HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Modifiche del regolamento condominiale.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

29 luglio 2009



Limiti e maggioranze.



Le modalità di modifica del regolamento di condominio, come più volte confermato dalla giurisprudenza, variano a seconda che si tratti di regolamento di origine contrattuale o di regolamento assembleare.


I
l regolamento assembleare è quello disciplinato dall’articolo 1138 codice civile, che lo prevede come obbligatorio nei condomini con un numero di condomini superiore a dieci, stabilendo che esso richiede, per l’approvazione da parte dell’assemblea, la maggioranza qualificata di cui all’art.1136 2° comma codice civile, ossia la maggioranza degli intervenuti che rappresenti almeno la metà dei millesimi complessivi. Tale regolamento contiene la regolamentazione dell’uso delle parti comuni, della ripartizione delle spese, norme sul decoro dell’edificio e norme sull’amministrazione, ma non può imporre limiti ai diritti di ciascun condomino, pena la nullità delle clausole.


Il regolamento di origine contrattuale richiede l’approvazione unanime dei condomini (spesso viene approvato per relationem perchè richiamato nei singoli atti di acquisto), e contiene clausole che limitano i diritti dei condomini sulle proprietà esclusive o comuni o che attribuiscono ad alcuni di loro maggiori diritti rispetto agli altri. In particolare, come precisato dalla Corte di Cassazione (sentenza n.11684/00), esso può contenere: l’imposizione di pesi a favore di proprietà a carico di altre (servitù); prestazioni di condomini a favore di altri (oneri reali); imposizioni di limiti al godimento di unità immobiliari (ad es. divieto di tenere animali o di adibire l’appartamento a determinate attività).


A differenza del regolamento assembleare che può essere modificato a maggioranza, il regolamento contrattuale può essere modificato solo all’unanimità, o meglio, come chiarito dalla giurisprudenza (sentenza Cassazione n.5626/02), solo le clausole relative alle materie effettivamente di natura contrattuale richiedono, per la modifica, l’unanimità, mentre per la modifica delle clausole cosiddette regolamentari (quelle previste dall’art. 1138 cod.civ.) è sufficiente la maggioranza qualificata di cui all’art. 1136 2° comma cod. civ., anche se contenute in un regolamento di origine contrattuale.


Pertanto, ove un condominio abbia adottato un regolamento contrattuale, per la modifica occorre l’unanimità solamente per modificare quelle clausole che attribuiscano limiti o facoltà maggiori ai singoli condomini, mentre per la modifica delle norme ordinarie, come quelle relative all’utilizzo delle parti comuni, basta la maggioranza qualificata.




Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Invaliditā delle delibere condominiali.
Ascensore condominiale.
Condomini consumatori.
La ripartizione delle spese nella manutenzione del tetto.
Danni causati da infiltrazioni d’acqua.
Destinazione a parcheggio di un’area condominiale.
Assemblea condominiale e deleghe.
Uso aree condominiali.
Le case "a schiera" possono costituire un condominio?
Sosta abusiva nel cortile condominiale.
Quesiti legali-Locazione di immobili e sicurezza.
Obbligatorietā nomina amministratore condominiale.
Violazione del regolamento condominiale.
Canna fumaria e condominio.
Infiltrazioni e allagamenti in condominio
Deroghe ai criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Autogestire il condominio.
La manutenzione dei balconi.
Veranda e condominio.
Notifica di atti indirizzati al condominio.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinitā e famiglia di fatto
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Quesiti legali- Assegno e prescrizione.
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali-L’adulterio č un reato?
Indennizzo per infortunio sul lavoro o malattia professionale.
Solidarietā familiare: gli alimenti.
Quesiti legali-Quando un figlio maggiorenne convive more uxorio....
Nessuna scadenza per l’assegno di divorzio.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Quesiti legali-Compatibilitā tra guida e psicofarmaci.
Gli effetti del matrimonio annullato
Locazione ad uso commerciale e riscaldamento.
Quesiti legali-Rifacimento del terrazzo condominiale.
Quesiti legali-Danni da caduta di albero e locazione.
Quesiti legali - Un genitore ha il dovere di mantenere figlio maggiorenne e nipote?
Quesiti legali-Cambiali scadute non pagate.
Previdenza: condanna alle spese.
Quesiti legali-Contratti e bisogni della famiglia.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lā del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lā - Curiositā
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitā e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione