HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Una bellissima giornata d’estate.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

10 agosto 2009






La storia di Strello.


Pensieri degli anni difficili - 119

Forse la prossima storia parlerà di aquiloni che incontrano il cielo, ascoltano le voci del vento e, quando si posano sulla terra, bisbigliano alle orecchie di chi sa ascoltare le mille favole che hanno afferrato fra le nuvole sfuggenti di una bellissima giornata d’estate.

Una bellissima giornata d’estate!

Sono giorni altalenanti questi, fra le torride note che confondono, intervallate da sprazzi di cielo che ti fanno ricordare quanto sia importante respirare e fare respirare.

La storia dell’aquilone detto "Strello" nasce in una domenica di riposo dalla calura. Quando le onde del mare sono alte al punto giusto da lasciare dondolare e non troppo da permettere alla paura di avanzare.

La spiaggia è un campo giochi, pochi gli sguardi, lontano lo schiamazzo, se non il rumore delle onde che, quest’oggi, hanno deciso di mostrarsi birichine.

Guardo l’orizzonte e mi accorgo della vastità del cielo proiettato su di un mare immenso. E questo senso della grandezza un po’ mi intimorisce.

Ne vedo molti in lontananza, volteggiano, alcuni sicuri nelle loro traiettorie. Sono quelli che hanno conformato la loro sagoma alla direzione dei venti, quindi si muovono senza ondeggiare, ma seguendo rigidamente i flussi d’aria. È difficile che questi si spezzino oppure cadano, lasciandosi andare. Sembrano tutti uguali: arancio di colore con un po’ di nero che contrasta, ma se guardi attentamente non ce n’è uno che assomiglia all’altro.

Mi fermo e decido di prenderne uno per me, per provare indirettamente l’ebbrezza del volo, o forse solo il piacere di ritrovarmi nel paese dell’infanzia a godere della libertà del gioco su di un campo fatato. Poche parole e tanta umanità. Mi si stringe un po’ il cuore pensando alle cose essenziali che spesso sfuggono, quando siamo invece presi dalle mille incombenze che ci sembrano a volte indispensabili. E invece...

Il vento soffia e mi trascina sulla riva delle onde, dove arrivano freschi gli schizzi dell’acqua e, proiettandomi in un tempo ormai passato, ma sempre vivo, mi ritrovo con il viso ad allungare lo sguardo verso la profondità del cielo.

Tendo il filo e catturo l’interesse di qualcuno che si è fermato ad osservare con curiosità.

Un giro dopo l’altro raggiunge il punto più alto e lì sembra fermarsi al centro a sovrastare e guardare tutto quello che avviene giù. Sembra immobile e sospeso ad ali spiegate quasi ad abbracciare il vento, ad accoglierlo con tutto il calore, come fa l’essere umano quando "vuole" perché finalmente "può".

La libertà che emana si coglie dal profumo. Ancora una volta più sensi lavorano in perfetta sintonia a farti percepire il piacere dello spazio, la fragranza della volta.

-Ti senti già in volo?

-No, no. Ancora sono molto sulla terraferma. Ce ne vuole prima di potermi sentire veramente libero da lasciare tutto quello che assilla e mi trattiene e potere sollevarmi a braccia tese verso l’alto.

È incredibile come si possa provare lo stesso desiderio, nello stesso momento, in luoghi diversi ma non tanto lontani. Anche quando le corde sono allentate perché tenderle potrebbe risultare pericoloso per la sfera dei sentimenti... Ma poi, a sorpresa, ci si ritrova a raccontare la stessa cosa vissuta, lo stesso desiderio, nello stesso momento, in luoghi diversi ma non tanto lontani. E si fa veramente fatica a pensare che possa essere la casualità la chiave, la spiegazione, è molto più reale immaginare che sia la sintonia a legare le anime. Anche quando si tratta di aquiloni...

Il soffio per un momento decide di fermarsi e lui, assecondando il suo desiderio, comincia una lenta discesa. Da lontano sembra accompagnato da un velo di tristezza, in realtà, quando è così vicino a me da poterne sentire l’odore di cielo, è pieno di parole da trasmettere e raccontare. Mi siedo accanto alla riva, là dove arrivano violente le onde che aumentano ad ogni giro il loro ritmo, sia di potenza che di intensità e dove sento e meglio apprezzo tutta la maestosità della Natura.

Presto ascolto e rimango incantata dalle mille storie che vivono nell’alto, oppure che si colgono dall’alto. Non è importante dov’è che prendono vita, ma poterle abitare e immaginare.

Fernanda

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Con sentimento.
La costruzione.
Regali...
La punta dell’iceberg.
A meno
Sintonie.
Cosý come sono.
Da vivere e da inventare.
Il barbone e il diamante.
Sulla lama del rasoio...
Perdersi.
Una vera relazione.
A ciascuno il suo!
La freschezza.
Di uguale importanza.
Ricordi...
Due zingari...
Voglio cambiare colore e penna!
La data di scadenza.
Sentimenti.
DELLO STESSO AUTORE
Per come sei.
La linea di demarcazione.
Pisello pride...
Un elefante...
Cadere...
Il volpone sprovveduto...
Le parole nel silenzio...
La lampada di Aladino.
Una bicicletta da cross.
La trasparenza.
Il silenzio intorno a me.
Traduco...
Perdutamente.
Nei giorni a venire...
Un motivo in pi¨.
Magia.
Un essere umano.
L’amore in sÚ.
Lo stile di vita adottato.
Estate.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione