HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
SolidarietÓ familiare: gli alimenti.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

14 febbraio 2015



A chi spettano?


La “famiglia” non è tutelata dalla legge come centro di interessi unitario, ma con riferimento alle esigenze dei singoli membri che la compongono. Quindi, a ricevere tutela sono i singoli componenti ed i rapporti che li legano, ossia:

-il coniugio, che è il rapporto che si crea tra un uomo ed una donna uniti in matrimonio;

-la filiazione, che è il rapporto tra genitori e figli (naturali o legittimi);

-l’adozione, che fa nascere un rapporto di filiazione;

-la parentela, che è il rapporto intercorrente tra persone che discendono da uno stesso soggetto (stipite). Può essere in linea retta, quando le persone discendono l’una dall’altra (padre e figlio, nonno e nipote), o in linea collaterale, quando esse, pur avendo uno stipite comune non discendono l’una dall’altra (zio e nipote, fratelli). Il grado di parentela si computa, nella linea retta, calcolando tanti gradi quante sono le generazioni, nella linea collaterale, contando un grado per ogni generazione salendo da uno dei parenti di cui si vuol conoscere il grado di parentela, fino allo stipite comune, per poi scendere sino all’altro parente, escludendo lo stipite;

-l’affinità, che è il vincolo tra un coniuge ed i parenti dell’altro coniuge. Il grado di affinità è corrispondente al grado di parentela che lega l’affine all’altro coniuge. Il rapporto di affinità cessa solo con la dichiarazione di nullità del matrimonio, non per morte del coniuge né a seguito di divorzio.


In virtù dei suddetti rapporti familiari è previsto l’obbligo di assistenza (i cosiddetti alimenti) a favore di chi, per vari motivi, si trovi privo di mezzi di sostentamento, secondo le norme di cui agli articoli 433 e seguenti del codice civile.


E’ opportuno premettere che la prestazione degli alimenti si distingue dall’obbligo di mantenimento, in quanto gli alimenti costituiscono lo stretto necessario per mantenere in vita il soggetto, mentre il mantenimento comprende quelle prestazioni idonee a soddisfare in senso più ampio i bisogni della persona, anche in relazione alla sua posizione economico-sociale.


Tra i coniugi e nei confronti dei figli minori sussiste obbligo di mantenimento, come contributo ai bisogni della famiglia, in proporzione alle sostanze e alle capacità di lavoro professionale o casalingo di ciascuno; e, ove non siano in grado di provvedere i genitori, sono tenuti a concorrere al mantenimento dei figli, in ordine di prossimità, gli ascendenti legittimi o naturali. L’obbligo di mantenimento tra i coniugi rimane anche dopo la separazione, se uno di essi non abbia adeguati redditi propri, tranne che non gli sia addebitabile la separazione (in tal caso, tuttavia, permane il diritto ad un assegno alimentare). È previsto anche l’obbligo dei figli di contribuire al mantenimento della famiglia, finché convivono con essa, in relazione alle proprie sostanze e al proprio reddito.


L’obbligo di mantenimento è inerente al rapporto tra coniugi e alla filiazione, mentre la prestazione degli alimenti riguarda una più ampia fascia di persone legate da vincoli familiari. Infatti, sono tenuti a prestare gli alimenti, nell’ordine:

  • il coniuge,

  • i figli legittimi naturali, adottivi o, in mancanza, i discendenti prossimi,

  • i genitori, o in mancanza gli ascendenti prossimi,

  • l’adottante nei confronti del figlio adottivo,

  • i generi e le nuore,

  • il suocero e la suocera,

  • i fratelli e le sorelle.

Chi ha ricevuto una donazione è tenuto, con precedenza su ogni altro, a prestare gli alimenti al donante.


Ha diritto agli alimenti colui che versa in stato di bisogno e non è in grado di provvedere al proprio mantenimento. Gli alimenti sono assegnati in proporzione al bisogno di chi li chiede e alle condizioni economiche di chi li deve somministrare. Se cambiano le condizioni economiche di chi somministra o di chi riceve gli alimenti, può essere chiesto all’autorità giudiziaria di provvedere alla cessazione, alla riduzione o all’aumento della prestazione, secondo le circostanze.


L’obbligo alimentare può essere adempiuto, a scelta del soggetto obbligato, mediante assegno periodico ovvero accogliendo e mantenendo nella propria casa il familiare in difficoltà, ma può essere la stessa autorità giudiziaria a determinare il modo di somministrazione. Tale obbligo cessa con la morte del beneficiario o con la cessazione dello stato di bisogno, con la morte dell’obbligato o col venir meno della sua disponibilità economica, quando risultino familiari obbligati di grado anteriore che siano in condizioni economiche di provvedervi.




Bibliografia:

- Manuale di diritto di famiglia, di M. Sesta, Cedam, 6° ed., Padova, 2014

- Commentario del codice di procedura civile. Art. 721-736 bis. Procedimenti in materia di famiglia e stato delle persone, di Vullo Enzo, Zanichelli, 2013




Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Assegnazione della casa coniugale e comodato.
Unioni civili e regole ereditarie.
Congedi parentali e adozione.
Conto corrente cointestato e convivenza.
Separazione dei coniugi e riappacificazione.
Quesiti legali-Contratti e bisogni della famiglia.
Separazione, aborto e consultori familiari
Non Ŕ in colpa la moglie che non segue il marito.
Limiti al mantenimento di figli maggiorenni.
Il cognome del figlio naturale
Ancora nuove sull’assegno di mantenimento.
Separazione e pensione di reversibilitÓ.
PaternitÓ naturale
Convivenza insopportabile e abbandono della casa coniugale
Limiti di etÓ nell’adozione
Figli maggiorenni: mantenimento sine die?
Limiti al mantenimento di figli maggiorenni.
Separazione dei coniugi e assegno di mantenimento.
IndennitÓ di fine rapporto e divorzio.
Patti preventivi di separazione e/o divorzio
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinitÓ e famiglia di fatto
Quesiti legali-Persone con disabilitÓ e parcheggio in area condominiale.
Nessuna scadenza per l’assegno di divorzio.
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali-Locazione e abitabilitÓ.
L’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche
Quesiti legali- Aria condizionata e condominio.
Quesiti legali-A proposito di pensione di reversibilitÓ.....
Quesiti legali-Tempo di prescrizione a seguito di sentenza.
Costruzione di balconi o terrazzi negli appartamenti.
Quesiti legali-Spese straordinarie e locazione.
Limiti di etÓ nell’adozione
Conto corrente cointestato e convivenza.
Allarme ’fermo auto’
Incidenti stradali e risarcimento danni al trasportato.
Cosa fare quando l’inquilino non se ne va?
Il diritto all’integritÓ psicofisica
Quesiti legali-Cassette postali e condominio.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione