HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Capire l’antifona - Lettera P .
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it ) e di Fausto Raso  ( albatr0s@libero.it ) e di Francesca Miceli  ( francymiceli@lbero.it )

27 settembre 2013


Per non "essere presi in castagna!"


Dizionario dei modi di dire - Lettera "P"

 

  • Paga pantalone: paga , in senso concreto e metaforico , chi ha sempre pagato , subendo le conseguenze delle colpe o degli sprechi altrui;
  • Pagare a babbo morto: fare debiti rimandandone il pagamento a un futuro lontano , quando si ereditano i beni paterni;
  • Pagare lo scotto: subire le conseguenze delle proprie azioni;
  • Pagare sull’unghia: pagare sulla cavezza, pagare immediatamente e in contanti;
  • Pancia mia fatti capanna: esclamazione di chi si appresta a consumare un pasto ricco e abbondante;
  • Parlare alle banche: parlare a un pubblico poco interessato;
  • Parlare del diavolo ma non menzionare le corna: raccontare qualcosa sorvolando, per delicatezza o per convenienza su alcuni particolari che potrebbero urtare la suscettibilità di qualcuno;
  • Parlare grasso: parlare in modo volgare, sboccato;
  • Parlare in punta di forchetta: parlare in modo eccessivamente ricercato;
  • Partire a cavallo e tornare a piedi: affrontare con entusiasmo un’impresa e restarne deluso; uscirne perdente.

  • Passare per il buco della serratura: superare a stento una prova, un esame;
  • Passare qualcosa sotto silenzio: evitare intenzionalmente di parlare; non darle rilievo;
  • Passare sotto le forche caudine: essere costretti a subire una grande umiliazione;
  • Peggio il taccone, del buco:Questo modo di dire di tradizione prettamente popolare dovrebbe "esser di casa" presso i veneti. PerchÚ? E’ presto detto. La locuzione, intanto, Ŕ la variante popolare del detto "il rimedio Ŕ peggiore del male" che, ci sembra, non necessiti di alcuna spiegazione. La variante, dunque, Ŕ il termine "taccone", forma regionale veneta di "toppa" vale a dire del pezzo di cuoio con il quale si ripara (anzi: si riparava) un buco in una scarpa, con risultati estetici veramente grossolani: il rimedio, quindi, Ŕ peggiore del male, cioŔ del... buco;
  • Pelare l’orso: fare una cosa molto difficile;

  • Pelare la gazza senza farla stridere: imbrogliare qualcuno senza che questi se ne accorga, lasciandolo anzi convinto di avere avuto un trattamento di favore;
  • Perdere il frutto e il capitale: fallire; non ottenere alcun risultato;
  • Perdere il ranno e il sapone: sprecare tempo e fatica in attività che non danno alcun risultato;
  • Perdere la greppia e lo staffile: perdere tutti i vantaggi, denaro e potere;
  • Perdere la minestra: perdere il pane; perdere il posto di lavoro.
  • Perdere la mula e andare cercando la cavezza: prestare attenzione a cose di poco conto e perdere di vista ciò che è veramente importante;
  • Perdere lo smalto: perdere efficienza, incisività, vivacità;
  • Perdere quota: avere un calo di rendimento; perdere di importanza;
  • Perdere una buona occasione per stare zitto: dire qualcosa di sbagliato nel momento meno opportuno;
  • Pesare col bilancino: esaminare minuziosamente - valutare con cura;
  • Pesare con la stadera del mugnaio: giudicare in modo grossolano e approssimativo;

  • Pescare in aria: non concludere nulla, affaticarsi inutilmente;
  • Pescare nel torbido: approfittare di situazioni di confusione, di dissidio sociale per trarne vantaggi e guadagni personali;
  • Pestare l’acqua nel mortaio: fare una cosa inutile, insensata;
  • Piangere da un occhio solo: far finta di essere addolorato;
  • Piangere il morto: far credere di avere dispiaceri, problemi, difficoltà economiche molto gravi di quanto non siano i realtà;
  • Piangere lacrime di coccodrillo: mostrare un dolore o un pentimento tardivi o che in realtà non si provano affatto;
  • Piantare baracca e burattini: lasciare all’improvviso ogni cosa, andarsene e non volerne più sapere.
  • Piantare carote: raccontare bugie;
  • Piantare le tende: soggiornare in un luogo più del previsto o del dovuto, specialmente approfittando dell’ospitalità altrui.

  • Piantare porri e raccogliere cipolle: ottenere senza sforzo grandi successi; arrivare a risultati diversi da quelli previsti;
  • Piatto ricco, mi ci ficco: precipitarsi con entusiasmo in una situazione che si intuisce essere vantaggiosa;
  • Piegare la schiena: sottomettersi; assumere un atteggiamento servile; lavorare duramente;
  • Pigliare il ferro caldo: intraprendere un’attività pericolosa;
  • Pigliare l’olio e la lanterna: approfittarsi di tutto;
  • Pigliare la lepre col carro: agire con successiva lentezza, correndo il rischio di lasciarsi sfuggire delle buone occasioni;
  • Pigliare mosche: perdere tempo, non concludere nulla;
  • Piove che Dio la manda: piove con grande intensità e violenza;
  • Porgere il fianco: lasciare scoperta, indifesa, la parte più debole, esporsi a critiche e attacchi;
  • Porgere un ramoscello d’olivo: fare proposte di pace, di riconciliazione.

  • Portare acqua al mare: compiere un lavoro inutile;
  • Portare i calzoni: avere autorità, si dice anche di una donna che i famiglia tende a imporre la propria volontà.
  • Portare il buono per la pace: sopportare per evitare litigi e contrasti;
  • Portare il cavolo in mano e il cappone sotto: di due cose, mostrare la meno significativa e tener nascosta quella più importante;
  • Portare il cervello all’ammasso: seguire in maniera acritica un’idea, un partito, una filosofia, adeguandosi passivamente al comportamento della maggioranza;
  • Portare il soccorso di Pisa: portare un aiuto tardivo e inutile;
  • Portare l’acqua con gli orecchi: fare tutto il possibile per qualcuno, aiutarlo, favorirlo in ogni cosa;

  • Portare qualcuno sugli scudi: magnificarlo, esaltarlo pubblicamente;
  • Posare la prima pietra: avviare un’attività, dare inizio a un’impresa;
  • Predicare il digiuno a stomaco pieno: predicare il digiuno a pancia piena; esortare gli altri a sacrifici e rinunce che personalmente non si ha intenzione di fare;
  • Predicare la fede ai turchi: fare una cosa inutile e priva di senso;
  • Premere sull’acceleratore: operare in modo da far progredire rapidamente una situazione o da affrettare il raggiungimento di un obbiettivo;
  • Prendere all’amo: raggirare, imbrogliare qualcuno, farlo cadere in un tranello;
  • Prendere cappello: arrabbiarsi, risentirsi, impermalosirsi;
  • Prendere con le molle: trattare con precauzione, con circospezione; si dice anche di notizie o informazioni che si pensa sia meglio verificare attentamente;
  • Prendere fischi per fiaschi (lucciole per lanterne): capire una cosa per un’altra, fraintendere, cadere in un errore grossolano.
  • Prendere il coltello per la lama: danneggiarsi;
  • Prendere il coraggio a due mani: affrontare qualcuno con decisione, mettendo da parte incertezze e timori;
  • Prendere il toro per le corna: affrontare con decisione e fermezza una situazione difficile, un problema spinoso;
  • Prendere il trentuno: andarsene in modo brusco e impulsivo;
  • Prendere in buona parte: valutare, giudicare in modo favorevole o sfavorevole;
  • Prendere in castagna: vale a dire in errore; la locuzione originaria era "prendere in marrone" perchÚ marrone (dal latino medievale ’marro - marronis’), significa errore. Il popolo, per˛, ha confuso il marrone-errore con il marrone frutto del castagno e ha detto "prendere in castagna". Con il trascorrere del tempo la versione popolare ha prevalso su quella dotta e si Ŕ affermata, appunto, l’espressione "prendere in castagna";
  • Prendere l’abito: entrare in convento;
  • Prendere l’anguilla per la coda: riuscire all’ultimo momento a risolvere una situazione difficile;
  • Prendere la balla: ubriacarsi;
  • Prendere la bustarella: farsi corrompere;
  • Prendere la fortuna per il ciuffo: afferrare la fortuna per i capelli; cogliere al volo un’occasione favorevole;
  • Prendere la pala per il manico: lavorare con impegno per portare a termine un lavoro iniziato;
  • Prendere la via dell’orto: adottare la soluzione più semplice e facile;
  • Prendere le mosse: partire; cominciare;
  • Prendere qualcuno con le brache in mano: sorprenderlo in un frangente scabroso;
  • Prendere qualcuno contropelo: indisporlo, irritarlo;
  • Prendere quota: progredire, migliorarsi;
  • Prendere sottogamba: sottovalutare, non mettere in una attività l’impegno e l’accettazione necessari;
  • Puntellare l’uscio con la granata: salvaguardare male la propria casa; prendere precauzioni insufficienti;
  • Puzzare di sacrestia: comportarsi in modo bigotto.

... CONTINUA CON LA LETTERA "Q"

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Capire l’antifona - Lettera R
Capire l’antifona - Lettera T.
Capire l’antifona - Lettera C.
Capire l’antifona - Lettera D.
Capire l’antifona - Lettera F.
Capire l’antifona - Lettera A.
Capire l’antifona - Lettera M.
Capire l’antifona - Lettera Q
Capire l’antifona - Lettera E.
Capire l’antifona - Lettera B.
Capire l’antifona - Lettera L.
Capire l’antifona - Lettera G.
Capire l’antifona - Lettera S
Capire l’antifona - Lettera N.
Capire l’antifona - Lettera I.
Capire l’antifona - Lettera O.
DELLO STESSO AUTORE
A come Amore.
Ordine e disordine (Una vita mordace).
Capire l’antifona - Lettera F.
SOS ALZHEIMER e Counseling solidale.
Ragionare...
La sensibilitÓ della donna e dell’uomo...
La forza della vita.
Quesiti - La deflorazione.
La Mente e i tumori.
La Depressione.
Il nostro cervello...
Dubbi, certezze... cambiamenti.
La vera SolidarietÓ.
La Presunzione...
La determinazione e lo sviluppo sessuale.
L’ansia e la paura.
Il Male oscuro?
Il potere della gentilezza.
Disturbi psicosomatici...
L’anticancro pi¨ efficace (Nel ricordo di Angelo).
Capire l’antifona - Lettera F.
Dalla mansarda al Frate...
Essere in balia di qualcuno...
Che.
Ciao...
La carta assorbente...
Il rompighiaccio...
Di buzzo buono...
Mandare a carte quarantotto.
C’Ŕ buffo...
Da dove deriva l’espressione...mangiare la foglia?
Tra la Folla e il Folle...
Tre latti macchiati...
Non avere il becco di un quattrino...
Il corrotto...
Vendere all’asta...
Il misoponÝsta.
Soffiare il naso alle galline...
La diatesi?
La nascita del lei.
Capire l’antifona - Lettera F.
Il pancotto.
Capire l’antifona - Lettera B.
U’ cappuccio chiinu.
A’ pasta chiina.
Capire l’antifona - Lettera S
A’ cuddrura i Pasqua.
Il baccalÓ fritto.
Capire l’antifona - Lettera O.
E’ Scalille.
I Bucconotti.
Le polpette fritte.
Capire l’antifona - Lettera N.
Capire l’antifona - Lettera D.
Capire l’antifona - Lettera G.
I Turdilli.
Capire l’antifona - Lettera E.
Le frittelle di mele.
Capire l’antifona - Lettera M.
Lagane e ciciri.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione