HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Alitalia...
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

16 dicembre 2006

L'Italia è il veramente il paese dei balocchi anche se solo per i pochi(soliti)fortunati di turno, infatti basta seguire la vicenda che vede coinvolta la nostra compagnia aerea di bandiera (meglio conosciuta come Alitalia) per rendersene conto. Nell'ultimo decennio questa compagnia ha conosciuto mille disagi che, a ben vedere, sono stati solo il frutto marcio di un'attività e di una linea programmatica a dir poco allegra oltre che suicida. Partendo da alcuni dati appresi dalle pagine dei quotidiani parrebbe che il suo "timoniere" (o Presidente che dir si voglia) percepisca in un anno ben due milioni e mezzo di Euro di stipendio, persino l'amministratore delegato di Trenitalia S.p.A. percepisce quasi la metà nonostante le vicende economiche leghino a doppio filo le due realtà (o chimere?) del nostro assurdo Paese! Allora la domanda non può che nascere spontanea: ma com'è possibile che una qualsiasi azienda in evidenti, drammatiche, condizioni economiche riesca a garantire stipendi così elevati? Forse sarà per questo che i prezzi al pubblico dei biglietti Alitalia sono ai vertici in Europa, cosa resa ancora più grave se letta in un'ottica "low coast" (prezzi contenuti) praticata ormai da anni da molte altre compagnie. Cosa offrirebbe in più Alitalia per giustificare tariffe così elevate? Da indomito viaggiatore mi fornisco la risposta che è la seguente: nulla. Ma la cosa più grave è che, nonostante le scellerate tariffe... PER CONTINUARE LA LETURA, CLICCARE SUL TITOLO.



...i dati diffusi di recente sui ricavi ottenuti dalle principali compagnie aeree europee sono a dir poco sbalorditivi; infatti provate un po’ ad indovinare dove è posizionato l’unico segno negativo in una selva di segni positivi? Bravi, il solo e sconsolato segno "meno" si trova proprio davanti al nome della "nostra" compagnia di bandiera, ovviamente l’unica in perdita rispetto a tutte le altre. Mi chiedo allora come sia possibile, visto anche il periodo di grandi (?) inchieste giudiziarie che si vive oggi in Italia, che a nessuno sia ancora venuto in mente di controllare scelte e indirizzi programmatici che hanno guidato l’Alitalia verso "l’arakiri" (suicidio). Mi chiedo ancora come mai, invece, di osservare in lagrime "il malato terminale" somministrandogli solo continue quanto inutili boccate d’ossigeno, non si sia pensato seriamente di curarlo con decisione e determinazione per tentare di restituirgli la necessaria dignità. Perché, infatti, non si è mai pensato di ridurre sprechi e inefficienze (ma si potrebbe anche parlare di incompetenza: questa però è un’altra storia viste le tante simili vicende in Italia) in previsione di un futuro più roseo oltre che un po’ più serio? Già, quasi me ne dimenticavo, tanto paga papà pantalone: cioè noi cittadini, salvo poi spremerci come limoni per trovare i soldi necessari per tirare avanti una carretta sempre più sgangherata...ovviamente c’è sempre chi tira fuori i soldi, frutto di mille sacrifici e privazioni ma questo proprio non importa a nessuno, mentre, qualcun altro, tra mille sorrisi e solite promesse, provvede a spendere i nostri soldi con grande nonchalaches ...non c’è altro da aggiungere se non che è sempre la solita storia.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
...E’ la solita storia...
Da Report a Blade Runner.
Riti e Miti.
La comunitą: un nuovo stile educativo.
Una fune sull’abisso
Mare... d’amare?
Addio, bandiere blu!
Mondo pallone!
Scorie meridionali...
Sinistri scricchiolii ad Est di Capo Matapan.
Quando la dignitą viene dimenticata.
Buon lavoro, signor Tod’s.
Il colore della libertą.
La razzia degli intelletti.
Dolce estate.
L’indifferenza del sangue.
Recuperare il valore delle proprie risorse.
Quando il sonno della ragione genera mostri...
Ideologia compra e vendi.
Dalle marcette al Jazz, volgendo al Quartetto d’archi.
DELLO STESSO AUTORE
Burattini o Marionette?
Dio denaro... e truffe regine.
Questione di fede?
La giustezza della norma...
Mare... d’amare?
Innamoramento e Amore
Buon viaggio!
Immigrazione e problematiche sociali
Ancora Leonardo, ancora il silenzio.
...E Tre !
Regia infamante.
Associazionismo...
O Natura... o Patria mia!
č difficile mentire a se stessi... quando si č soli con se stessi!
Fratelli d’Italia?
E’ utile piangere sull’acqua versata?
Il colore dell’abbandono.
Navi e veleni
Il valore dell’Introspezione...
Pensare...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione