HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Impugnazione del licenziamento.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

7 ottobre 2008



Più tempo per la contestazione, secondo la Cassazione.


Il potere di licenziare può essere esercitato dal datore di lavoro solo nel rispetto di precisi limiti e modalità, sia sotto l’aspetto dei motivi del recesso sia sotto quello della procedura da seguire.


Le specifiche motivazioni che giustificano il licenziamento possono riguardare la condotta del lavoratore (licenziamento disciplinare, per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo) o la situazione in cui si trova l’azienda (licenziamento per giustificato motivo oggettivo).


l licenziamento, oltre ad essere fondato su specifiche motivazioni, deve essere comunicato al lavoratore in forma scritta (art. 2, comma 2°, Legge n.108/1990).


Qualora il lavoratore ritenga il
licenziamento illegittimo ha l’onere di impugnare il licenziamento entro 60 giorni a pena di decadenza. Tale termine decorre dalla comunicazione del licenziamento oppure dalla comunicazione dei motivi, qualora questa non sia contestuale alla lettera di licenziamento. Ai sensi dell’articolo 6 della Legge n.604/66, l’impugnazione deve essere fatta con atto scritto che può essere portato a conoscenza del datore di lavoro con qualsiasi mezzo idoneo, come lettere raccomandate e telegrammi. Inoltre, prima di rivolgersi al giudice, il lavoratore deve instaurare un tentativo di conciliazione presso l’Ufficio Provinciale del Lavoro.


In ordine alla tempestività dell’impugnazione, la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la recente sentenza n.22287/2008, ha affermato che "l’impugnazione del licenziamento individuale è tempestiva, ossia impedisce la decadenza di cui all’art. 6 1. n. 604 del 1966, qualora la lettera raccomandata sia, entro il termine di sessanta giorni ivi previsto, consegnata all’ufficio postale ed ancorché essa venga recapitata dopo la scadenza di quel termine". Ciò in accoglimento dell’orientamento giurisprudenziale costituzionale che, in materia di decadenza da impedire con la notificazione di un atto, ha espresso il principio generale, fondato sulla ragionevolezza e sul diritto di difesa (articoli 3 e 24 Costituzione), secondo cui il momento di perfezionamento della notifica per il soggetto a cui svantaggio si verificherebbe la decadenza deve distinguersi da quello di perfezionamento per il destinatario, precisando che, per il primo, la decadenza è impedita con la consegna dell’atto all’ufficiale giudiziario oppure all’agente postale, in quanto sarebbe irragionevole fargli subire effetti sfavorevoli dovuti al ritardo in attività spettanti ad altri soggetti.




Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Multe Autovelox.
Danno autoprovocato dall’alunno.
Norme di circolazione stradale e mezzi di soccorso.
Anche la pensione č pignorabile......
Titolo di studio estero.
Lesioni da caduta per dissesto del fondo stradale.
Niente "cauzione" per contestare una contravvenzione stradale.
Cinture di sicurezza in auto.
Inidoneitą fisica sopravvenuta e licenziamento.
Quando l’autore di un’infrazione stradale non č identificato....
Contravvenzioni stradali e notifiche a mezzo posta.
Divieto d’accesso alle vie del centro per i cani......
Certificati e dichiarazioni sostitutive.
Indennitą di disoccupazione per il personale supplente della scuola.
Limiti alla ripetizione di trattamenti pensionistici INPS.
Quando si promette il lavoro che non c’č....
L’affaire ECM .
Uso del cellulare in auto
Il mobbing in Italia-mobbing e maternitą.
Nuove disposizioni sugli autovelox fissi.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinitą e famiglia di fatto
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali - Cambio di abitazione o di residenza.
Separazione per volontą unilaterale.
Quesiti legali - Un genitore ha il dovere di mantenere figlio maggiorenne e nipote?
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Quesiti legali-Assegno di mantenimento dei figli.
Quesiti legali-Persone con disabilitą e parcheggio in area condominiale.
Quesiti legali- Accesso su strada pubblica e passo carrabile.
Infedeltą e separazione di fatto dal coniuge
Quesiti legali-Somme percepite in pił sullo stipendio da un’insegnante.
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Quesiti legali-Acquisti fatti in saldo.
Assegno Nucleo Familiare e separazione.
Niente "cauzione" per contestare una contravvenzione stradale.
Quesiti legali-Congedi parentali.
Penali a carico dei condomini morosi.
Quesiti legali-Spese straordinarie e locazione.
Quesiti legali-Passo carrabile.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione