HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Dalla famiglia, la sfida al rinnovamento.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

1 maggio 2009

"Eclisse del mondo adulto", qualcuno ha così decodificato la realtà in cui gli adolescenti si appropriano del senso di appartenenza al vuoto, un nuovo amico che tace, accondiscende nel silenzio riverente. Ogni volta che l'incontro con il mondo dei grandi prende il via, accade qualcosa che sovverte le certezze e sicurezze riposte in bella mostra, armature luccicanti in dotazione a un esercito schierato, come a voler respingere qualsiasi attacco esterno. Il nemico non è quello dei barbari al di là del confine, degli indiani relegati nelle riserve, è seduto alla nostra tavola, partecipa alle nostre feste, sta riparato dalla speranza contusa ma insopprimibile che riponiamo nei nostri figli. Discutere di violenza, di quella capacità a offendere e ferire, di quella volontà a umiliare e lacerare, con cui gli adolescenti si fanno la guerra, equivale a dichiarare aperto un altro fronte di conflitto, quello esistente tra gli adulti, ed è in questa linea mediana incendiata dall'irresponsabilità che si guadagnano i galloni da generale i bulli. Proprio in quello spazio fintamente neutro, ove sottolineare l'autorevolezza necessaria a gestire i conflitti, i grandi hanno perduto una grande occasione, confutando l'estrema importanza del rispetto delle regole, prese a calci in anni oramai consunti... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.



...e non più spendibili a buon esempio. Gli adolescenti si coalizzano con le loro regole, le loro abitudini, i loro totem e scambi veloci, nel contempo il mondo degli educatori si sgambetta, manomette gli indici di ascolto, le stesse attenzioni in particolarità senza remissione di peccato. I conduttori di idee ed emozioni deragliano a seconda dei propri bisogni e desideri, con il risultato di confondersi con uno stato delle cose reso volutamente accettabile, una specie di raggiro mimetizzante per non perdere tempo con le sottigliezze, le cose normali, come le ragazzate che lasciano il tempo che trovano. Il pianeta adulto c’è, esiste, è presente quando deve castigare le intemperanze del bullo, un po’ meno per chiarire con la stessa determinazione, un altro concetto, altrettanto importante, quello della propria capacità a esserci nei momenti del dialogo e del confronto che fanno abituare alla fatica, per pensare la violenza come uno strumento di eliminazione e non di superamento di un problema. Si interloquisce alla scuola della precarietà della parola, eppure il futuro di questi genitori di domani è racchiuso nell’accettazione della sfida al rinnovamento della famiglia di oggi, di quanti credono in un progetto educativo e una collaborazione di contenuti, che risolva una volta per tutte il disamore per il mestiere più difficile, che costituisce-costitutivamente il valore fondante della nostra storia. Per cercare di disarcionare la disattenzione degli adulti a casa, a scuola distanti dai banchi presi a calci, e distinguere tra comportamenti prevaricanti inaccettabili, e atteggiamenti competitivi esilaranti, c’è urgenza di confidare nelle capacità professionali e umane di chi conduce e allena alla palestra della vita i più giovani. Ci vengono in aiuto le parole di don Enzo Boschetti: "con l’amore e la fiducia" delle proprie emozioni che non ci rendono oppressi dai fallimenti, ma entusiasti di avere di fronte persone disposte a ripartire, a ricominciare, nel rispetto cui ognuno è dovuto per ri-conquistare il proprio equilibrio e la propria dignità, di più, per riconoscere nell’altro la parte di noi mancante.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Una riflessione da svolgere con cura.
Liberare la libertÓ.
Il colore della libertÓ.
Professori di musica!
Recuperare il valore delle proprie risorse.
Santa Pasqua
Il male di vivere
Scusate il ritardo.
La condanna del silenzio.
La giustezza della norma...
Ah, scellerati!
Sono cose che possono accadere!
H1N1
Misfatti...
ANAS e ananassi... di bugie.
Hic sunt leones.
Non si finisce mai d’imparare...
E’ utile piangere sull’acqua versata?
Navigatori, esploratori del multimediale.
Nel fortino delle illusioni.
DELLO STESSO AUTORE
Applausi a mani nude.
Pi¨ infantilizzati di quando sono entrati.
Un percorso educativo ostinato e contrario.
La tournÚe nei perimetri dell’assenza.
Alle nove del mattino.
L’indifferenza del sangue.
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Al voto...
Violenza spicciola, che fa male...
Pedagogia del servire
Giovani a perdere.
La fuga e la coscienza.
Il tirapugni del bullo.
Aspiranti professionisti dell’ultima meta.
Un video per un mondo di pace
La prevenzione preziosa.
Amore che non trema.
Spari...
Colpi sotto la cintura.
Una difficile realtÓ.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione