HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Dall’altra parte della strada.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

6 giugno 2008

La strada è affollata, i negozi aperti, una giornata di festa, dove il tempo a disposizione finalmente non è tiranno, non corrode la possibilità di camminare lentamente, consentendo agli occhi di vedere ciò che accade intorno. Il marciapiede non è di quelli stretti, possono transitarci comodamente tre pedoni, una coppietta mano nella mano è costretta a fermarsi, innanzi a loro c'è un capannello di ragazzi che sbarra il passo, parlottano e ridacchiano, mani in tasca e gambe larghe. I due giovani chiedono sottovoce di potere passare, educatamente interrogano il gruppetto dei nuovi "frontalieri", ma questi persistono a comandare alle orecchie di non udire, al corpo di informare quelli dietro del pericolo incombente. Dall'altra parte della strada osservo la scena, la coppia retrocede qualche passo, stralunata si guarda intorno, poi riprova a superare l'ostacolo, ma non resta che la ritirata strategica, la fuga come salvezza al famigerato diverbio che potrebbe fare male. E' un film già visto troppe volte, potrebbero sembrare accadimenti di poco conto, ereditati dalla diseducazione e indifferenza. Ma alcune cose destano attenzione, proprio perché è andata bene e non è successo nulla. I deliranti, espressione di umanità nord sahariana, sono... PER LEGGERE TUTTO ILTESTO, CLICCCARE SUL TITOLO.





...ancora là, a contemplare la forma di razzismo ribaltato, che ben disegna il filo spinato di certe periferie mentali. La trasgressione, la devianza, la criminalità, sono componenti significative che stracciano il vissuto di una persona, fino a costringerla a rimanere all’angolo della propria disumanità. Su quel marciapiede invece è avvenuto qualcosa di diverso, più strisciante e maleodorante nella sua pericolosa quotidianità sub-culturale. Per alcuni interminabili momenti quel marciapiede è diventato una sorta di terra di nessuno, teatro denuncia sulla differenza tra una frontiera che invita a scoprire territori inesplorati, a condividerne la promessa, e il confine che separa lo spazio di vuoto e di pieno, dove i ruoli si capovolgono e si fronteggiano, deprivati della necessaria attenzione per il prossimo. Adesso su quel marciapiede non c’è più nessuno, forse non è accaduto proprio un bel niente, sono io che ho esagerato a interpretare le gestualità, amplificandone i toni, i contenuti, forse i pre-giudizi mi hanno giocato un brutto tiro. Eppure ho la sensazione che in quella ostinata-ottusa presa di posizione, oltre la maleducazione, ci sia svelata la minaccia per un grande assente ingiustificato, in quella prassi comportamentale che consegna ai giovani la visione di ciò che è dentro ogni regola da rispettare, attraverso quella politica alta, che esplicita il suo valore nel salvaguardare i più deboli e i più esposti, persino chi non ha intenzione di cambiare le dis-abitudini quotidiane, quelle che intaccano le libertà di ognuno.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Da Report a Blade Runner.
Intifada?
Geografia e Politica.
E’ utile piangere sull’acqua versata?
Libertà non è uno spazio libero.
Bulli con le spalle al muro.
L’accettazione di una possibile trasformazione.
A proposito di terrorismo...
Congedarsi da queste storie anonime non è facile.
Nel fortino delle illusioni.
Il colore dell’abbandono.
A proposito di PIL...
Ah, la coscienza!
2010. L’anno delle speranze possibili. Ma non probabili.
(Ri)prenditi l’anima!
Gli ultimi giorni di...
Degno erede di Luigi Einaudi.
La caduta degli Dei.
Macchinista o passeggero?
Ciao...Nando!
DELLO STESSO AUTORE
Libertà va cercando ch’è sì cara...
Il falco dagli occhi lucidi.
Pedagogia del servire
La svuota carceri.
Nuova quotidianità del vivere civile.
Potenti ruggiti o solo vagiti?
Sul carcere e sulla pena...
Un passato da tenere pancia a terra.
La comunità: un nuovo stile educativo.
Carcere fondante lo Stato di Diritto.
Festa della donna?
La Passione Di Cristo.
EROI DI VERGOGNA
Un uomo in vendita.
Natale...
Bullismo e contrapposizioni culturali.
Spari...
Neppure come cattivo maestro...
Un percorso educativo ostinato e contrario.
La tournée nei perimetri dell’assenza.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione