HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Videosorveglianza nei condomini.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

11 luglio 2007

Telecamere di sicurezza e privacy.



Da qualche anno si riscontra una sempre maggiore utilizzazione di impianti di videosorveglianza da parte di soggetti pubblici e privati, ed un frequente ricorso al Garante per la Privacy per presunte violazioni della normativa sulla protezione dei dati personali determinate dall’impiego di tali sistemi, che registrano, in particolare, la voce e l’immagine.

In attesa di una specifica legislazione, il Garante, con più interventi – in particolare il Provvedimento generale datato 29 novembre 2000 ed il Provvedimento generale del 29 aprile 2004 - ha fornito le regole cui deve attenersi chi intende svolgere attività di videosorveglianza: il principio di proporzionalità tra mezzi impiegati e fini perseguiti; l’esatta determinazione delle finalità perseguite, di cui deve essere verificata la liceità in base alle norme vigenti; la correttezza del trattamento dei dati in relazione agli scopi, con obbligo di comunicazione al Garante nei casi in cui la legge lo prevede; i principi di pertinenza e di non eccedenza, che richiedono la collocazione delle telecamere e la fissazione delle modalità di ripresa in modo da raccogliere solo i dati strettamente necessari per il raggiungimento delle finalità perseguite, registrando le sole immagini indispensabili, limitando l’angolo visuale delle riprese, evitando – ove non indispensabili - immagini dettagliate, ingrandite o dettagli non rilevanti; l’informazione della presenza delle telecamere con opportuni cartelli, ben visibili. Inoltre, il titolare del trattamento deve indicare il periodo di eventuale conservazione delle immagini, prima della loro cancellazione, e prevedere il loro mantenimento solo in relazione ad illeciti che si siano verificati o ad indagini delle autorità giudiziarie o di polizia; devono essere designati per iscritto i soggetti responsabili e incaricati del trattamento dei dati, avendo cura che essi soltanto abbiano accesso agli impianti ed alla visione delle registrazioni, salvo che si tratti di indagini giudiziarie o di polizia; sono vietati la comunicazione e la diffusione a terzi dei dati raccolti per determinati fini per scopi diversi o ulteriori (ad esempio, pubblicità).

Numerosi quesiti sono stati posti all’attenzione dell’Autorità sulla protezione dei dati personali in ambito condominiale, sia da parte degli interessati sia da parte di amministratori di condominio.

In ordine all’uso di sistemi di videosorveglianza nei condomìni, il Garante ha avuto modo di precisare, col citato provvedimento del 29 aprile 2004, che i videocitofoni possono essere impiegati per identificare coloro che si accingono ad entrare in luoghi privati e che la loro installazione, se non è effettuata da persone fisiche per fini esclusivamente personali, deve essere resa nota attraverso un’informativa facilmente rilevabile. L’utilizzazione di sistemi di ripresa di aree condominiali da parte di più proprietari o condomini o da un condominio, è consentita soltanto per ragioni di sicurezza, oppure quando vi siano reali motivi per temere pericoli per i quali altre misure di sicurezza - ad esempio sistemi d’allarme, blindatura o protezione rinforzata di porte e portoni, cancelli automatici-, sarebbero insufficienti e quindi diventa necessario l’impiego di una telecamera.

Diverso è, invece, il caso di installazione di strumenti di videosorveglianza effettuata per controllare l’accesso alla propria abitazione ed agli altri spazi di proprio esclusivo uso (es. posto auto). Ebbene, come precisato dal Garante, gli impianti finalizzati esclusivamente alla sicurezza individuale non rientrano nell’ambito di applicazione della legge sulla riservatezza, purchè le riprese siano limitate al solo spazio antistante gli accessi agli spazi di propria esclusiva pertinenza, senza registrazione di immagini relative ad aree comuni (cortili, pianerottoli, scale) o antistanti l’abitazione di altri condomini.



Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
ObbligatorietÓ nomina amministratore condominiale.
Pagamento oneri condominiali e vendita dell’unitÓ immobiliare.
Legittimazione processuale da parte dell’amministratore del Condominio.
InvaliditÓ delle delibere condominiali.
Deroghe ai criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Penali a carico dei condomini morosi.
Deroghe ai criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Revoca dell’amministratore di condominio.
Autogestire il condominio.
Parti dell’edificio di proprietÓ comune.
Polizza d’assicurazione del condominio.
L’amministratore pu˛ scegliere la ditta per i lavori condominiali?
Danni causati da beni condominiali a terzi.
Detenzione animali in condominio.
Uso aree condominiali.
Modifica delle tabelle millesimali.
Spese comuni per manutenzione ascensore.
Danni derivanti da difetto di impermeabilizzazione del lastrico solare.
Di chi Ŕ il sottotetto?
Quesiti legali-Locazione di immobili e sicurezza.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinitÓ e famiglia di fatto
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Quesiti legali- Assegno e prescrizione.
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali-L’adulterio Ŕ un reato?
Indennizzo per infortunio sul lavoro o malattia professionale.
SolidarietÓ familiare: gli alimenti.
Quesiti legali-Quando un figlio maggiorenne convive more uxorio....
Nessuna scadenza per l’assegno di divorzio.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Quesiti legali-CompatibilitÓ tra guida e psicofarmaci.
Gli effetti del matrimonio annullato
Locazione ad uso commerciale e riscaldamento.
Quesiti legali-Rifacimento del terrazzo condominiale.
Quesiti legali-Danni da caduta di albero e locazione.
Quesiti legali - Un genitore ha il dovere di mantenere figlio maggiorenne e nipote?
Quesiti legali-Cambiali scadute non pagate.
Previdenza: condanna alle spese.
Quesiti legali-Contratti e bisogni della famiglia.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione