HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Colpi sotto la cintura.
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

13 febbraio 2007

In questi giorni continuano a sprecarsi lacrime, accuse, opzioni più o meno ardite per fare Giustizia di un accadimento tragico, culminato con la morte di un uomo. Ucciso a margine di una partita di pallone, volutamente a margine, per significare la distanza che ormai intercorre tra il gioco e la realtà che incombe. Per dare senso a questa morte non c'è bisogno di andare a parare nelle scienze sociali, nelle violenze di altre epoche: ove la civilizzazione è più alta, più è certa la tragedia dietro l'angolo. Se di disagio si tratta, non è certamente riconducibile alle regioni dello stivale basso, per intenderci quelle dal reddito iniquo, infatti quanto ha investito Catania, non è associabile al solito luogo comune del sud mafioso, contaminato dalle organizzazioni criminali, perché i morti ammazzati ci sono stati a Catania, come a Milano , Genova, Roma e Ascoli. Ci si ostina a quantificare i commandos spaccaossa a pochi sparuti gruppi di criminali, per cui basterebbe poco per renderli inoffensivi. Anche questa disamina appare una sorta di sociologia spicciola, è vuoto il calice della conoscenza di fronte a un uomo disteso sul selciato, riverso con gli occhi increduli sulla lacerazione inferta all'umanità. Forse per avvicinare una soluzione occorre chiederci perché le famiglie non frequentano più lo stadio, mentre i loro figli ne riempiono le biglietterie. Forse occorre osservare meglio dentro il nucleo famigliare, dove i grandi corrono... PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.


...e i più giovani si ingozzano al McDonald, e domandarci se coloro che hanno scatenato quell’intifada nostrana, non siano invece residuati di una diseducazione reiterata ottusamente, a partire dallo spinello che fa gruppo ed è cosa assai normale, dall’andare in tre sul motorino impennato senza casco, all’abbandono della scuola per coma etilico, alla partecipazione al branco cittadino, a quello periferico, nei pugni dati senza rumore, per strappare il telefonino o altro. Occorre il castigo esemplare, come ha sentenziato qualcuno, ma forse è anche necessario ritrovare abitudine alla fatica della spiegazione, abitudine al dovere dell’educare, abitudine a raccogliere i cocci, per non dover fare i conti con la furbizia come valore assunto a norma, soprattutto nei tanti giovani ridotti a isole solitarie, che preferiscono rimanere inglobati nelle truppe d’assalto allo stadio. Idioti culturali li hanno denominati, ma in quella piazza a Catania tra figli di papà, figli di mammà, e figli di ndrocchia, si è sottoscritto un crudo epitaffio, che non può e non deve essere ascritto ipocritamente alla inefficacia delle istituzioni, alla inefficienza delle agenzie di controllo, allo Stato supino, per una volta sarebbe bene fare leva sull’uso improprio delle parole perpetrato intorno alle nostre tavole, mentre ci addormentiamo nelle nostre sicurezze vane, in fin dei conti ai nostri figli non potrà succedere mai, perché sono quelli degli altri a prendere a sassate la vita di un uomo.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
PerchŔ?
Indulto o inganno?
Ŕ difficile mentire a se stessi... quando si Ŕ soli con se stessi!
A proposito di terrorismo...
Scuoterci... da subito!
Il banchiere di Dio (... e dei poveri).
L’uomo delle stelle.
Ah, scellerati!
Manca l’informazione. Quella seria...
La condanna del silenzio.
Quando a morire Ŕ il sistema...
Omaggio a Mario Monicelli.
Gi¨ la testa?
I tatuaggi invisibili del bullo.
Calcio e follia.
La giustezza della norma...
Calabria ora...
Addio, bandiere blu!
Tasse: cui prodest?
L’epopea del salmone.
DELLO STESSO AUTORE
Sono cose che possono accadere!
Alle nove del mattino.
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Un essere vivente davvero speciale.
LibertÓ va cercando ch’Ŕ sý cara...
Sul carcere e sulla pena...
Crimini e Minori.
Era uno di quelli...
Natale...
Buona vita anche a te...
Applausi a mani nude.
Sepolcri imbiancati.
Maschere teatralmente scomposte.
Il tirapugni del bullo.
Droga...
Al voto...
Piove...
Aspiranti professionisti dell’ultima meta.
La casa del Cuore...
Un video per un mondo di pace
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione