HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Danni causati da infiltrazioni d’acqua.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

26 dicembre 2010



Quando č responsabile il condominio?



 

Tra i casi di litigio tra condomini, quelli più frequenti sono le contestazioni di danni da infiltrazioni d’acqua agli appartamenti, le cui cause si ravvisano, principalmente, in lesioni dei muri perimetrali che lasciano passare l’acqua piovana, rottura di tubazioni condominiali o di proprietà esclusiva, con conseguenti perdite d’acqua, difetti di impermeabilizzazione.

 

Spesso non si riconoscono facilmente le cause delle infiltrazioni verificatesi, come dimostrano le numerose sentenze emesse su questo tema, con conseguenti fastidi e spese per il condomino danneggiato, per il ripristino delle parti danneggiate, di cui molte volte l’interessato sopporta l’esborso, in attesa che si individui il soggetto responsabile, e per il disagio nei rapporti individuali all’interno del condominio.

 

Come verificare la provenienza del danno ed individuare chi debba pagare le spese necessarie per le riparazioni sono le questioni cui occorre dare soluzione quando si verifica un’infiltrazione. A tal fine si può procedere in due modi:

- affidando l’incarico di ricerca e riparazione del danno a personale tecnico in base ad accordo tra le parti interessate, con addebito di spese al soggetto che risulterà responsabile;

- ricorrendo, ove vi sia controversia, ad accertamenti tecnici peritali, stragiudiziali ed anche, eventualmente, giudiziali.

 

L’individuazione della causa del danno consente di determinare se la stessa si sia verificata in una parte di proprietà comune o di proprietà esclusiva. Nell’uno e nell’altro caso, secondo costante giurisprudenza, la norma applicabile è l’articolo 2051 del codice civile, secondo cui «Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito» (sent. Cassazione civile n. 16010/2010; n.9084/2010; n.5848/2007). Tale disposizione comporta che il condominio, in veste di custode dei beni e dei servizi comuni, è obbligato ad adottare tutte le misure necessarie affinché le cose comuni non rechino pregiudizio ad alcuno, rispondendo conseguentemente dei danni da queste cagionati sia a terzi che agli stessi condomini.

 

Altresì, se i danni subiti si siano verificati attraverso manufatti di esclusiva proprietà di un condomino, è di quest’ultimo la responsabilità per aver omesso di adempiere ai propri doveri di manutenzione, ai sensi del citato articolo 20151 cod. civ.

 

La responsabilità del custode della cosa per i danni da questa cagionati è esclusa solo ove sia fornita la prova positiva, a carico del custode, del caso fortuito.

 

 

 

Erminia Acri-Avvocato

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Quando il singolo comproprietario anticipa le spese....
Furto in casa favorito da impalcature e ponteggi.
Regolamento condominiale predisposto dal costruttore.
Condominio: riparto spese straordinarie e ricorso al decreto ingiuntivo.
Recupero spese condominiali.
Il SUPERCONDOMINIO.
La nascita di un “condominio”.
Quesiti legali-Condominio e sopraelevazione.
Bed and breakfast nei condomini.
Modifiche del regolamento condominiale.
Manutenzione delle “terrazze a livello” di uso esclusivo.
Apertura finestre in edificio condominiale.
Infiltrazioni e allagamenti in condominio
Convocazione assemblea condominiale.
Modifica delle tabelle millesimali.
Pagamento oneri condominiali e vendita dell’unitą immobiliare.
Inadempienze spese condominiali
Riforma del condominio all’esame del Parlamento.
Deroghe ai criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Aria condizionata e condominio.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinitą e famiglia di fatto
Quesiti legali - Un genitore ha il dovere di mantenere figlio maggiorenne e nipote?
Quesiti legali - Cambio di abitazione o di residenza.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali-Contrasti nel piccolo condominio.
Quesiti legali-Persone con disabilitą e parcheggio in area condominiale.
Quesiti legali-Assegno di mantenimento dei figli.
Quesiti legali-Locazione e abitabilitą.
Il coniuge affidatario dei figli non ha sempre diritto alla casa coniugale.
Spese condominiali controverse.
Separazione per volontą unilaterale.
Puņ, il costruttore, nominare l’amministratore?
A chi tocca la casa familiare?
Infedeltą e separazione di fatto dal coniuge
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Scambio di messaggi romantici via Internet ed infedeltą coniugale.
Assegno Nucleo Familiare e separazione.
Quesiti legali-Passo carrabile.
Divieto d’accesso alle vie del centro per i cani......
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione