HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Caino e Abele.
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

3 giugno 2007

"A Perugia un marito con il volto solcato dal dolore piange la propria moglie, barbaramente uccisa nel corso di una sanguinosa rapina; un padre lacerato dal rimorso di non essere stato presente forse nel momento più importante piange con la consapevolezza di chi sa di non poter abbracciare il figlio atteso da otto mesi e accarezzato amorevolmente solo attraverso una pancia che prometteva la gioia di una nascita e invece...Le lacrime di quel padre inumidiscono la mia coscienza, il suo dolore annebbia i miei pensieri e vorrei solo per qualche momento quei barbari assassini tra le mie mani... Solo per qualche momento nulla di più, perché sono consapevole di non poter desiderare altro."- Più o meno con queste parole concludevo un mio articolo scritto con rabbia e dolore all'indomani di quel caldo giovedì di maggio quando una donna, incinta di otto mesi, Barbara Cicioni, fu ritrovata esanime nella propria abitazione di Marciano, in provincia di Perugia; tutti ritenevamo che fosse rimasta uccisa durante una maledetta rapina nel tentativo di difendere da barbari senza volto ciò che era suo, tutti ritenevamo che la donna avesse difeso fino all'ultimo anelito anche la propria dignità e quella degli altri due figli...almeno gli elementi forniti dai mass media fino a quel momento portavano a credere proprio questo in quanto era stato ingegnosamente... PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.



...(poi neanche tanto) simulato uno squallido tentativo di rapina. Invece le cose non andarono esattamente così, infatti, una tremenda notizia cominciò a galoppare veloce tra le mura e i silenzi del paese, turbando ancora una volta le anime ferite degli abitanti di Marsciano; quella notizia, quell’ipotesi impossibile da credere, stava in realtà assumendo i contorni di una drammatica verità, divenuta certezza prima dei funerali delle due vittime, madre e figlia: niente rapina, niente aggressione da parte di ignoti malviventi, solo la brutalità di un assassino dal volto più che familiare, Roberto Spaccino nella sua duplice veste di marito e padre delle vittime; a poco, a poco quella verità vera assumeva contorni sempre più macabri e inquitanti, infatti lo stesso uomo (vorrei definirlo bestia ma arrecherei grande offesa al mondo degli animali che, in tutta verità, apprezzo più degli uomini) si era già reso colpevole protagonista di gravissimi maltrattamenti nei confronti della moglie e degli altri due figli verso i quali avrebbe esercitato violenza psichica e fisica di cui dovrà rispondere, a suo tempo, alla magistratura superiore intesa nell’accezione Divina del termine. A questo punto cosa dobbiamo pensare di fronte a simili comportamenti? In primis vorrei congratularmi con la magistratura competente che ha risolto (almeno sembrerebbe) brillantemente questo triste caso, e poi che forse, anche alla luce di quanto sta accadendo nel nostro Paese in questi ultimi anni, tra genitori che uccidono o maltrattano i propri figli, figli che uccidono o maltrattano i genitori, mogli e mariti che si uccidono barbaramente, sia giunto il momento di istituire una commissione di esperti ( visto che siamo soliti istituirne anche per la consistenza della pasta e fagioli) per valutare attentamente questa raccapricciante situazione nel tentativo di trovare una seria soluzione al drammatico e dilagante fenomeno che sta insanguinando il nostro Paese al pari delle nostre coscienze e della nostra dignità di esseri umani: forse è giunto il momento di pensarci, ma non all’italiana, però perché risulterebbe, come al solito, poco serio...o no?

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Dalle marcette al Jazz, volgendo al Quartetto d’archi.
Benvenuti nel Non Luogo!
Dalla pelle al cuore. Si pu˛ uscire dalla crisi?
Triste ma vero...
Una promessa importante.
La figura del giornalista
Buona Pasqua...
Quel pasticcio chiamato QMO...
L’ora delle tenebre!
C’era una volta il Bel Paese...riflessioni d’inizio stagione
La rivincita dei senior?
Coraggio delle proprie idee o scontata elezione?
La caduta degli Dei.
L’epopea del salmone.
Precariato adolescenziale e droga.
Una rotta da invertire...
Scaricabarile...
La nuova provincia.
Una parte di mondo brutalmente mutilato.
A Sud del Sud...
DELLO STESSO AUTORE
NŔ rimorsi, nŔ rimpianti!
Scritto nell’acqua
Cultura e civiltÓ.
La politica e la ricerca della felicitÓ...
Semplicemente... Giovanni.
Burattini o Marionette?
Gi¨ la testa?
Quel pasticcio chiamato QMO...
Panzane?
Scuola, Famiglia e SocietÓ.
Trasgressione e Logica.
Ah, Parigi!
Nonostante tutto...
Regia infamante.
Oltre il fondo del barile.
Tempi moderni...
C’era una volta...
Vuoti a perdere...
Il male di vivere
Punti di vista.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione