HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Nuove droghe e vecchi merletti.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

30 novembre 2008

Cocaina e spinelli, nuove droghe e vecchi merletti, sembra questo il leit motiv con cui i giovani si distinguono a scuola, nella strada, nella vita. E nonostante il mondo dei grandi, degli educatori, dei genitori, sia consapevole del proprio passato, ci si dimentica che forse o semplicemente siamo cambiati noi nel frattempo. Droga si, droga no, punire non punire, in carcere, no in comunità, un coacervo di brutte e belle intenzioni, di mappature pedagogiche, di prosa della sordità, ognuno a elevare il proprio ruolo e la propria competenza sopra il disagio che imperversa nei ragazzi. Disagio, trasgressione, devianza, droga, un modo autistico di interpretare le emozioni, disuniti dall'inganno delle parole adulte, dagli agguati predisposti dalle casate educative, prosopopee e dubbiosità senza misure, in una sorta di consueta delegittimazione, di malanno intellettuale. È proprio un bel vedere e un bel sentire per cercare di evitare contatti devastanti con droghe sempre nuove che invadono il mercato, la pratica sta nell'addomesticare le "curiosità e gli obblighi gruppali" dei più giovani, sino al momento dell'accidente che non consente uscite di emergenza. Ma nonostante la sofferenza che trasuda ogni singola... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.




...esperienza di dipendenza da sostanze, da uno sniffing, da una striscia cocaina, da un buco di eroina, o da lacche e colla di ultimissimo grido, regna incontrastata la regina della conflittualità dialettica, della dialogica furbesca, di una nuova destinazione all’inferno delle speranze, attraverso la menzogna elargita senza alcun dettaglio a tutela, affermando che esistono droghe alternative, droghe che non sono considerate tali, droghe normali. È un dialogo generazionale defraudato di onestà e valori condivisi, a fronte di una produttività che non ammette casse mutue né una dimensione del tempo fruibile, affinché sia possibile generare una reciprocità di maturazione culturale e affettiva. Sul fronte delle prime linee contro l’uso e l’abuso delle sostanze, c’è davvero molto da dire e fare, soprattutto c’è da non accasciarsi sui fallimenti che la vita ci occasiona senza preavvisi, c’è da fare i conti con il proprio vissuto e con quello di tante altre persone anonime, che aggiungono ragioni e intensità sufficienti a proporre riflessioni che contengono le risposte mancanti. A 13 o 14 anni la canna tra le dita, il fumo nelle narici, uno stile di vita appena iniziato, salire su un’auto lasciata incustodita, prenderne possesso e con normale divertimento partire all’avventura. In tre ragazzi sopra quella macchina a fumare e ridere, a calare giù di gusto, a pensare di non essere fatti, anzi di stare bene e lontano dai guai. Tre ragazzi e la strada che diventa stretta, la notte scambiata per il giorno, d’improvviso la musica è finita, il rumore del motore spento, le risate smorzate in gola, i pensieri paurosamente interrotti. A 13 o 14 anni ci si esprime con l’esibizione di qualche scaltra giustificazione, di scuse zoppe, per non accollarsi una responsabilità precisa, ma forse, quell’albero non sarebbe passato inosservato, forse quell’ostacolo così ovvio non sarebbe stato interpretato come un semplice impedimento, forse se non ci fossero state le canne a fumarsi il residuo di cervello, forse da quella macchina non ci saremmo trascinati fuori soltanto in due, perdendo per sempre, per tutto il tempo che rimarrà da vivere, un pezzo importante di noi stessi.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Che ne sarą di noi?
La razzia degli intelletti.
Č la droga il maggiore distruttore di identitą.
Come č difficile vivere bene!
Usi e abusi.
Cepit efferri superbia...
Potere e volere....
Gli ultimi giorni di...
BUON NATALE E BUON ANNO!
Siamo pronti per il Next - Step?
Generazioni a perdere.
La nazione dei bisonti.
Deglobalizziamo?
Soldato di pace.
Ah...Trenitalia!
Ah, la coscienza!
Rave party e danza della sorditą.
Al voto, al voto!
Questione di fede?
Mondi paralleli.
DELLO STESSO AUTORE
Emergenza genitoriale.
Una promessa importante.
Razza in estinzione.
Scacco matto in tre mosse...
Schiaffi in faccia al futuro.
Cadaveri...
Navigatori, esploratori del multimediale.
A difesa della dignitą personale.
Analfabetismi affettivi e contaminazioni subliminali .
Pedagogia del servire
Era uno di quelli...
Eroi di cartone.
Complici e vittime plaudenti.
A te che nasci...
Che nessun dorma.
Sodoma o Gomorra? (tra bullismo e babygang)
Brigate Rosse e amnesie generazionali.
Tre ingiustizie da riparare.
Come pugni...
Disvalori dell’indifferenza.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione