HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
I vantaggi di una dieta equilibrata.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

13 luglio 2010



Lunga vita a chi non supera le 1.600 calorie al giorno.


News neuroscienze - P.N.E.I.

Uno studio italiano pubblicato nel mese di aprile 2010 su Science dimostra che una dieta con poche calorie triplica la durata della vita degli organismi unicellulari come i lieviti, raddoppia quella dei moscerini della frutta, allunga del 40% la vita dei topolini di laboratorio.

Nell’essere umano, arrivare a una soglia come quella delle 1.600 calorie, pare che renda il cuore efficiente come se avesse 15 anni di meno ed elimina le cellule di grasso responsabili di molte infiammazioni dei tessuti. Lo studio in questione è stato scritto dai tre massimi esperti di restrizione calorica, fra cui Luigi Fontana, ricercatore della Washington University e direttore del dipartimento di nutrizione e invecchiamento dell’Istituto superiore di sanità a Roma. "Non so se riusciremo a portare la vita dell’uomo a cent’anni - spiega - ma possiamo guadagnare trent’anni di vita sana, arrivando senza malattie all’età di 80-90 anni".

La "restrizione calorica" più che una dieta è una simulazione di carestia: porzioni ridotte al minimo, calorie tagliate di un terzo, vietati cereali non integrali e dolci. Un regime così drastico mette l’organismo in regime di risparmio. Il metabolismo rallenta, i consumi si riducono al minimo.

Il meccanismo è nato all’alba dei tempi per far sopravvivere gli esseri viventi nei periodi di carestia. La restrizione calorica non si basa sull’equazione fra meno cibo e forma migliore. Agisce piuttosto andando a far "leggere" (dall’RNA) una serie di geni legati al ritmo del metabolismo e alla durata della vita cellulare, che fanno parte di un meccanismo ancestrale comune a tutti gli organismi per difendersi dalla scarsità di cibo.

"Nessuno pensa che una dieta simile possa diventare generalizzata - spiega Fontana, che da 7 anni segue una cinquantina di persone sottoposte a restrizione calorica - il nostro obiettivo è analizzare prima di tutto i segnali che l’ambiente invia alle cellule attraverso il cibo. Poi studiare le reazioni che il Dna mette in atto per adattarsi. Infine individuare delle sostanze che agiscono su questo meccanismo e possano essere assunte sotto forma di farmaci per produrre lo stesso effetto della restrizione calorica".

Un suggerimento

Evitiamo di rincorrere sistemi di alimentazione da fame e cerchiamo di riflettere su un evidenza: quando si tratta di fare i conti con la razionalizzazione di risorse, le nostre capacità globali danno il massimo e il meglio, così come in ogni nostra azione comportamentale in cui cominciamo ad attivarci "sul serio" solo quando il tempo stringe.

 

Giorgio Marchese - Medico Psicoterapeuta - docente di Psicologia fisiologica c/o la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad Indirizzo Dinamico (SFPID) - ROMA

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Lo sguardo nel vuoto...
Lo specchio delle emozioni.
PerchŔ gli psicofarmaci, non sempre funzionano?
Le promesse mancate.
NovitÓ dalle cellule nervose non neuronali.
Il cuore emotivo.
Il gene che fa ringiovanire.
Sorridere per ricordare un sorriso?
Leggere e studiare...
Stress, mutazioni... e cancro.
Tutto quello che fa bene al cervello.
Colesterolo e trigliceridi...
Nascere sotto una buona stella...
Scoperto nuovo recettore sulle cellule che producono mielina.
Pseudogeni, RNA, cancro.
Warrior gene.
Scoperta una nuova possibile causa dell’Alzheimer.
Il ricordo della paura..
Leggere Harry Potter...
L’attenzione nel rosso, la creativitÓ nel blu.
DELLO STESSO AUTORE
La biochimica delle emozioni.
Le frustrazioni - I░
A come Amore.
Tessuto Nervoso.
L’angoscia esistenziale.
Il nostro cervello...
Capire l’antifona - Lettera P .
Alain Delon... fine di un grande "bluff"
Il presuntuoso negativo.
Il senso di inadeguatezza.
Paura, autostima e sensi di colpa...
Quesiti - La deflorazione.
Le frustrazioni di un avvocato...
Ossessioni e dispercezioni.
Alle origini della vita - 4░: Il parto
Il Counseling. Cos’Ŕ e a cosa serve.
La presunzione?
La Presunzione...
Meglio fingersi acrobati o sentirsi dei nani?
Alfa 146 1.9 JTD 200 CV.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione