HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Recuperare il valore delle proprie risorse.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

21 novembre 2009

Il carcere può dire qualcosa di importante, può riappropriarsi della sua funzione di salvaguardia della collettività: " dal carcere ci si può licenziare con merito, oppure rimanere detenuti per ripetizione, ma non si può ripetere la stessa classe quando si è stati promossi a essere se stessi a pieni voti ". In queste poche righe sono condensate tutte le contraddizioni su cui poggia l'intera organizzazione penitenziaria, e non solo, queste parole mostrano il volto dell'indifferenza, un plotone di esecuzione nei riguardi di una umanità che è impossibile cancellare. Chi commette una ingiustizia ha bisogno di essere riammesso nel consorzio civile attraverso l'unica via possibile, la consapevolezza della riparazione, ma perché questo possa diventare pane quotidiano per ogni detenuto, in quanto persona, occorre riconsegnare normalità al metodo umano della rivisitazione del proprio vissuto, la violenza non viene mai dal di dentro, ma dal di fuori di noi stessi. Nei riguardi del carcere bisognerà parlare anche in termini umani, di speranza possibile, non solamente con la voce delle emergenze e delle indicibilità moltiplicate all'infinito, riducendo le misure risocializzanti a meccanismi da operetta, farneticando sull'istituto di riordino come dell'indulto. Per la prima volta nella sua storia... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.



...l’indulto non ha prodotto o innalzato la recidiva, quanti ne hanno usufruito non sono tornati a delinquere, non sono rientrati in massa in carcere, ma anzi molti dei beneficiari hanno optato per una scelta di vita consona alle leggi del vivere civile. Sul carcere si continuano a perpetrare inesattezze evidenti, che fanno sembrare i detenuti-numeri che non potranno mai imparare a combattere l’abitudine del male, eppure il carcere è una parte di società che ha bisogno di avere strumenti di educazione, di quella pedagogia che disegna momenti in cui è possibile raccontare di sé, e nel farlo crea occasioni di ripensamento, una ripartenza della propria dignità personale. C’è chi è così perduto nel "mondo dell’illiceità", da risultare primo tra gli ultimi, in un futuro così insopportabile da compiere il passo più terribile del suicidio. Un carcere malato, insostenibile, è un carcere delle ideologie, dei mercanti di esistenze, popolato di persone non più normali, eppure "dal carcere si può essere licenziati con merito o essere detenuti ripetenti ", così dovrebbe essere, così potrebbe essere, così al momento non è. La pena e il carcere stanno a giustizia, a umanità, anche quella ristretta, rinchiusa, dimenticata, pena e carcere per chi ha contravvenuto, per recuperare alla stessa umanità e allo stesso consorzio civile. Una realtà che dovrebbe indurre a chiederci se è giusto e onesto, guardare sempre e solamente al male che circonda il pianeta sconosciuto, se magari non sia possibile muoversi con una ritrovata dignità, proprio tra i guasti e le smemoratezze che costituiscono il lazzaretto disidratato, non solo per renderlo più vivibile e onorevole, ma soprattutto per mettere alla prova i luoghi comuni, per dimostrare che le persone possono diventare migliori, recuperando il valore delle proprie risorse: il tempo recluso può formare al rispetto delle Istituzioni, e queste al rispetto della dignità umana.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Una promessa importante.
Scempio e imbarazzo alla SNIA di Pavia.
Caino e Abele.
Indulto o inganno?
E’ utile piangere sull’acqua versata?
Domande, che salvano la vita, pi¨ delle risposte.
Calabria ora...
Dall’angolo dove ci si dimentica del loro valore.
L’Onorata SocietÓ.
Semplicemente... Giovanni.
Coraggio delle proprie idee o scontata elezione?
Buon viaggio!
Coma etilico a tredici anni.
Mare... d’amare?
Altro che spegnere la speranza!
8 Marzo, gioie e dolori!
Carcere fondante lo Stato di Diritto.
Buon governo?
Guerra, nel nome di Dio !
Il grande Erg.
DELLO STESSO AUTORE
Complici e vittime plaudenti.
Bullismo e contrapposizioni culturali.
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
Giubileo...
LibertÓ che non ritorna...
L’attesa...
Fare prevenzione...
Precariato adolescenziale e droga.
Morti di serie B.
PASQUA di Resurrezione...
Spari...
Quinto potere.
L’accettazione di una possibile trasformazione.
Terra di Odio...
Una parte di mondo brutalmente mutilato.
Liberare la libertÓ.
In barba al profeta (e a Ges¨ sulla croce).
Giudizi senza appello
Dove muore la civiltÓ.
La speranza che non tutto Ŕ perduto.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione