HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Analfabetismi affettivi e contaminazioni subliminali .
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

15 dicembre 2008

Se mai qualcuno abbia svolto servizio di volontariato in un dormitorio, saprebbe come la figura del clochard sia distante da quella raccontata in certa letteratura romantica, che lo vorrebbe felice e contento del proprio abbrutimento psicofisico. Il clochard, il barbone, adagiato sul cartone o sulla panchina è soltanto un uomo solo, impreparato alle nuove sfide, oppresso dalle proprie lentezze e stanchezze, fragile e ultimo davvero, per questo dovrebbe suscitare il rispetto dovuto. In quattro si sono adoperati per estinguere il clochard di turno, per arrostirlo e spedirlo all'altro mondo, in quattro per uccidere un uomo inerme e inoffensivo, ma colpevole di essere una persona abbandonata. Hanno cosparso di benzina una persona adagiata su una panchina, hanno tentato di farne un bel falò, non per fanatismo religioso, nè per razzismo congenito, lo hanno preso di mira perché tanto è una "cosa" senza valore, anzi un fastidio da scacciare via, in fin dei conti è uno di quelli non bello da vedere, da sloggiare in fretta dai parchi, dalle vicinanze dei cassonetti, dalle chiese, perché no anche delle città illuminate. Quattro "bravi" ragazzi, ciascuno con il suo bel pedigree fornito dalla scuola, dal datore di lavoro, dalla famiglia... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO,CLICCARE SUL TITOLO.



...ognuno con in tasca un pezzo di futuro già bello e confezionato. Quando si è dei mentecatti in quattro il coraggio lo si trova nella fisicità di un sorriso, di una smorfia, la sfrontatezza dell’intesa è sottotraccia al tubo di birra, di una canna, di uno sniffing, sopra il palcoscenico dove inizia la recita, al nastro di partenza, per la finale assoluta, per uscire finalmente dalla maledetta anonimia, dalle stramaledettamente uguali serate al bar a fare niente, se non a costruire percorsi di guerra mentali, tanto per non restare schiacciati dalla propria insignificanza. In quattro a pensare di annientare chi sta dietro, per la paura di esser conciati peggio. Forse accade per assenza di un tempo e di un impegno che riesca a sdoganare l’emozione di una relazione importante, di un incontro da ricercare per non esser costretti alla resa di fronte al niente di una coscienza infantilizzata. Il barbone brucia, l’adrenalina sale fino a stracciare gli analfabetismi affettivi, le contaminazioni subliminali, il reality non è solamente di casa in tv, nei tiggì, nelle pagine patinate, è qui e ora, e noi finalmente siamo i protagonisti, chi se ne frega se attraverso le sofferenze di un poveraccio. Emergenza educativa? In questa constatazione c’è tutta l’impresentabilità del mondo adulto, da quello genitoriale a quello professorale, impegnato a fare cassa piuttosto che fatica preventiva, per inchiodare alle proprie responsabilità chi pensa che esistono persone diverse e quindi di minore importanza, di così basso profilo da risultare insopportabili. Questi quattro "bravi" ragazzi ci fanno comprendere che questa mimetizzazione di normalità malata crea inquietudine, attese, desideri che divengono indicibili, fino a relegare in un angolo una parte di umanità, quella più giovane, inconsapevole di erigere rifiuto e distanza nella comprensione degli altri, soprattutto di quelli meno fortunati.

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Scempio e imbarazzo alla SNIA di Pavia.
La Sirena.
L’Onorata SocietÓ.
Sinistri scricchiolii ad Est di Capo Matapan.
H1N1
Quando giungerÓ il tempo di riparare...
In barba al profeta (e a Ges¨ sulla croce).
Fare teatro in carcere, cosa significa?
Ricchezza effimera.
Giuda accanto a noi.
Potere e volere....
Riconsegnare, alle persone, il loro valore!
Colpi sotto la cintura.
Quel lungo e lento viaggio di ritorno.
Giustizia che trasforma.
Tasse: cui prodest?
C’era una volta il Bel Paese...riflessioni d’inizio stagione
Addio, bandiere blu!
Altro che spegnere la speranza!
Intifada?
DELLO STESSO AUTORE
Ges¨ dovrebbe rifiutarsi di risorgere!
LibertÓ va cercando ch’Ŕ sý cara...
Un uomo in vendita.
Nascosti, dietro la festa della donna.
Un passato da tenere pancia a terra.
Amore che non trema.
Quest’anno il Bambino Ŕ nato a casa mia...
La casa del Cuore...
Spread, articolo 18 e vecchi merletti...
Che nessun dorma.
Aspiranti professionisti dell’ultima meta.
Riconsegnare, alle persone, il loro valore!
Natale 2015
Vittime... O Carnefici?
Dal baratro alla rinascita.
Ma... cos’Ŕ, la LibertÓ?
Alle cosiddette persone civili...
Educare...
Nuova quotidianitÓ del vivere civile.
La fuga e la coscienza.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione