HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Adesso se ne pu˛ parlare.
di Dora Principe  ( kartasia@tiscalinet.it )

13 febbraio 2009

Adesso se ne può parlare. Adesso, alla dolorosa, ma legittima conclusione di un dramma tutto personale di una donna "libera" e del suo dolcissimo papà. Alla fine della voluta, inaudita, ripetuta violenza praticata da una parte moralista e ottusamente ipocrita sulla scelta e il libero arbitrio di un essere umano a danno dello stesso e chi, legittimamente ed amorevolmente, ne fa le veci. Alla fine di una ammirevole e coraggiosa resistenza di un padre, al naturale dolore, che accompagna la drammatica morte di un figlio infinitamente, disumanamente aggravata dall'intromissione di estranei, che insistentemente e cinicamente frugano nella tua anima, instillando nell'opinione pubblica, l'atroce dubbio del "marcio". In quella parte di opinione pubblica particolarmente dedita, per debolezza e profonde paure, a seguire un credo di comodo e di facciata, che salvi la propria anima e dia un senso alla incapacità di affrontare e superare le proprie difficoltà e le conseguenze, inevitabili, di scelte, autonome e sofferte, fatte con rispetto; in piena coscienza. Rispetto per la vera vita, per l'individuo interessato e chi lo accompagna nel suo difficile percorso. Rispetto per il privato... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.




...privatissimo; per l’interiorità più profonda; per l’inconoscibile parte di anima nella quale nessuno, al di là di chi è strettamente e intimamente coinvolto per volontà del vero e unico protagonista della triste vicenda, ha diritto alcuno di entrare e cinicamente scavare per dar sfogo alla propria incapacità di affrontare le durezze della vita, nel suo naturale corso accettandone i limiti così come di fatto predicano, razzolando invece male; malissimo! È facile, lo è sempre stato, parlare e decidere; condannare senza capire; imputare e imporre la propria volontà a gli altri. È intrinseco, chissà per che, nella mente di chi aderisce a qualsiasi, assoluta convinzione, della giusta e dogmatica esistenza di "qualcuno" che decida per noi alleggerendoci dalle vere, e più difficili, responsabilità: quelle dell’anima, della coscienza. La vera, unica, onnipresente presenza che può intaccare il fragile equilibrio della sopravvivenza al dolore. Ma quando si è in buona "fede", quando si è puliti, onesti, quando si ha il coraggio del profondo e amorevole rispetto, si può essere come Beppino Englaro. Quando si ha senso civile, quando si possiede quella lucidità e onestà intellettuale, che sole, possono incanalare un indicibile e privatissimo dolore sulla strada dell’utile, intraprendendo una lotta in nome della civiltà per la civiltà. Pensavamo di essere un paese civile!? Riflettiamo, per una volta tacciamo e ascoltiamo, rispettiamo e mettiamoci nella condizione di poterci assumere le responsabilità delle nostre scelte. È stata iniziata per noi, da un solo, straordinario, "semplice" uomo una lotta per la libertà e il diritto "privato"; sfruttiamola al meglio, adesso tocca a noi. Facciamo le nostre battaglie, comportiamoci da adulti e lasciamo finalmente in pace chi ha scelto di vivere il dramma per svegliare le coscienze assopite nell’indifferenza o stordite dall’oblio di un credo; chi ha scelto la strada, in salita, della legalità per dare legittimità al proprio diritto alla coscienza e al rispetto di essa. Riflettiamo, e adesso: lottiamo... grazie Englaro!

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Gli occhi di Karol.
Associazionismo...
Morte di un presentatore TV.
Un passato da tenere pancia a terra.
Ah...Trenitalia!
Omaggio a Raimondo Vianello.
Johann Wolfgang von Goethe - I dubbi dell’amore.
Che ne sarÓ di noi?
Alitalia...
Natale di guerra !
150 anni, per un’Italia ancora alla ricerca della propria identitÓ.
Una croce sulla libertÓ.
Un pianto dignitoso.
Mare... d’amare?
Alla scuola delle emozioni.
Quando il sonno della ragione genera mostri...
Quel pasticcio chiamato QMO...
Come rumore di carta sfogliata.
Il triello.
LibertÓ non Ŕ uno spazio libero.
DELLO STESSO AUTORE
Integralismo e libertÓ
Ce la sentiamo...e basta!
Crescere Ŕ difficile.
Non ci ferma nessuno!
Stress...
Io e l’amore
19 Marzo, Festa del PapÓ.
19 Marzo .
Siamo tutti contenti!
I demoni dell’errore.
Se questo Ŕ amore...
Aiutiamo la memoria!
Impeto e assalto.
Il parere...
Persone e ruoli.
Il futuro della Scienza.
La vera libertÓ.
Amore e passione.
A tutti i bimbi del mondo
Diventare papà.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione