HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Qualcosa di naturalmente diverso.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

4 luglio 2015






Una pausa, a ritornare...


 

Pensieri degli anni difficili

Congiungersi con la parte più intima di se stessi, stabilire il legame facendo in modo che sia indissolubile e vagare lasciandosi trasportare dal piacere di apprezzare.

Esistono alcune persone con le quali si crea un affetto immediato, non dettato dalla conoscenza, ma sostenuto solo dalla percezione. È sempre più difficile lasciarsi andare a questo tipo di sensazione, perché la diffidenza sempre più spesso fà da padrone sui nostri sentimenti, alimentando la sfiducia e spesso creando delle rigidità che, a lungo andare, rendono le persone poco inclini allo scorrere naturale dei più bei rapporti umani.

È giunta l’ora di cambiare le posizioni!

Ricordo a me stessa la mia insofferenza verso qualsiasi abitudine o gesto rituale e decido istantaneamente di provare a "sentire" da un altro punto di vista.

Le prime impressioni?

Non lo so, non mi sono ancora chiare. Le ripercorro con la mente sforzando la memoria, cercando di scremare e prendendo solo quello che mi fa sentire ciò che realmente sono... Senza nulla intorno che possa interferire.

Ma, come tutte le cose che richiedono un coinvolgimento attivo, anche questo ha un leggero prezzo da pagare, per cui pur avendo la possibilità di sfruttare un’altra angolazione, usufruendo quindi di una intensità di luce diversa, sento comunque di perdere qualcosa.

E qui, come dice un mio vecchio e caro amico..., è necessario fare una stima dei costi e benefici. Mi viene veramente difficile però pensare che i rapporti fra le persone possano essere ridotte a questo schema così freddo e rigido. Perché è di interazioni umane che stiamo parlando, quindi in gioco ci sono dei caldi e vivi sentimenti, che non possono contrarsi solo ad una regola stabilita da un semplice calcolo matematico.

In totale armonia con se stessi!

È una sensazione difficile da provare, ma... quando avviene risuonano in testa le più delicate note che fanno la colonna sonora al tuo film preferito. Quello che non ti stancheresti mai di guardare, quello di cui non si imparano a memoria le battute, perché i colpi di scena sono imprevedibili e irripetibili, gli attori hanno il volto a te più familiare e le ambientazioni sono quelle ai confini del mondo. Quelli dell’ultima volta.

Mi fermo un momento a ricordare il tempo che è passato, il sorriso nasce e parte spontaneo, è un misto di soddisfazione che innalza e gratifica la sfera più importante della mia personalità. Ne sono orgogliosa e provo il desiderio irrefrenabile di urlarlo al mondo intero.

E ancora una volta mi convinco sempre più che la via giusta è quella della propria percezione, accogliere il suggerimento che nasce dagli affetti, ma seguire sempre e solo il proprio istinto.

La curiosità alimenta la diversità, il voler comprendere il meccanismo che regola dà la spinta al passo successivo. Non è indispensabile dover arrivare a qualcosa, è già tanto possedere il gusto del porsi continuamente la domanda.

Un’acqua limpida e cristallina mi abbraccia e avvolge ogni mio movimento, il silenzio si trova fra i rumori dell’estate, entro nella profondità dei miei pensieri e tocco ciò che più è in accordo con i tormenti della vita. Sorrido e vado avanti, mi guardo senza alcuna rassegnazione.

Scopro un libro mai letto, lo sfoglio fra le pagine di righe, di parole. Fra le mani è un qualcosa senza tempo, intenso il profumo che lo ha inciso, intrigante il piacere di avere qualcosa che nessuno mai prima ha posseduto.

Una pausa, a ritornare...

Incrocio i miei stessi occhi e non freno lo stupore. Ho incontrato. Vivo così dentro di me che spesso mi sfuggono i contorni, ma non i richiami, le essenze della vita, le dolcezze dei momenti, quando tendere una mano risolleva dai pensieri.

Le luci si spengono fin quasi ad oscurare. Rimane un barlume ad ogni angolo. Accende, alimenta la speranza...

Fernanda - 29 giugno 2008

 

 

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Due lacrime...
Il potere della suggestione.
Il fascino e l’inquietudine.
Giorni.
Sospesi.
Il fuoco del giorno dopo.
Il gran silenzio.
La forza in sé.
La determinazione.
Lo strumento.
Grazie...
Sulla lama del rasoio...
Un pensiero positivo.
Tornare a casa.
La trappola dei sensi di colpa.
Al posto suo.
Fra me e lui.
Il recinto rionale.
Lo spiraglio.
Il gioco delle stelle.
DELLO STESSO AUTORE
La linea di demarcazione.
Cadere...
Il momento.
A me.
La paura del desiderio di restare.
PerchÚ si dimentica.
Su me stessa.
Lo scudo.
Il piacere della conversazione.
Le scorciatoie emotive.
LibertÓ...
Lo slancio.
Le parole nel silenzio...
Il coltello nella piaga.
La forza in sé.
Per come sei.
Una strana malinconia.
Una scia fra le stelle...
Una serata di pensieri.
L’occhio del ciclone.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione