Ansia acuta e cronica...
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

31 marzo 2018



L'una la conseguenza dell'altra?


Potrebbe essere che da uno stato di ansia cronica si passi a quella acuta e viceversa? Secondo me, la risposta dovrebbe essere affermativa anche perché l’ansia è un complesso di emozioni negative, cioè vi è una produzione di idee scorrette prodotte da elaborati di pensiero non corretti quindi la distinzione fra acuta e cronica, potrebbe anche avere conseguenze di incrocio.

G. D.

Più che di emozioni negative, potremmo parlare di emozioni aggressive conflittuali. E’ proprio il conflitto, infatti a generare il blocco decisionale mentre, al contrario, il senso di malessere, come un veleno, ci pervade. Comunque, è vero, si può passare dall’ansia cronica a quella acuta... e viceversa.

Mi spiego meglio con un esempio. Quando, per motivi personali, un qualche evento (o il modo con cui ci si rapporta ad un particolare evento), genera uno stato di tensione che supera la capacità di sopportazione e si trasforma in ansia "acuta". Se non si riesce a smaltire questa "sbornia", si crea un "sottofondo" ansioso che si cronicizza (con facile irritabilità, sbalzi d’umore, etc.) pronto a riacutizarsi nel caso in cui si determinino condizioni favorenti come, ad esempio, il ripresentarsi di situazioni simili a quelle che hanno generato, la prima volta, il problema.

G. M. - Medico Psicoterapeuta

Premi qui per tornare alla prima pagina

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
mail: direttore@lastradaweb.it
facebook: Neverland Formazione
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati