HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Fratelli d’Italia?
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

3 febbraio 2007

Ancora morte, ancora scene di feroce guerriglia tra le buie strade di una città, più di un pronto soccorso ingolfato dalla presenza di centinaia di feriti per cinquanta dei quali è stato disposto il ricovero, vista la gravità delle ferite riportate durante gli scontri e, per concludere, purtroppo si conta anche un morto...No, cari lettori, questo non è il tragico bollettino che puntualmente giunge da Baghdad, questa volta siamo in Italia e, precisamente a Catania dove si è scatenata la furia dirompente dei tifosi in occasione di una semplice partita di calcio. Come non rimanere sconcertati di fronte alle immagini raccapriccianti mandate in onda da tutte le tv nella serata di venerdì 2 febbraio? Come non fermarsi a riflettere su quelle scene di ordinaria follia? Una volta il nostro Paese fungeva da esempio, era considerato come culla della civiltà e il nostro popolo era definito come un lusinghiero agglomerato di santi, poeti e navigatori. Oggi, invece, cosa siamo diventati? Bisognerebbe interrogare le proprie coscienze perché ritengo che abbiamo imboccato la via del non ritorno in quanto simili episodi altro non sono se non chiari campanelli d'allarme di una situazione di malessere generale che degenera in gesti intollerabili e inqualificabili: no, morire per una partita di calcio non è ammissibile, l'intero mondo del calcio è degenerato, flagellato da squallidi episodi intrisi di corruzione, di violenza, distruzione e morte... PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.


Ma ci rendiamo conto? Cosa aspettiamo ancora a prendere provvedimenti seri e definitivi piuttosto che adottare semplici soluzioni tampone che risultano veramente ridicole di fronte alla drammaticità degli eventi? A mio avviso è inutile sospendere per un turno tutti i campionati di calcio italiani perché a quello successivo potrebbe scatenarsi ancora una volta l’inferno. Purtroppo un dato di fatto inconfutabile è che il tifoso è ormai diventato troppo violento, ma il tifoso, prima di essere tale è un essere umano per cui bisogna partire dalla sua rieducazione. Bisogna insegnargli a perseguire valori e tradizioni oltre a educazione, rispetto, tolleranza e, perché no, anche la fratellanza che, purtroppo sembrano essere diventati solo un lontano ricordo. A questo punto mi dite a cosa serve intonare l’inno italiano all’inizio di ogni partita della nostra nazionale? Mi pare che cominci proprio con "fratelli d’Italia"...ma fratelli di cosa se riusciamo a trasformare un momento di gioia, un momento di unione in una tremenda e vergognosa tragedia, insomma se ogni occasione è buona per trasformarsi in tanti Abele e Caino? Il calcio non può non rappresentare uno spaccato della nostra società, allora vuol dire che qualcosa proprio non va. Allora bisogna operare su quelle cellule fondamentali che la compongono partendo dalla prima che è rappresentata dalla famiglia per poi arrivare alla scuola che sembra aver smarrito i suoi compiti fondamentali ossia educazione e formazione. Se non opereremo in questa direzione allora non credo che ci siano speranze di cambiamenti significanti...se il mondo della politica invece di azzuffarsi continuamente riuscisse a comprendere almeno questo forse qualcosa si potrebbe ancora fare: voi cosa ne pensate?

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Ma mamma, quando torna?
Certezza della pena e interesse collettivo.
Ndrangheta.
Geografia e Politica.
Non si finisce mai d’imparare...
Un buon giorno per morire.
Pontifichiamo?
Due pesi...
La tournÚe nei perimetri dell’assenza.
Come rumore di carta sfogliata.
La razzia degli intelletti.
L’epopea del salmone.
La condanna del silenzio.
Anno nuovo, speranze antiche.
Veterani, di una guerra di nessuno!
Johann Wolfgang von Goethe - I dubbi dell’amore.
Tanti auguri...razza padrona!
2010. L’anno delle speranze possibili. Ma non probabili.
Buon lavoro, signor Tod’s.
Conoscere, capirsi... vivere meglio
DELLO STESSO AUTORE
Burattini o Marionette?
Questione di fede?
La giustezza della norma...
Mare... d’amare?
Innamoramento e Amore
Dio denaro... e truffe regine.
Buon viaggio!
Immigrazione e problematiche sociali
Ancora Leonardo, ancora il silenzio.
Regia infamante.
Associazionismo...
O Natura... o Patria mia!
Ŕ difficile mentire a se stessi... quando si Ŕ soli con se stessi!
E’ utile piangere sull’acqua versata?
Il colore dell’abbandono.
Navi e veleni
Il valore dell’Introspezione...
Pensare...
Gli occhi di Karol.
Speriamo nelle colombe!
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione