HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
L’accettazione di una possibile trasformazione.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

2 febbraio 2010

"La violenza regna dove l'ingiustizia ingrassa", per chi pensa che al male si risponde con altro male, nell'illusoria convinzione di risolvere i drammi individuali e le tragedie collettive. C'è sempre un momento nella vita di ciascuno, in cui occorre essere consapevoli che non è possibile sopravvivere a noi stessi, in un carcere, in una cella, dove gli occhi non vedono, le orecchie non ascoltano, mentre il corpo resta inerte, scomparsa la ragione, tramortita la fede. E' possibile perdonare? E' consentito all'uomo elevare la propria umanità? La risposta sta solo nel carcere, nella pena inflitta, ma forse la richiesta intima del perdono è atto che riguarda la persona, nessuno si salva, se non sa perdonarsi, se non trova nell'altro gesti e parole d'amore. Pagare il proprio debito alla Società non può significare la creazione di una nuova dimensione di violenza, in una pena distruttiva e immutabile. Un contesto disumanizzato e disumanizzante, come quello del carcere, toglie all'uomo la speranza, non solo privandolo della libertà, ma estraniandolo dalla propria dignità. Privare la persona della possibilità di rendersi conto dei propri errori, significa non consentirle di fare i conti con il peso delle proprie colpe, con le lacerazioni che hanno prodotto la rottura del vivere civile... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO




Ricostruirsi sottende capacità e forza per riparare al male fatto, richiama l’altro-gli altri ad accorciare le distanze, affinché conoscere comporti la scelta più giusta, ove l’uomo che chiede perdono, non con le parole, non con i megafoni, nè con la pietistica, lo fa nei gesti ripetuti, nei comportamenti quotidiani. Rimangono le responsabilità e gli abissi dell’anima, nulla è cancellato, niente è dimenticato, ma sentire dentro il bisogno di perdonarsi, di avere pietà di se stessi, indica la via per l’altro bisogno: essere perdonati per ciò che si è nel presente, condividendo quel bene comune che è intorno a noi. Perdonarsi e chiedere perdono è voce che parla al cuore con note forti per tentare di tramutare l’ansia e il dolore delle vittime in riconciliazione che sia cambiamento fruibile per la collettività tutta. Una vendetta che ripara teatralmente non produce nulla di positivo, e neppure un carcere che mantenga inalterata la follia lucida di chi ha commesso un reato. L’umanità, quando è ferita, richiede maggiore severità nelle pene da espiare, mentre la persona detenuta sconta la propria pena convincendosi di aver pareggiato il conto, di aver pagato quanto dovuto. Invece, riconoscere il bisogno di perdonarsi e perdonare, sottolinea l’urgenza di un percorso umano ( non solo cristiano ) nella condivisione e reciprocità, nell’accettazione di una possibile trasformazione e di un fattivo cambiamento di mentalità. E’ così distante quel verbo nella nostra umanità lacerata. Non può esistere umana vita senza la speranza di una vita migliore, e la speranza è, sì, scienza del non ancora, ma essa avverrà con l’impegno di tutti: colpevoli e innocenti.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La desertificazione di ogni riservatezza.
Transizione infinita...
La giustezza della norma...
Un buon giorno per morire.
Coscienze vaganti e salvadanai selvaggi.
Un Santo in Calabria?
Spigolature di fine anno...
Tanti Auguri.
Riconsegnare, alle persone, il loro valore!
A te che navighi su Internet !!!
Corsi e ricorsi storici...
Nonostante tutto...
Per favore...lasciateci in pace!
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Una rotta da invertire...
Come mai...
Dialogando...
Buona Pasqua...
La gratitudine: un’ispirazione provvidenziale.
Girotondi si...girotondi no
DELLO STESSO AUTORE
Applausi a mani nude.
Pi¨ infantilizzati di quando sono entrati.
Un percorso educativo ostinato e contrario.
La tournÚe nei perimetri dell’assenza.
Alle nove del mattino.
L’indifferenza del sangue.
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Al voto...
Violenza spicciola, che fa male...
Pedagogia del servire
Giovani a perdere.
La fuga e la coscienza.
Il tirapugni del bullo.
Aspiranti professionisti dell’ultima meta.
Un video per un mondo di pace
La prevenzione preziosa.
Amore che non trema.
Spari...
Colpi sotto la cintura.
Una difficile realtÓ.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione