HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Ruolo del gene MKP-1 nella depressione.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it ) e di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

22 ottobre 2010



Genetica. Ma non solo.


News neuroscienze

 

Il disturbo depressivo maggiore, associato alla sua elevata frequenza, rappresenta una delle malattie neurobiologiche debilitanti più comuni. Nonostante ciò, ad oggi poco si conosce circa l’esatto meccanismo molecolare e cellulare che conduce alla identificazione della sua patofisiologia.

Nel corso di una recente ricerca pubblicata su Nature Medicine (A negative regulator of MAP kinase causes depressive behavior. Vanja Duric, et al. Nature Medicine Published online 17 October 2010) viene identificato un gene, MKP-1, il cui livello di espressione risulta molto elevato in pazienti depressi.

Usando profili di espressione genica di tessuti prelevati post-mortem è stato dimostrato un incremento significativo dell’espressione del gene nell’ippocampo di soggetti depressi comparati ad un gruppo di controllo. MKP-1 codifica per una proteina che appartiene ad una famiglia deputata alla defosforilazione dei residui di treonina e tirosina. Svolge quindi un ruolo chiave come regolatore negativo in una delle maggiori vie di trasduzione del segnale coinvolte nella plasticità sinaptica, nella funzione e sopravvivenza neuronale. Gli autori testano il ruolo dell’espressione alterata del gene in modelli animali di topo e di ratto depressi e trovano che l’incremento di espressione nell’ippocampo, come il risultato di stress o altro, è causa di comportamenti depressivi. Al contrario, il trattamento antidepressivo cronico normalizza la sovraespressione del gene indotta dallo stress ed è stato dimostrato che topi deleti per MKP-1 sono resistenti allo stress.

Questi studi identificano in MKP-1 un fattore chiave nella patofisiologia del disturbo depressivo, rendendolo un bersaglio promettente per interventi terapeutici. Bloccando farmacologicamente MKP-1 si potrebbe produrre resistenza allo stress oppure ottenere una migliorata risposta ad altre classi di antidepressivi. Il potere enzimatico di MKP-1 è dunque grande e il suo ruolo nel trattamento della depressione ed eventualmente di altri disordini è rappresentato dalla possibilità di diventare bersaglio di nuovi farmaci antidepressivi.

 

Ferdinanda Annesi - Biologa C.N.R.

 

Riflessioni

 

Giusto per non indurre confusione, è bene spiegare il senso della scoperta. Si è, sostanzialmente, individuato uno dei geni coinvolti nella manifestazione del disturbo depressivo maggiore. Questo non significa che tale disturbo sia "genetico" e quindi si lo si sviluppi solo a condizione di essere portatori del gene in questione.

Infatti, questo gene, è in grado (attraverso la stimolazione di produzione di proteine), di inibire il funzionamento di alcuni processi per cui, sotto stress, alcune persone che "fanno esprimere" maggiormente questo gene, determinano la produzione di quadri depressivi.

L’esperimento e gli studi correlati, di per sé estremamente interessanti, partono dall’aver osservato, in un certo numero di persone defunte (che avevano prodotto la sindrome depressiva), una maggiore quantità di quella proteina indotta dal gene in questione.

Tutto ciò, avrà una ricaduta positiva sullo studio di farmaci capaci di "dialogare" col gene, "modulando" la sua attività. Riflettendo con accuratezza, però, ciò non comporterà, logicamente la risoluzione del problema ma solo l’interruzione della catena di eventi che lo manifestano. Un po’ come interrompere la catena di eventi (anche a base genetica) che ci consentono di sentire dolore a seguito di un trauma. L’assenza della percezione del dolore (pur alleviando le pene) non garantirebbe la salute della parte traumatizzata.

A questo punto bisogna considerare due fattori:

  • La capacità di rapportarsi allo stress (in funzione della quale quel gene "si fa sentire" di più);
  • La "lettura" di alcune parti del DNA piuttosto che di altre, indotta da segnali esterni alla cellula, che vengono selezionati in base a "valutazioni" a carico della membrana cellulare.

 

Come al solito, il discorso è conseguente a sinergie fra Hardware (genetica) e software (ambiente). Da un po’ di tempo, infatti, si è accettata l’idea che un problema di salute, sia conseguente ad una molteplicità di fattori (ambiente, stile di vita, alimentazione, costituzione genetica, influenze epigenetiche, etc.)

 

Giorgio Marchese - Medico Psicoterapeuta

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Dove nasce la coscienza...
Quando la sindrome affligge il matrimonio...
Il legame tra creativitÓ e follia.
Alla sorgente dei tumori.
Tracce mnemoniche.
Il cervello cresce anche a 50 anni.
DNA e diagnosi tumorale.
La farmacologia dei disturbi d’ansia.
Nella depressione, meglio il farmaco o le cure psicologiche?
Depressione.
Il ricordo della paura..
Leggere e studiare...
Il dolore Ŕ maggiore...
Lo stress e i tumori...
Lo sguardo nel vuoto...
Le oscillazioni delle aree cerebrali.
Abitudini e novitÓ.
La memoria dei colori.
Alzheimer, fra speranze e realtÓ.
Quelli che sentono le voci...
DELLO STESSO AUTORE
La vita in ogni respiro.
Capire l’antifona - Lettera F.
Il prezzo della vita...
Burattini o Marionette?
Far bene l’amore fa bene all’amore...e non solo
L’ansia e la paura.
Il Male oscuro?
Il Pensiero e la coscienza di sÚ.
Fra genitori e figli...
Quanto pu˛ durare una coppia?
Le frustrazioni di un avvocato...
La solitudine.
Quesiti - La deflorazione.
Vai, Valentina!
Cuore e batticuore
Neurorigenerazione...
Emozioni sbiadite...
Il grande Network - Parte seconda.
La biochimica delle emozioni.
Logicamente parlando...
Margherita.
Ascolta il tuo corpo.
La mappa stellare.
Lasciarsi andare...
Solo il cielo.
Il senso dell’abbandono.
Cosý come sono.
Una vera relazione.
Il contatto naturale col mondo.
Dalla finestra.
Alla fine, tutto torna.
Warrior gene.
Fra la sabbia bianca...
Una spugna inzuppata di sentimenti umani!
Dopo l’altro.
La fuga.
La Stanza delle Dinamiche.
L’importanza della vita.
Il rancore, la fragilitÓ, la poesia.
L’anima
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione