HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il carattere - 2
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

8 novembre 2009



Esiste una parte del carattere che possiamo definire innata?


In biologia, gli elementi caratteriali sono detti acquisiti se vengono "importati" dall’individuo nel corso della vita per cause ambientali, mentre li si definisce ereditari se vengono trasmessi geneticamente da una generazione all’altra.

Per quanto riguarda l’aspetto corporeo, si riconoscono influenze tanto genetiche quanto ambientali: basti pensare che, una persona, pur somigliando somaticamente alla famiglia di appartenenza, subisce, tuttavia, influenze rilevanti sul fenotipo genetico (manifestazione dei caratteri ereditari) dalle condizioni ambientali.

In merito all’aspetto psicologico, si fa sempre più strada la convinzione che gli elementi genetici si possono individuare soltanto nelle componenti di base della personalità; il resto è attribuibile all’enorme flusso di informazioni che affluiscono lì, dove ha sede la memoria (Ippocampo e lobi temporali dell’encefalo)fin dal periodo della gestazione e per tutto il resto della vita: questo, è dimostrato che determina imprinting altamente condizionanti.

Considerando tali convincimenti scientifici, si fa fatica a credere che il carattere di una persona rimanga immodificato e immodificabile. Al contrario, si è sempre più propensi a ritenere (anche sulla base degli esperimenti più evoluti), che risenta profondamente di elementi esperenziali in grado di plasmare in continuazione i nuclei genetici di base, interpretati alla stregua di fondamentali potenziali di base.

Se il carattere di una persona non si estrinseca su base genetica ma risulta in funzione dell’ambiente circostante, come mai, allora, in una stessa famiglia si hanno figli che si comportano in maniera molto diversa fra loro?

Possiamo spiegare il tutto ricorrendo ad un esempio pratico: il carattere di una persona è simile ad un’opera d’arte modellata da un artista (famiglia, ambiente esterno in genere). Quest’ultimo, col passare del tempo, modifica il proprio modo di essere e, di conseguenza, esprime il proprio cambiamento, mediante delle creazioni sempre differenti l’una dall’altra.

In sostanza, la vita di ognuno si iscrive all’interno di una storia ampia e ricca di eventi. Questo panorama, incide su ciò che molti neuroscienziati (tra cui il Nobel Gerald Edelman) ritengono essere la base della nostra vita, la cosiddetta "coscienza nucleare" (in cui ha origine il dialogo fra le microparticelle che risiedono negli atomi del DNA di ciascuna cellula), si propaga, mediante reti neurali, nell’area encefalica (corteccia, formazione reticolare, talamo, ippocampo, etc.) in cui si determina la "coscienza "di base" (prevalentemente consapevole, grazie alla quale ci rendiamo conto di esistere e ci localizziamo nello spazio e nel tempo) e si manifesta al mondo esterno, mediante il carattere, con tutte le sue molteplici sfaccettature (o funzioni)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Quesiti - Il controllo e la gestione dell’ansia.
Quando la tecnologia fa male ai ragazzi.
Quesiti - Emozioni intestinali.
Come si gode una vacanza?
Gorghi e ingorghi mentali.
Quesiti - Genio si nasce?
Quesiti - Il tradimento.
Ansia acuta e cronica...
Le paure sono innate...
Il tempo, la vita e lo stress .
Fobie...
Vigilanza, attenzione, concentrazione e riflessione.
Quesiti - Banche e accesso al credito...
Depressione e attacchi di panico.
Quesiti - Tre metri sopra il cielo...
Come si tengono a bada le idee scorrette...
L’IdentitÓ.
Ansia...
Quesiti - Le ossessioni.
Quesiti - Gli errori di valutazione in relazione al tempo e allo spazio.
DELLO STESSO AUTORE
La vita in ogni respiro.
Capire l’antifona - Lettera F.
Il prezzo della vita...
Burattini o Marionette?
Far bene l’amore fa bene all’amore...e non solo
L’ansia e la paura.
Il Male oscuro?
Il Pensiero e la coscienza di sÚ.
Fra genitori e figli...
Quanto pu˛ durare una coppia?
Le frustrazioni di un avvocato...
La solitudine.
Quesiti - La deflorazione.
Vai, Valentina!
Neurorigenerazione...
Emozioni sbiadite...
La biochimica delle emozioni.
L’angoscia esistenziale.
Rimorsi... sensi di colpa.
Tessuto Nervoso.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione