HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Misfatti...
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

18 luglio 2007

Nel novembre dello scorso anno si è concluso con una raffica di assoluzioni il processo denominato tamburo messo in piedi per le solite infiltrazioni mafiose nei lavori di ammodernamento dell'autostrada Salerno Reggio; il maxi processo vedeva alla sbarra noti esponenti di "clan" malavitosi e cosiddetta gente per bene colpevoli, secondo l'accusa, di aver gestito ed essersi spartito l'enorme fiume di denaro stanziato dal governo per i lavori di ammodernamento, di aver imposto maestranze, tangenti e quant'altro di illecito la triste situazione poteva prevedere. Quel processo fu un tremendo schiaffo nei confronti della giustizia ma, a sorpresa, è di questi giorni la notizia che nel corso di una vasta operazione condotta dalle forze dell'ordine e denominata "operazione arca" sono finite in manette quindici persone mentre cinque aziende sono state sequestrate perché in odia di mafia. Stando a quanto dicono gli inquirenti la mafia si sarebbe inventata la tassa sulla sicurezza cantieri per estorcere denaro alle aziende (in verità è da quando sono nato in questa terra maledetta che sento parlare di estorsioni, perché di questo si tratta e mi meraviglia molto come questa, notizia sia vista come una novità dalla D.D.A,) un "pizzo" da dover pagare per poter lavorare, un dazio per poter aprire un cantiere in questa terra di delinquenza e malaffare. Delinquenza che impone anche l'acquisto di calcestruzzo... PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.



...o materiali inerti di pessima qualità facendoli però pagare a prezzi da capogiro perché poco importa se la scarsa qualità dei materiali impiegati potrebbe causare una tragedia: l’interesse economico è il fine ultimo per questa gentaglia! Ma delinquenti non sono soltanto i mafiosi perché per poter realizzare i loschi guadagni c’è la necessità oggettiva di avere i contatti giusti nei posti. giusti, insomma occorre poter contare su qualche colletto bianco senza coscienza né scrupoli, in grado di garantire la giusta serenità d’azione. Non posso fare a meno di domandarmi se il nuovo processo che seguirà la brillante operazione di polizia porterà agli stessi tristi risultati del precedente processo "tamburo" o se, invece, sarà in grado di garantire che la giustizia, quella però giusta, segua il suo corso. Intanto lo scandalo dell’autostrada Salerno - Reggio Calabria continua a rinnovarsi giorno per giorno, al pari di una chimera, sotto gli occhi di tutti e le imprecazioni degli utenti, lo scandalo di un’autostrada i cui lavori di ammodernamento iniziarono nel lontano 1998 con l’impegno di tutte le parti interessate a portarli a termine entro e non oltre cinque anni dalla data di consegna, dei lavori., uno scandalo che non può risparmiare nessuno perché tutte le parti in causa sono colpevoli di un risultato indegno di una Nazione che osa definirsi civile. Per non parlare delle tante parole sprecate dai nostri politici a livello locale, regionale quanto centrale: tante belle parole, i soliti impegni ma, come al solito, niente fatti.. Ma, in fondo, chi siamo noi? Semplice, tanti poveri inetti da imbonire prima di una tornata elettorale per poi essere dimenticati il giorno dopo. È così che vanno le cose, è così che andiamo noi. forse dovremmo un tantinello vergognarci.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Associazionismo...
Una croce sulla libertÓ.
Pontifichiamo?
Omaggio a Mario Monicelli.
Dio denaro... e truffe regine.
Altro che spegnere la speranza!
Bulli con le spalle al muro.
Fare teatro in carcere, cosa significa?
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
Uno per tutti, tutti per uno (tanti partiti, un solo interesse)
Folli corsi e ricorsi storici...
Dall’angolo dove ci si dimentica del loro valore.
Nuove droghe e vecchi merletti.
Alitalia...
Che nessun dorma.
Facile ex amico inimicum facies cui promissa non reddas.
Anno nuovo, speranze antiche.
L’accettazione di una possibile trasformazione.
Elezioni ed elettorato.
Sono cose che possono accadere!
DELLO STESSO AUTORE
Punti di vista.
Semplicemente... Giovanni.
Mondi paralleli.
Ferie e intemperie.
Burattini o Marionette?
Elezioni ed elettorato.
Una su tre...
Vuoti a perdere...
Cose nostre...
Corsi e ricorsi storici...
Navi e veleni
Ndrangheta.
La giustezza della norma...
Trasgressione e Logica.
Buon viaggio!
Mare... d’amare?
Dio denaro... e truffe regine.
Non c’Ŕ pace fra gli ulivi!
Immigrazione e problematiche sociali
Niente di nuovo...sotto il sole del Sud!
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione