HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Le parole giuste...
di Anonimo  ( info@lastradaweb.it )

13 ottobre 2012






Per evitare il gelo.


Racconti, riflessioni ed emozioni

Attraverso con lo sguardo il foglio bianco di fronte a me, e mi soffermo ad osservarlo tenendo stretta la penna fra le dita. Vorrei che fosse questa pagina ancora a vuota a suggerirmi le parole giuste, a indicarmi le frasi adatte a riempire questo spazio che attende soltanto di poter accogliere nuove storie da vivere e da raccontare.

Le Parole giuste.

Forse non esistono parole giuste che s’incastrino con precisione assoluta nella geometria a volte forzatamente imposta dalla razionalità. Esistono semplicemente le parole che ci appartengono, e che necessitano di ascolto, attenzione e condivisione .

Tutto questo pensare, questo affannarsi a cercare di comprendere, senza mai sentirsi veramente parte del mondo, e qualche volta sentendosi estranei persino a se stessi, rende difficile la ricerca di un senso. Cerco di godermi i momenti rari e preziosi di piacevole sintonia che riesco a ritagliare in mezzo ai troppi vuoti e ne faccio tesoro senza pormi troppi interrogativi. Momenti di leggerezza che regalano un lieve e piacevole tepore che non sempre è possibile provare. Basterebbe poco per lasciarsi andare, ma non posso a fare a meno di avvertire la sensazione che come un presagio lascia intendere che il gelo tornerà.

Gelo che forse potrebbe essere evitato se mi opponessi ai miei stessi tentativi di sabotare la mia voglia di fare, senza fermarmi troppo a pensare, se fossi capace di vivere come penso invece di pesare a come vivo, se sapessi vivere nel presente senza nascondermi dietro al passato vissuto o non vissuto, se eludessi il bisogno di rifugiarmi in un futuro che si può progettare, ma che non si può prevedere o controllare .

Mi domando se l’assenza di dolore sia un segnale tangibile di matura accettazione dei propri limiti e delle sofferenze passate, se sia un primo importante passo verso un cambiamento lento, lungo e laborioso che richiede impegno, cura e dedizione. Oppure forse la cessazione di un dolore rivela una forma di esangue ed esanime rassegnazione, di sonnolenta assuefazione a convivere con quello che manca? Che cosa traccia con chiarezza la linea di demarcazione tra quell’accettazione che consente di crescere, rifuggendo dal crogiolarsi nell’abisso delle proprie solitudini e dei propri tormenti, per venire finalmente a galla a respirare, e la inveterata abitudine a ripetere sempre i soliti schemi, che prima o poi finisce con il sopire non solo ogni turbamento, ma anche ogni desiderio, ogni slancio di vitalità?

E se il silenzio del dolore fosse invece una sorta di anestesia delle emozioni, dei sensi, e dei pensieri che mal si attagliano alla realtà perché non riescono ad essere vissuti, una specie di "congedo" dai propri desideri?

Oppure ancora, l’assenza di dolore non sarà soltanto un momento di dolce pausa, una breve parentesi temporale in cui ci concediamo di alleggerire i pesi che da sempre ci accompagnano e che ci portiamo dentro come una parte integrante del nostro essere, per poi tornare di nuovo a sentirli scoprendo che forse quella leggerezza non era ancora una vera e propria liberazione?

Quasi senza neppure accorgermene, scopro di essere rimasta ancora una volta legata al giogo delle mie contraddizioni, continuando a formulare domande che dovrebbero trovare risposta nella vita vera, vissuta e partecipata, e non nelle solitarie riflessioni fatte di immagini dipinte con la fantasie, e che sembrano non poter trovare un punto d’incontro con le parole di chi invece ha vissuto.


La vita non è uno scherzo.
Prendila sul serio
come fa lo scoiattolo, ad esempio,
senza aspettarti nulla
dal di fuori o nell’al di là.
Non avrai altro da fare che vivere. (Alla vita, Nazim Hiknet)

 

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il deschetto del calzolaio
Un fremito inatteso...
Il Purgatorio...
Accordare parole e pensieri.
Tu lo dovevi capire...
L’arte di ascoltare - E. Fromm.
Attendo...
All’arrembaggio!!!
Via dal nido - R. Bach.
La Corsa, l’Attivitą fisica, lo Sport.
Alla fine.
Avrei voluto chiederti...
Un Amico...
PASQUA di Resurrezione...
A toni grigi.
Le aquile non volano in stormo.
Da donna a uomo...
Troppo speciale...
A mani nude nel parco...
Lo Chalet.
DELLO STESSO AUTORE
Tristezza...
Un fremito inatteso...
Accordare parole e pensieri.
Anonimo - La Ragione e L’Errore,
Non potevo non sbagliarmi...
L’uomo ideale...
Da un granello, un macigno.
Dove torna il pensiero...
Avrei voluto chiederti...
Test Psicologico n° 2 - Numeri e ortaggi
Il vaso della maionese e i due caffč...
La storia di sempre.
Desideri spezzati...
Riflessioni al tramonto...
Una strana sensazione.
Test Psicologico n° 3 - Le tre effe
Alla fine.
...E la musica riempģ il silenzio.
Dove s’infrangono i sogni...
Test Psicologico n° 1 -
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione