HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Hic sunt leones.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

15 dicembre 2009

"Signore sono Giuda, il tuo vecchio amico. Parlo dall'inferno, non dal paradiso. E mi grido dentro, tutto il mio dolore" (Antonello Venditti). Un colpo secco, preciso, mirato... e ti torna in mente una carrellata di gesti inconsulti anche se premeditati. Forieri, comunque, di escalation di brutalità e involuzioni civili. L'odio in genere e, particolarmente, quello politico è un'espressione emotiva che, una volta scatenata, risulta molto difficile da controllare e, men meno, da domare. Certe volte, simili sentimenti si depositano come un veleno in grado di intossicare qualsiasi discussione (pubblica e privata), soprattutto perché tentano di Ridurre l'avversario a un bersaglio da annichilire, tentando la distruzione fisica, morale, umana in genere. L'immagine del presidente del consiglio sanguinante nell'animo oltre che nel fisico, richiama alla memoria la vulnerabilità e la caducità che ogni stella (di prima o di seconda grandezza) si porta dietro, all'interno della sua parabola che, irrimediabilmente, dopo lo Zenith, virerà verso il proprio Nadir. Dall'apogeo verso gli abissi dell'inferno, si cammina, di fatto, in direzione uguale e contraria verso due facce della stessa realtà. "L'ho pagata cara la mia presunzione, io volevo solo essere il migliore. Ora sono qui ultimo tra gli uomini, a portare ancora tutte le spine della tua corona. Scusa se ti cerco... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.



...se ti invoco ancora: Io ti sto aspettando... oggi come allora. Ora devo andare nel buco nero spazio-temporale, nella certezza della dannazione, nel buio freddo dell’umiliazione. Che sarà di me? Che sarà di te?" (Antonello Venditti). Il confine tra la violenza verbale e quella materiale è sempre sottile, vulnerabilissimo. La violenza mentale, prima che verbale, ti porta a considerare chi è contrario alle tue idee come un barbaro da eliminare con ogni mezzo convinto (forse anche in buona fede) che, con simili intenti, si conquisti il diritto di entrare nella Storia. In origine, la locuzione latina hic sunt leones (in italiano, qui ci sono i leoni) compariva sulle carte geografiche dell’antica Roma in corrispondenza delle zone inesplorate dell’Africa e dell’Asia. La frase stava ad indicare che non si sapeva cosa si trovasse in quelle lande sconosciute, a parte il fatto che fossero abitate da belve (alle quali occorreva prestare attenzione). "Ora sono qui, ultimo tra gli uomini a portare ancora tutte le spine della tua corona. Perdonando me, liberi anche te dalla solitudine. Scusa se ti cerco, se ti invoco ancora Io ti sto aspettando, oggi come allora Ero solo un uomo Ora, un uomo solo! L’ho pagata cara la mia presunzione: io volevo solo essere il migliore!" (A. Venditti).

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Che nessun dorma.
Tanti Auguri.
Chi voter˛...
Gi¨ la testa?
Uno per tutti, tutti per uno (tanti partiti, un solo interesse)
Africa, bel suol d’amore...
Lamerica.
Una su tre...
ANAS e ananassi... di bugie.
Quando a morire Ŕ il sistema...
La comunitÓ: un nuovo stile educativo.
Strane cose...
La caduta degli Dei.
Come Tollerare...
L’uomo delle stelle.
A proposito di terrorismo...
Triste e amaro...questo calice beviamo!
L’indifferenza del sangue.
Riemergenza?
L’accettazione di una possibile trasformazione.
DELLO STESSO AUTORE
L’Onore...
La biochimica delle emozioni.
Tessuto Nervoso.
Capire l’antifona - Lettera F.
L’ansia e la paura.
Il nostro cervello...
Neuroni e Nevroglia.
Quesiti - La deflorazione.
La Presunzione...
La coppia, il sesso e la gestione del potere
L’onore delle armi.
Un uomo in vendita.
Il Pensiero e la coscienza di sÚ.
Alle radici della depressione?
A come Amore.
L’etÓ della saggezza.
PermalositÓ, suscettibilitÓ e... offese facili!
Il valore dell’Introspezione...
Il meccanismo dell’Apprendimento.
La vera SolidarietÓ.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione