HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Tre ingiustizie da riparare.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

5 aprile 2009

In una scuola lombarda per svolgere il tema: bullismo, che fare ? C'è una grande difficoltà ad ammettere questa forma di disagio, e perfino una non troppo velata presunzione a negarne la presenza in casa propria. Che ciò non si verifichi in tutti gli istituti scolastici è chiaramente una cosa buona, ma svolgere un intervento educativo, una forma diretta di prevenzione, per conoscerne i lati oscuri, quelli meno avvistabili persino da chi è deputato a ben vedere e meglio leggere una eventuale forma di disagio nei giovani, ritengo sia altrettanto buona cosa da svolgere tutti insieme. Ho incontrato ragazzi vivaci e pronti al gioco, ma soprattutto ho avuto modo di apprezzarne la partecipazione, l'attenzione e collaborazione a fare i conti con eventuali forme bullistiche. Allievi e docenti attenti a considerare nel rispetto delle distanze che sottendono i ruoli e i significati delle parole, lo sforzo di crescere insieme, di non dare forfait sotto il peso della fatica, quella che attende il ragazzo impegnato nello studio, e l'adulto-educatore a modificare un apprendimento sociale a volte irresponsabile. Raccontare a una classe di adolescenti posizionati al nastro di partenza, l'importanza di custodire la propria libertà, nel rispetto che ci vuole per mantenerla inalterata, farlo anche dove non c'è violenza né... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.



...prevaricazione, quanto meno per non ritrovarsi smarriti e privi di strumenti a difesa se improvvisamente dovesse accadere, o solo perché conoscere significa non avere paura di affrontare i pericoli e le conseguenze. Occorre parlare di queste cose, farne materia di confronto, bisogna costringere a uscire dal proprio fatalismo come dalla disattenzione, raccontare come un bullo, un violento, un prepotente, è artefice di tre grandi ingiustizie, che relegano la giustizia a fare da palo alla propria inefficienza. Tre ingiustizie che occultano l’anormalità quotidiana, la prima riguarda la vittima, quello etichettato a sfigato, lacerato e contuso nell’anima, che subisce la violenza senza ricevere il sollievo irrinunciabile della riparazione. La seconda ingiustizia concerne i compagni-complici nel silenzio, quelli che sono fiancheggiatori per paura e disamore per la verità, perché costa impegno e fatica, ma abbatte l’infamia dell’omertà, che fa pagare il prezzo più alto agli innocenti. La terza ingiustizia colpisce l’eroe negativo, lo pseudo-furbo del gruppo, quello che non è mai escluso, ma sempre al centro della commedia da recitare, ma spesso apparire sulla pelle dei più deboli con l’arma della violenza, significa perdere contatto con la realtà: allora la panoramica muta sembianze, la visuale non è più la stessa, e la caduta conseguente si fa dirompente, tutta dentro una finzione del silenzio inaccettabile. Bulli di una società disarcionata dalle sue regole, che invece sono terra fertile per fare ottenere all’albero della vita radici profonde, da non spiantare alla prima folata di vento. Ritorno da quella scuola con una grande speranza, in forza dei tanti insegnanti, degli educatori, delle persone formate alla pazienza della speranza, che non ci consente di abituarci mai ad una scuola disabitata di amore e di fiducia.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
CARI NAVIGANTI, SIAMO TORNATI!
Associazionismo...
L’Unione Europea.
Gli ultimi giorni di...
Come le rondini...
Verba volant...
Solidarietą e risorse umane
Una rotta da invertire...
Fratelli d’Italia?
Quel pasticcio chiamato QMO...
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Il mondo adulto, che disastro!
Il banchiere di Dio (... e dei poveri).
Johann Wolfgang von Goethe - I dubbi dell’amore.
La giustizia giusta.
Il paese dei balocchi.
Bush Vs Saddam.
Ndrangheta.
Buon governo?
Realtą e Veritą
DELLO STESSO AUTORE
Parole in trappola...
Ti ho conosciuto sulla croce della pace...
Studenti, insegnanti e genitori .
Amore che non trema.
La casa del Cuore...
A difesa della dignitą personale.
La prevenzione preziosa.
Dalla famiglia, la sfida al rinnovamento.
Come rumore di carta sfogliata.
Nullatenenti delle relazioni.
Era uno di quelli...
L’accettazione di una possibile trasformazione.
Parole in trappola...
Un uomo in vendita.
Conoscenza e solidarietą.
Bandane al vento...
Il falco dagli occhi lucidi.
Un intruso gioca con la tua vita.
Un video per un mondo di pace
Un uomo in vendita.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione