HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il corretto uso di da.
di Fausto Raso  ( albatr0s@libero.it )

9 agosto 2008



Non proprio "poca" cosa!


Approfondimenti

Alcuni così detti scrittori di vaglia - non sappiamo se per puro "snobismo linguistico" o per scarsa conoscenza delle norme che regolano la nostra madre lingua - adoperano la preposizione ‘da’ in modo improprio, per non dire errato, confondendo le idee linguistiche ai giovani studenti che, attratti dal "nome" dello scrittore, prendono per oro colato tutto ciò che la grande stampa "propina" loro.

Sarà bene vedere, quindi, sia pure per sommi capi, l’uso corretto della predetta preposizione affinché gli studenti non incorrano nelle ire dei loro insegnanti, se questi ultimi sono degni di tale nome (la nostra esperienza, purtroppo, ci rende scettici in proposito: alcuni docenti sostengono la tesi secondo cui l’aggettivo relativo "quale", seguito dal verbo essere, si tronca solo se dopo il predetto verbo c’è un sostantivo maschile; prende il segno dell’apostrofo, invece, se l’ausiliare essere è seguito da un sostantivo di genere femminile. Secondo costoro, dunque, si scriverà: qual è il tuo libro?; qual’ è la tua penna? A scanso di equivoci: quale si tronca sempre).

La preposizione "da", dunque, è usata correttamente quando indica l’attitudine, l’idoneità, la destinazione: pianta ‘da’ frutto; camicia ‘da’ uomo; sala da tè; veste ‘da’ camera e simili. Alcuni scrittori, dicevamo, la adoperano in modo improprio, in luogo della preposizione "di", quando si parla di una qualità specifica di una cosa e non di una destinazione, sia pure occasionale. In questi casi si deve usare esclusivamente la preposizione "di", l’unica autorizzata "per legge grammaticale". Si dirà, per tanto, festa ‘di’ ballo (non da ballo); biglietto ‘di’ visita (non da visita, anche se ormai l’uso errato prevale su quello corretto); uomo ‘di’ spettacolo; Messa ‘di’ Requiem.

Durante le celebrazioni per il centenario della morte di Giuseppe Verdi, nel 2001, un grande giornale d’informazione titolò: "Grande successo per la ‘Messa da Requiem’". Il giornale e il suo redattore titolista non presero a calci solo la lingua italiana, offesero soprattutto la memoria del grande musicista che ha composto, per l’appunto, la "Messa di Requiem". Ancora. Leggiamo sempre, su tutti i giornali, frasi del tipo: "Il giocatore Sempronio ha ripreso il suo posto da titolare". Nelle espressioni citate quel "da" è uno "snobismo linguistico" o un ... "ignorantismo"? Decidete voi, gentili amici.

Ma andiamo avanti.

La preposizione "da" non può usurpare le funzioni della consorella "per" quando nella frase c’è un verbo di modo infinito atto a indicare l’uso, la destinazione della cosa di cui la stessa cosa è agente. Diremo, quindi, macchina "per" scrivere, non "da" scrivere (altrimenti sembra che la macchina debba "essere scritta"); matita "per" disegnare, non "da" disegnare e simili. la preposizione "da", insomma, posta davanti a un verbo di modo infinito rende quest’ultimo di forma passiva .È adoperata correttamente, quindi, se seguita da un infinito nelle espressioni tipo "casa ‘da’ vendere" (che deve essere venduta); "grano ‘da’ macinare" (che deve essere macinato) e via discorrendo. Un’ultima annotazione: la preposizione ‘da’ non si apostrofa mai (per non confondersi con la sorella ‘di’) tranne in alcune locuzioni avverbiali: d’altronde; d’altro canto e simili.

 

Fausto Raso

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Barbaro...
Osservazioni linguistiche.
Grammatici & glottologi.
Sbellicarsi dalle risa...
Di buzzo buono...
Gergo e dialetto.
Gli urli...
Roboante?
In bocca al lupo...
Un’inutile ripetizione...
InvernALE ma... estIVO...
Essere una pecora segnata...
Stranezze linguistiche...
Essere una Macchietta...
La diatesi?
Il verbo Fare...
Non avere il becco di un quattrino...
Svegliarsi (o alzarsi)...
L’uso del Lei...
Camminare (o andare) a gallina...
DELLO STESSO AUTORE
Capire l’antifona - Lettera F.
Trattare con i guanti gialli...
La Linguistica.
Tre latti macchiati...
Parole nobilitate...
Capire l’antifona - Lettera E.
Metterci una croce sopra...
Essere stufo.
Guardare...
Da dove deriva l’espressione...mangiare la foglia?
È proprio un impiastro...
Dalla mansarda al Frate...
Friùli, non Fŕuli.
Mandare a carte quarantotto.
Di buzzo buono...
Osservazioni linguistiche.
Sostanza...
Questo o questi...
Favola e fiaba...
Gli aggettivi...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione