HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Lo spiraglio.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

13 gennaio 2017






Attraverso le fessure della notte, sbircio.


 

Pensieri degli anni difficili.

Sbircio, dalle fessure della notte incuriosita dai fruscii di uno strano movimento. Inconsueto. Esitando, ma spinta da una forte curiosità, spalanco a lasciare entrare l’intensità luminosa che porta vitalità ed energia, quasi ad abbracciare il nuovo giorno.

A volte gli occhi del mio sentire mi trasportano in piccole dimensioni, fatte di gesti che rientrano nella normalità della quotidianità. Rimango incantata e catturata, quasi obbligata dalla stessa immagine che assume tutto lo spazio. Se escludi il contorno, freddo e squallido, riesci a provare un’intensa emozione, carica e densa di sentimenti puri che non vogliono nulla in cambio.

Pensavo...

L’attività di pensiero porta, trascinando senza scuotere; alimenta, rendendo più ricchi; accelera, i processi che elevano.

Nel buio della notte un suono stridulo rompe il silenzio che accompagna il vuoto che circonda e riempie gli ambienti. Di soprassalto mi sollevo, abbandono l’intensità dei miei sogni e vago alla ricerca di qualcosa che possa giustificare l’intrusione nella mia tranquillità. Percorro tutto intorno lo specchio della mia vita. Non so perché, ma questa notte vuole una risposta, senza più aspettare o rimandare. Anche senza le parole ed immediata.

Ancora una volta non riesco a non pensare alle mani che si intrecciano, agli sguardi che si incontrano tenendosi, senza cercarsi, ma così, nella spontaneità più assoluta che si esprime nella naturalezza dei gesti.

Nel buio più intenso della notte che cede il passo all’aurora, un primo segnale si fa strada. Passa con dolcezza attraverso la fessura della vita. Quella che non vuole chiudersi come le altre, forse perché ancora non ha vissuto abbastanza, oppure vuole farsi attraversare in altro modo.

Rifletto, su quello che gira intorno a me e dentro di me. Ma come è possibile pizzicare le corde più intonate senza aver paura di incontrare una musica sgradita e nello stesso tempo conservare un repertorio limitato? Senza nemmeno desiderarlo.

Si può voler cercare una giusta motivazione ad uno stato d’animo non costruito, che nasce senza chiedere e forse un po’ fa soffrire? Oppure lasciarlo libero e senza le costrizioni che a volte rivestono le tante parole.

Lo spiraglio...la speranza...

La stagione appena chiusa se ne và accompagnata dall’amarezza, come se non avesse vissuto abbastanza nelle serate senza fine.

Con un po’ di dispiacere mi volgo indietro e, lasciando uno sguardo su quanto è stato, procedo in avanti, inseguendo le legge di Natura.

A volte non riesco a distinguere, mi confondo sulla realtà e, liberando i pensieri senza limiti, mi ritrovo intrappolata all’interno di una gabbia fatta di emozioni che non esistono. Solo nella realtà che crea la confusione.

Sposto lo sguardo e trovo innanzi a me una paura un po’ celata, ma non troppo. Fra un singhiozzo ed un sospiro provo a tendere la mano senza urtare. Vorrei poter trasmettere un barlume di fiducia, anche se il contorno è avverso e poco lascia da sperare. Provo a liberare la fantasia, immaginando e raccontando una storia che faccia sognare anche solo per un istante. Quel che basta per passare, superare ed uscire finalmente liberi dalle tormente che quest’oggi popolano il cielo.

Lontano da casa.

Imparo finalmente a rispettare le mie paure. Non più ossessioni che si ripetono fino ad esaurirle, ma considerate come una delle parti più umane; affrontate, senza dovere necessariamente trovare una soluzione a che si volatilizzino; accettate e non per questo avvertire di aver perso una partita.

Ho sempre paura di perdere le parole che ricamano l’armonia, che si legano tenendosi per mano intonando una poesia. Cerco lo spiraglio, senza però volere che si espanda. Esprime meglio e illumina gli angoli più bui.

Mi intenerisco guardando la curiosità che non si lascia spegnere, colma di conoscenza ma non ancora satura.

Un sentimento non si deve gestire. Vivere semmai.

 

Fernanda

(12 Novembre 2009)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
L’inizio.
Con un velo di tristezza...
Il momento.
Amare... per me.
Ancora qui.
Sintonie.
A mille, ce n’Ŕ...
La forza in sé.
A chi ama la pioggia...
Sulla pista di decollo...
Il dono della vita.
Il senso dell’abbandono.
Incontro all’alba.
Voglio cambiare colore e penna!
Il valore delle persone.
Scorci di una Estate
Una spugna inzuppata di sentimenti umani!
Le sbandate non controllate.
Un buon Natale...
Una vera relazione.
DELLO STESSO AUTORE
La mediocritÓ.
Il profumo di un laboratorio.
Il coltello nella piaga.
Ricomincio da tre...
L’Ansia e la paura.
Il legame tra creativitÓ e follia.
La passione.
Grazie...
Il senso dell’abbandono.
Il giorno dopo.
Uno sterile scambio di informazioni.
Non riusciva a vedere la luna...
Qualcosa di diverso.
La punta dell’iceberg.
Il libro non ha tempo.
La fimminata.
La sofferenza nascosta.
Tutto al caso.
Le risposte.
Il profondo cratere (Che divide).
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione