HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Revoca dell’amministratore di condominio.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

18 novembre 2012



In quali casi?


La revoca dell’amministratore può essere disposta dall’assemblea condominiale oppure dal Tribunale su ricorso anche di un solo condomino (artt.1129 e 1131 cod.civ.).

La revoca dell’amministratore con delibera assembleare può avvenire in qualsiasi momento, anche se manca una giusta causa.


Tuttavia, se si adotta la delibera di revoca prima della scadenza annuale dell’incarico perché si è scontenti del modo in cui l’amministratore in carica svolge il suo compito, ma non sussistono i motivi che la legge prevede come giusta causa di revoca, occorre tenere presente che l’amministratore, il quale amministrava dietro corrispettivo, potrebbe agire legalmente contro il condominio per ottenere il risarcimento del danno.


Comunque non è pacifico in giurisprudenza il riconoscimento della risarcibilità del danno derivante all’amministratore per anticipata revoca senza giusta causa, mentre certamente non spetta alcun risarcimento danni se la revoca senza giusta causa è decisa alla scadenza dell’incarico annuale.

Per la validità della delibera di revoca è richiesta una maggioranza che rappresenti almeno la metà del valore dell’edificio e che sia costituita dalla maggioranza degli intervenuti, sia in prima che in seconda convocazione (art.1136 cod.civ.). Se non si raggiunge la maggioranza richiesta né in prima né in seconda convacazione, ciascun condomino può ricorrere all’autorità giudiziaria perché provveda a riguardo (art.1105 cod.civ.).


Invero è improbabile che l’amministratore convochi un’assemblea per deliberare sulla propria revoca, ma la legge prevede che all’amministratore può essere chiesta la convocazione dell’assemblea da almeno due condomini che rappresentino almeno 1/6 del valore dell’edificio, e che, se l’amministratore non convoca l’assemblea, possono provvedervi direttamente i due condomini che l’avevano richiesta (art.66 disposizioni attuazione cod.civ.).


Per quanto riguarda, invece, la revoca disposta dal Tribunale, il ricorso per ottenerla è ammesso in tre ipotesi:

quando l’amministratore non abbia tempestivamente convocato l’assemblea per informarla di un’azione legale promossa contro il condominio che esuli dai poteri dell’amministratore;

quando non abbia presentato il conto della sua gestione per due anni;

quando vi siano fondati sospetti di gravi irregolarità.


Le prime due ipotesi sono tali da non lasciare, nella realtà, alcun margine di discrezionalità ai magistrati. La terza, invece, è soggetta alla discrezionalità del giudice in quanto si tratta di individuare le "gravi irregolarità" nell’amministrazione.


Le irregolarità vanno individuate con riferimento ai doveri imposti all’amministratore dalla legge e dal regolamento di condominio, ma l’importanza delle stesse ai fini della revoca si presta ad interpretazioni più o meno restrittive. Ad esempio, secondo alcune sentenze, la grave irregolarità giustifica la revoca solo quando è tale da far prevedere un imminente pregiudizio per il condominio.

Inoltre, si ammette la revoca quando l’amministratore abbia omesso di agire contro i condomini morosi; quando non abbia provveduto al pagamento di spese relative ai servizi comuni, pur avendo la disponibilità economica necessaria.


Alcuni giudici hanno ritenuto idonea alla revoca la mancata apertura di un conto corrente condominiale separato rispetto a quello personale dell’amministratore ove tale conto sia gestito in modo da non riuscire a distinguere le operazioni relative al condominio; infatti, non è sostenibile in senso generale che la mancata adozione di un conto corrente separato integri gli estremi di una gestione irregolare, non esistendo in merito alcun obbligo di legge.


Pertanto, prima di promuovere un giudizio per la revoca dell’amministratore fondato su "gravi irregolarità" nella gestione, è opportuno valutare se effettivamente ci sono irregolarità così gravi da danneggiare il condominio, lasciando da parte motivazioni personali che, spesso, sono la vera motivazione di siffatta iniziativa.



Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
ObbligatorietÓ nomina amministratore condominiale.
Elementi strutturali dell’edificio condominiale.
Criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Polizza d’assicurazione del condominio.
Delibera condominiale di installazione ascensore.
Trasferimento di unitÓ immobiliare
Spese condominiali controverse.
Spese per compensi dell’amministratore condominiale.
Sosta abusiva nel cortile condominiale.
Spese condominiali e condomini morosi.
La manutenzione dei balconi.
Spese condominiali ed inquilini morosi.
Debiti condominiali.
La nascita di un “condominio”.
Il cancello condominiale.
Ascensore condominiale.
Videosorveglianza nei condomini.
Servizi condominiali.
Recupero spese condominiali.
Destinazione a parcheggio di un’area condominiale.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinitÓ e famiglia di fatto
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Quesiti legali- Assegno e prescrizione.
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali-L’adulterio Ŕ un reato?
Indennizzo per infortunio sul lavoro o malattia professionale.
SolidarietÓ familiare: gli alimenti.
Quesiti legali-Quando un figlio maggiorenne convive more uxorio....
Nessuna scadenza per l’assegno di divorzio.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Quesiti legali-CompatibilitÓ tra guida e psicofarmaci.
Gli effetti del matrimonio annullato
Locazione ad uso commerciale e riscaldamento.
Quesiti legali-Rifacimento del terrazzo condominiale.
Quesiti legali-Danni da caduta di albero e locazione.
Quesiti legali - Un genitore ha il dovere di mantenere figlio maggiorenne e nipote?
Quesiti legali-Cambiali scadute non pagate.
Previdenza: condanna alle spese.
Quesiti legali-Contratti e bisogni della famiglia.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione