HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Manca l’informazione. Quella seria...
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

19 marzo 2008

Sono continue, da parte dell'opinione pubblica le polemiche sull'uso disinvolto, da parte della Stampa, di notizie riservate (come ad esempio le intercettazioni ambientali effetttuate dagli inquirenti) e, soprattutto su come è condotta la televisione di stato. "Un oltraggio alla civiltà del diritto" è stato sentenziato, un'offesa alla dignità della persona coinvolta ingiustamente, è stato affermato. Intercettazioni e contrattazioni si sommano volgarmente, diventano gossip, peggio, terreno di conquista politica. Le vittime designate non risulteranno i protagonisti della vicenda, bensì i soliti cittadini dal silenzio imposto democraticamente. Insomma che la fa da padrona è la scolara ripetente a nome ingiustizia, anche la carta stampata non si sottrae a questo andazzo, e senza andare a parare sui paragrafi irreggimentati dei giornali di partito, è sufficiente dare un'occhiata su qualche quotidiano nazionale. La recita è talmente intenzionale e persistente da indurre a credere che sia l'utente a richiedere notizie disegnate su fiumi di sangue, sparate dagli effetti speciali, sempre chi legge a preferire l'immagine dell'orrore a discapito di una obiettività che risiede nella realtà vera delle cose. Tutto ciò è quanto meno suggestivo. Fare informazione... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO CLICCARE SUL TITOLO




...non contempla la misura o la ricerca di una patologia da soddisfare, piuttosto sta nel raccontare i fatti, belli o brutti che siano ma i fatti e solo quelli. Per esempio, illustrare lo svolgimento di un convegno sull’importanza di offrire occasioni di lavoro ai detenuti, perché ciò da un lato elimina l’innalzamento della famigerata recidiva, dall’altro è fonte certa per il ripristino della legalità e della sicurezza, non è cosa di poco conto, soprattutto se lo si fa licenziando con fermezza i toni buonisti. Ma scriverne e titolare l’articolo usando la pratica della mazza e del tridente sguainati, con spreco di neretto e cubitale sul nome di qualcuno che vi ha partecipato, insieme a molti altri, solo perché personaggio dal passato vergato a tragedia, di cui da trent’anni sta pagando le conseguenze, è una dinamica pennivendola, atta solo a incuriosire chi il giornale non lo legge. Questo tipo di libera circolazione dell’informazione non mi pare l’ingrediente fondamentale per sostenere che siamo in democrazia, soprattutto non mi sembra intellettualmente onesto che, per fare risultare quel giornale visibile e interessante, debba esprimersi-sprecarsi in furbizie, piuttosto che spendersi con argomentazioni complete, sintetiche, ordinate. Non è l’utente a richiedere al giornalista di stilare articoli o immagini scatenanti impulsi animali, credo invece sia l’esatto contrario, un certo professionismo giornalistico a creare e alimentare se stesso, attraverso la divulgazione del morboso, del male che banalmente affascina, senza rendere giustizia alla informazione, quella seria.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Violenza Gratuita?
Gli ultimi giorni di...
Associazionismo...
La rivincita dei senior?
Dall’altra parte della strada.
Sono cose che possono accadere!
Fermiamoci un momento a riflettere!
Scorie meridionali...
I tatuaggi invisibili del bullo.
Per favore...lasciateci in pace!
Coraggio delle proprie idee o scontata elezione?
Mai arrendersi a questa SocietÓ bullistica.
...E Tre !
Una vita in equilibrio.
Nuove droghe e vecchi merletti.
Omaggio a Mario Monicelli.
A proposito di PIL...
Ma mamma, quando torna?
Fuori dal mal di vivere.
A Sud del Sud...
DELLO STESSO AUTORE
L’attesa...
I bambini non si toccano... mai!
L’urlo, ora, si Ŕ disperso.
La Passione Di Cristo.
Brigate Rosse e amnesie generazionali.
Quel lungo e lento viaggio di ritorno.
La casa del Cuore...
Un essere vivente davvero speciale.
Ragazzi, la vita non e’ un palcoscenico!
Indulto...
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Quando il Male aggredisce il Bene...
Vogliamo vedere Ges¨!
La desertificazione di ogni riservatezza.
In barba al profeta (e a Ges¨ sulla croce).
LibertÓ va cercando ch’Ŕ sý cara...
Ma di quale normalitÓ stiamo parlando?
Un altro in meno.
I bambini non si toccano mai.
L’eufemismo dell’inferno di Dante.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione