HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Mi calo e basta. La vita Ŕ tutta qui!
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

2 agosto 2008

In discoteca, al pub, alla festa sulla spiaggia, la droga "cala", e un'altra ragazza è stramazzata a terra, in coma, è morta. Questa volta la causa del decesso è l'Mdma, meglio conosciuta come ecstasy. E' incredibile come dopo anni e anni di over-dose, di esplosioni chimiche, di implosioni biologiche, siamo qui a manipolare le parole, a violentare la ragione, a abusare della compostezza di una coscienza annichilita. C'è una maledetta disinformazione che parte da una comunicazione sonnolenta, ripetuta senza scalfire alcuna emozione, spesso didattica, già vecchia, troppe volte elargita da cattedre impolverate che nulla consentono alla possibilità di liberare la libertà, nel senso di immaginare un percorso di vita denudato dai falsi miti e dalle false aspettative, soprattutto da quella falsa normalità, che maschera nei migliore dei casi una avvenuta dipendenza. "Non mi calo" per essere contro, per trasgredire e stupire con rumore, " mi calo" per essere pronto a dire, a fare, a pensare svelto e non dormire. "Mi calo e basta tutto qui". Dieci, mille, diecimila a sbomballarsi, a muoversi in gruppo, in cerchio, in abissi capovolti, ma resi avventurosi, per l'incapacità di parlare, di fare i conti con le parole, che hanno un nome, una storia... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.




...persino una vita presa a calci nel sedere. Questa nuova sostanza è peggio delle altre, non sei in giro come un tossico, additato e contuso dallo sdegno benpensante, no, è magica pasticca che consolida la tua presenza nel consorzio sociale, che nasconde il peso dell’impegno lavorativo, che rende più dolce la linea mediana di una vita banale. Un nuovo stile di vita, tutti dentro un cubismo astratto, dove ognuno sbanda allegramente, per rendere meno assordante il dovere della puntualità, della costanza, della propria professionalità, in all’erta per l’inizio della nuova settimana, pungente e rancorosa per quella appena conclusa. E’ necessario riflettere su come stanno emergendo queste nuove sostanze, nelle nuove resistenze sociali, non sempre riconducibili al disagio psicologico, al malessere sociale, a comportamenti violenti e deficit emozionali. Noi adulti preferiamo conservare la nostra integrità e capacità di educare, caricando i nostri interventi sul versante antisociale dei giovani, ma non facciamo al problema droga un buon servizio di prevenzione, non capiamo che oggi, per la stragrande maggioranza dei ragazzi, "calarsi" è normale, semplice, non è protesta di alcuno né di alcunché, è solamente un modo per stare comodi, tra fatica e divertimento. E’ semplice perché è lì a portata di mano, non è mai lontana dalle solitudini imposte dal mercato, non crea ansie di irreperibilità né di prestazione, è intesa come una normale e semplice sfida a morire nel silenzio più gettonato, quello degli adulti così irresponsabilmente predisposti a imitarne il distacco generazionale.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
...E’ la solita storia...
Liberare la libertÓ.
Errare humanum est!
Johann Wolfgang von Goethe - I dubbi dell’amore.
Potere e volere....
L’indifferenza del sangue.
Speriamo nelle colombe!
CARI NAVIGANTI, SIAMO TORNATI!
La SocietÓ dei Minchioni.
... E guardiamo avanti, nonostante tutto.
Altro che spegnere la speranza!
Africa, bel suol d’amore...
Sono cose che possono accadere!
Canis canem edit.
Ŕ difficile mentire a se stessi... quando si Ŕ soli con se stessi!
ANAS e ananassi... di bugie.
Arrestiamone uno...
Era uno di quelli...
Colpi sotto la cintura.
Generazioni a perdere.
DELLO STESSO AUTORE
Parole in trappola...
Ti ho conosciuto sulla croce della pace...
Studenti, insegnanti e genitori .
Amore che non trema.
La casa del Cuore...
A difesa della dignitÓ personale.
La prevenzione preziosa.
Dalla famiglia, la sfida al rinnovamento.
Giustizia che trasforma.
Disconnessioni mentali.
Come rumore di carta sfogliata.
Quando il Male aggredisce il Bene...
Nullatenenti delle relazioni.
Era uno di quelli...
L’accettazione di una possibile trasformazione.
Aspiranti professionisti dell’ultima meta.
Ges¨ dovrebbe rifiutarsi di risorgere!
Parole in trappola...
Un uomo in vendita.
Conoscenza e solidarietÓ.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione