HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
La razzia degli intelletti.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

26 agosto 2007

Mi chiedo spesso perché sull'extracomunitario da rimandare alla riva opposta, ci si spende in tanti, mentre sono davvero pochi quelli che prendono in considerazione con lo stesso furore ideologico la possibilità che c'è un'altra umanità, ed è lasciata al caso, peggio, dimenticata sul ciglio di una strada, quasi sempre sotto gli occhi indifferenti del cittadino. E' disumana la razzia degli intelletti posti sotto il tallone delle ideologie fast food, ma forse ancor più miserabile è l'accettazione di un massacro di carne e ossa e sentimenti così ben consolidato da non creare ulteriore vergogna: l'assassinio sistematico degli animali attraverso la pratica ben oliata del loro abbandono. Certamente sono due intendimenti diversi, ma entrambi forme occulte di razzismo, comportamenti imparentati all'incultura, per cui ci si rifiuta di integrarsi da una parte, di fare proprie le regole del vivere civile dall'altra. Sono operazioni neppure tanto sotto traccia, che hanno la pretesa di passare inosservate nel rifiuto a osservare quelle misure di prevenzione, che sono sinonimo di promozione e accoglienza umana. In questo vicolo cieco, andare a sbattere non è casuale, la domanda scava nel fianco, mal tolleriamo i diversi da noi, e mal operiamo per renderli cittadini migliori. Così ogni giorno raccogliamo animali abbandonati, raccattiamo resti inguardabili di animali lacerati, animali denutriti, picchiati, lasciati al sole e alla catena, senza acqua e senza cibo. L'incultura più pericolosa è proprio il non rispetto dell'altro, perché è sostanza estranea al fattore umano che dovrebbe ricorrere in ognuno di noi, quando anche un animale in quanto essere e fratello vivente, è preso a calci, con l'impunità che deriva dal concetto tutto italiano, che tanto è costume, è tradizione, che al primo caldo si sciolga l'affetto e l'alleanza con l'amico a quattro zampe. Non credo di essere razzista a fare questi accostamenti, non riconosco piani differenti sul valore universale della solidarietà e sul richiamo a fratellanze allargate, non nutro sentimenti di avversione per chi è diverso da me culturalmente o per epidermide più o meno abbronzata dalla natura... PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.


...ma neppure intendo avallare la stortura di un potere che muove le sue pedine per darla a bere a questo e a quell’altro, per rendere meno indigesta l’inadempienza a discapito della giustizia, la quale tutela l’uomo, e non accetta distacco per l’ammazzamento persistente degli animali.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Sinistri scricchiolii ad Est di Capo Matapan.
Terra di Calabria...
Caino e Abele.
Non auguro questo carcere neppure al mio peggiore nemico...
Certezza della pena e interesse collettivo.
La dignitą del Cadetto.
Che nessun dorma.
Scusate il ritardo.
Buon lavoro, signor Tod’s.
Ancora promesse...
Coscienze vaganti e salvadanai selvaggi.
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
Libertą non č uno spazio libero.
Liberare la libertą.
Non c’č pace fra gli ulivi!
Siamo pronti per il Next - Step?
I giusti e la giustizia.
Attraversando la strada.
A volte succede...
La politica e gli ordinamenti umani
DELLO STESSO AUTORE
Alle nove del mattino.
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Al voto...
Un percorso educativo ostinato e contrario.
Violenza spicciola, che fa male...
Applausi a mani nude.
Aspiranti professionisti dell’ultima meta.
Spari...
Colpi sotto la cintura.
Quel cappio al collo...
Macerie umane e speranze.
Brigate Rosse e amnesie generazionali.
Liberare la libertą.
Unica vera risposta: la formazione.
L’indifferenza del sangue.
Un intruso gioca con la tua vita.
Alle cosiddette persone civili...
Giubileo...
Sono cose che possono accadere!
Sul carcere e sulla pena...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione