HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
A difesa della dignitą personale.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

26 settembre 2008






Droga sostenibile e droga che uccide...


 

LUCI NEL BUIO

Mi pare necessaria una ulteriore precisazione, quanto meno per il largo consumo...di onestà intellettuali, in condanne e conseguenti assoluzioni a poco prezzo.

Quanto meno per rendere giustizia alle parole, quando esse assumono il peso di una sentenza e influenzano le persone, in particolar modo quelle che ancora non hanno una personalità formata, coloro che ancora non hanno pieno il carico della coscienza, cioè l’essere presenti a se stessi; e un bambino sebbene grande, non è cosciente, per diventare coscienti di noi stessi, il primo avvertimento è l’avvertimento dell’esistenza dell’altro.

Noi adulti sappiamo bene che crescita vuol dire differenziazione, affermazione di sé come entità autonoma, attraverso le varie fasi di sviluppo dell’individuo, attraverso le occasioni e le opportunità della vita, ma ciò non autorizza nessuno a rilasciare patenti di maledetto per forza, perché questa è una vocazione destinata al macero, e cosa assai più grave, destina al macero i più deboli.

Avere personalità non significa essere qualcosa per mezzo di una canna, di una pasticca, chi possiede una personalità matura dimostra unità nel comportamento tra ciò che pensa e ciò che fa, valuta in maniera obiettiva la realtà e se stesso, e perciò si rapporta al contesto coerentemente alla propria situazione.

In uno spinello "quotidiano" vi è l’impegno e la fatica per raggiungere una crescita personale accettabile? Oppure in questo atteggiamento vi è una considerevole instabilità emotiva che maschera un disagio con l’avvicinamento ai rischi estremi.

Fallimento degli educatori, di una Società che sta a guardare?

Forse questo è il risultato che scaturisce da una sorta di nichilismo congenito a qualche generazione... fortunatamente passata, perché educare non sta più solo per trasmissione di nozioni-conoscenze, ma come formazione alla complessità, come insieme di comportamenti, quanto meno per colmare con il tempo certe carenze, e bisogna riuscirci in tempo affinché non diventino MALEDETTE LUCIDE FOLLIE.

L’uso di roba è prevalentemente una via di fuga senza progettualità, è la rappresentazione dell’impossibilità di trovare una uscita di emergenza, per cui non si può parlare di "prevenzione del danno", ciò che si deve e si può prevenire è il coinvolgimento nell’uso, soprattutto quello PRECOCE, fornendo ai giovani l’opportunità di trovare risposte più valide ai loro problemi- compiti di sviluppo.

Certe argomentazioni sulla droga che girano e inciampano sulle bocche di tanti adulti, meritano sicuramente attenzione, ma io ho imparato a sfuggire le visioni ed i percorsi unidimensionali, e proprio accogliendo e accompagnando i giovani in difficoltà, sono diventato estremamente attento al disagio che circonda le persone affaticate, al loro bisogno di essere aiutati a entrare un po’ in se stessi, per comprendere che ci si deve impegnare strenuamente per difendere la propria dignità personale.

 

Vincenzo Andraous -

Responsabile Centro Servizi Interni - Comunità Casa del Giovane - via Lomonaco 43 - Pavia 27100

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
L’infamia pił grande...
Nel recinto chiuso.
Terra di Odio...
La paura...
A Noi... e non agli Altri !
Il falco dagli occhi lucidi.
Abrogare la riforma penitenziaria?
Giudizi senza appello
Dove muore la civiltą.
Trapezisti di umanitą .
EROI DI VERGOGNA
Sogno? Chissa!...
Eroi di cartone.
La Passione Di Cristo.
Sul carcere e sulla pena...
Grazia... in offerta speciale!
Al voto...
Come pugni...
E’ uno di quei giorni...
Studenti, insegnanti e genitori .
DELLO STESSO AUTORE
In ricordo di Fabrizio de André.
Violenza spicciola, che fa male...
Eroi di tutti i santi giorni.
Complici e vittime plaudenti.
Alla scuola delle emozioni.
Riconciliazione.
In carcere si va perché puniti. Non per essere puniti!
Manca l’informazione. Quella seria...
Bullismo...
Parole in trappola...
A carte scoperte.
Non auguro questo carcere neppure al mio peggiore nemico...
Quel silenzio che fa rumore.
Disvalori dell’indifferenza.
Un video per un mondo di pace
Pedagogia del servire
Finita la festa ...
Bullismo e contrapposizioni culturali.
Natale...
Clemenza, per il popolo degli sconfitti.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione