HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Separazione dei coniugi e riappacificazione.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

4 luglio 2019



Tornare a vivere sotto lo stesso tetto non vale sempre come “riconciliazione”.



Il nostro ordinamento giuridico prevede la possibilità di far cessare gli effetti della sentenza di separazione, senza necessità dell’intervento del giudice, con un’espressa dichiarazione o con un comportamento non equivoco, da parte dei coniugi interessati, che sia incompatibile con lo stato di separazione (art.157 codice civile). Ciò si verifica quando i coniugi ricostituiscono la “convivenza” familiare, intesa quale comunione materiale e spirituale tra di loro (c.d. riconciliazione).


In proposito la giurisprudenza, in più occasioni, ha precisato che la riconciliazione è riscontrabile ove i coniugi riprendano i rapporti caratteristici della vita coniugale, riacquistando reciproca stima, interessamento e comprensione, mentre non sono ritenuti sufficienti, a tal fine, la semplice ripresa della coabitazione o il ripristino di frequenti rapporti sessuali.


Sul punto è intervenuta la Corte di Cassazione con la sentenza n.12314/2007, precisando che il ritorno alla coabitazione dopo la separazione tra due coniugi non deve indurre necessariamente il giudice a presumere la riconciliazione. Tuttavia, perchè il ripristino della convivenza non valga come riconciliazione, il coniuge che ha interesse a negarla è tenuto a fornire la prova contraria alla riappacificazione.


Nella valutazione del singolo caso concreto, assumono rilevanza essenziale gli “elementi esteriori oggettivamente ed inequivocabilmente diretti a dimostrare la seria e comune volontà dei coniugi di ripristinare la comunione di vita, piuttosto che a quegli stati d’animo che, appartenendo alla sfera dei sentimenti, sono tanto più difficili da accertare in quanto permeati di soggettività”, sicchè il valore presuntivo della ripresa della coabitazione, per la sua idoneità a dimostrare la volontà dei coniugi di superare lo stato di separazione, può essere superato dimostrando che il ripristino della vita sotto lo stesso tetto, per accordi intercorsi tra le parti o per la modalità di svolgimento della vita familiare, non era tale da integrare una ripresa di quel complesso di rapporti caratterizzanti il matrimonio come comunione di vita materiale e spirituale, e, quindi, da configurarsi come evento riconciliativo.



Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Nessuna scadenza per l’assegno di divorzio.
Conto corrente cointestato e convivenza.
Assegnazione casa coniugale e separazione dei coniugi.
Pensione di reversibilitą tra coniuge superstite e coniuge divorziato.
Coppie senza diritti.
Violazione dell’obbligo di convivenza e addebito della separazione.
Quando il coniuge ha le mani bucate....
Il riconoscimento di un figlio nato al di fuori del matrimonio
Quesiti legali-Contratti e bisogni della famiglia.
Adozione: un percorso avventuroso
Separazione e casa coniugale.
Rottura del fidanzamento e restituzione dei regali
Non č in colpa la moglie che non segue il marito.
Limiti di etą nell’adozione
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Affido condiviso e vacanze di Natale.
Scambio di messaggi romantici via Internet ed infedeltą coniugale.
Congedi parentali e adozione.
L’ adottato ha il diritto di conoscere le sue origini?
Assegno Nucleo Familiare e separazione.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinitą e famiglia di fatto
Quesiti legali - Un genitore ha il dovere di mantenere figlio maggiorenne e nipote?
Quesiti legali - Cambio di abitazione o di residenza.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali-Contrasti nel piccolo condominio.
Quesiti legali-Persone con disabilitą e parcheggio in area condominiale.
Quesiti legali-Assegno di mantenimento dei figli.
Quesiti legali-Locazione e abitabilitą.
Il coniuge affidatario dei figli non ha sempre diritto alla casa coniugale.
Spese condominiali controverse.
Separazione per volontą unilaterale.
Puņ, il costruttore, nominare l’amministratore?
A chi tocca la casa familiare?
Infedeltą e separazione di fatto dal coniuge
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Scambio di messaggi romantici via Internet ed infedeltą coniugale.
Assegno Nucleo Familiare e separazione.
Quesiti legali-Passo carrabile.
Divieto d’accesso alle vie del centro per i cani......
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione