HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Era uno di quelli...
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

6 aprile 2008

Su un quotidiano c'era un articolo posizionato in modo da esser letto poco e male, diceva che nella parte abbandonata di un Ferrotel, era stato trovato sopra un materasso lacero e sporco, un extracomunitario privo di vita. E' trascorsa una settimana per scoprire nei sotterranei di una mensa-accoglienza, il corpo senza vita di una persona, di un ultimo perfino nella malattia. E' quanto meno indecente che un episodio del genere passi sotto silenzio, come fosse la risultanza di un dazio collaterale da mettere in conto, da sopportare e digerire, a fronte di un'inondazione dell'essere "diverso", che tanto fa adirare e imprecare chi in casa propria non ha più diritto di vivere in sicurezza. E' formidabile l'atteggiamento indifferente e anche intimidatorio dei mass-media, quando intendono cavalcare la tigre nazional-popolare, che vorrebbe le strade pulite, mai più auto in doppia o tripla fila, ma anche e soprattutto poter mandare a quel paese il vigile che redige l'eventuale sanzione. Indifferenza come strumento di difesa al dilagare della minaccia incombente, del bisogno di sicurezza e protezione, indifferenza verso chi muore senza fare baccano, verso chi disturba da vivo e finalmente diparte senza più scocciare alcuno. E' indifferenza a voler allontanare un peso, un carico, perfino il ritaglio di un giornale... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO.




...è fastidio per quanti s’affannano a non volersi mischiare nelle differenze, quelle che tracciano un confine alle parole spese male, avvinghiate con il filo spinato delle bugie, quelle che non concedono scampo, non consegnano giustizia, invece lacerano disponibilità e buoni sentimenti, menzogne come gli atteggiamenti mentali volutamente disattenti. E’ morto un immigrato, non un clandestino, un uomo in possesso del necessario permesso di soggiorno, con i requisiti richiesti ben conservati al fondo delle tasche. Intimidazione mascherata dalla tragicità dell’evento, perché nelle poche righe a epitaffio, c’è malcelata e irriverente la stoccata alla cultura dell’accoglienza, verso quella politica eretta a norma da rispettare, nei riguardi della fede e delle fratellanze allargate, c’è intimidazione oltre che indifferenza, nella facilità con cui dividiamo, sommiamo, per meglio rendere conforme e accettabile un onere fastidioso. "Lavora e non commettere reati, il resto è affar tuo, chiaramente anche il morire, nel massimo rispetto della pace altrui". Un piccolo articolo a margine, in fin dei conti se ne è andato uno dell’est, uno di quelli regolari, che fatica davvero nei cantieri, nelle fabbriche, uno di quelli che non ha creato disturbo precario, né problemi all’imprenditore di turno per qualche sfortunato incidente. Uno di quelli che non intaccava la libertà degli altri, di coloro che neppure lo vedevano, un uomo invisibile, di quelli usati per le braccia sempre pronte all’alzo, quelli delle otto ore di lavoro, e delle altre più dure, a comando. E’ morto uno di quelli che non consumava la cena in famiglia, lavorava di giorno e arrancava la notte nel sonno, nel tentativo di rimettere insieme qualche nuova speranza. Della sua storia personale, della sua dignità e di noi stessi sparsi all’intorno, non interessa a nessuno.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Uno per tutti, tutti per uno (tanti partiti, un solo interesse)
Cultura e civiltÓ.
Riti e Miti.
Triste ma vero...
Violenza Gratuita?
Dialogando...
Dalla famiglia, la sfida al rinnovamento.
L’egoismo dell’io.
La lingua batte, dove il dente duole...
La vita Ŕ bella...
Fratelli d’Italia?
Siamo uomini o caporali?
La politica e gli ordinamenti umani
Riemergenza?
Verba volant...
Quando la dignitÓ viene dimenticata.
Lamerica.
In barba al profeta (e a Ges¨ sulla croce).
Mare da bere?
2010. L’anno delle speranze possibili. Ma non probabili.
DELLO STESSO AUTORE
Un uomo in vendita.
Buona vita anche a te...
I Media e la guerra che non c’Ŕ.
Messia (Il vero significato del Natale).
Riconsegnare, alle persone, il loro valore!
Al mio amico Maicol.
OmertÓ non sta a solidarietÓ
Attraversando la strada.
Il male di una conduzione educativa assistenziale.
Quella pedata...
Dall’ultima fila...
Come pugni nello stomaco...
Intervista condannata all’ergastolo...
Colpi sotto la cintura.
L’indifferenza del sangue.
Natale 2015
Alle cosiddette persone civili...
Angelo, Ŕ quello che noi non siamo.
In barba al profeta (e a Ges¨ sulla croce).
Applausi a mani nude.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione