavi.

Ma la mia domanda è un’altra: è possibile non accorgersi di quello che ci accade? E chi appare ignaro, vive forse meglio oppure sta solo accumulando?

Mi guardo dall’esterno e provo a parlarmi con dolcezza. Ritornano a me i versi di un canto che aiuta a soffermarsi sulla grazia in se stessi, la pace nell’interno, il sollievo che nasce dal dolore.

È uno stato d’animo ingarbugliato, ma autentico. Frammisto ad un po’ di malinconia, di delusione, anche ad un po’ di rabbia per non essere riusciti nemmeno questa volta a "controllare".

Ripercorro, provando una fitta acuta che mi stringe. A volte vorrei non avere le risposte, a volte vorrei solo porre le domande.

La grazia in se stessi. Sarà questa la via al benessere dell’anima? Ciò che placa l’inquietudine e tranquillizza lo spirito. Colmare le ansie per donarsi e donare, ascoltarsi e comprendere, accogliere il tutto, qualsiasi cosa ci appartiene.

Una espressione di leggero sorriso sul viso affaticato da uno dei tanti percorsi. I segnali della vita. Quante cose succedono casualmente, apparentemente senza significato? Eppure guardandole dal punto giusto finiscono per incastrarsi disegnando una forma armonica. Che finisce per indicare la strada giusta.

Lascio, un po’ a fatica, nonostante ha fatto male. Porto con me la speranza. Come sempre.

Fernanda (2 gennaio 2011)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Estate.
Quel che resta...
Nei giorni a venire...
Sentimenti.
La consapevolezza.
Settembre.
Magia.
Il novanta per cento.
Il Counseling. Per me.
Gli affetti.
La mediocrità.
Mano nella mano.
Un amore grande.
Il valore della vita.
Un sogno inespresso.
La risoluzione dei problemi.
La prepotenza.
Lo scudo.
La freschezza.
Il profumo del ricordo...
DELLO STESSO AUTORE
Le oscillazioni delle aree cerebrali.
Ansia, stress, depressione.
Alla fine...
La metà che manca.
Nei giorni a venire...
Qualcosa di naturalmente diverso.
Ruolo del gene MKP-1 nella depressione.
Per paura di sciuparlo.
Epigenetica e adattamento allo stress...
Di uguale importanza.
La dispercezione del corpo.
Il profumo nell’aria.
Un battito di ciglia.
Pseudogeni, RNA, cancro.
Il giorno dopo.
Perché si dimentica.
La farmacologia dei disturbi d’ansia.
No, questo no!
La mediocrità.
Fra me e lui.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione