HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Nell’angolo che non intendiamo vedere...
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

28 ottobre 2006





Ormai ciechi alle miserie umane.


 

LUCI NEL BUIO - 48

La guerra diventa padrona della nostra casa, le immagini si susseguono velocemente, più ancora della nostra incredulità, più ancora della nostra capacità di elaborare una difesa. Le notizie che ci inondano sono concentrati di indicibilità, impossibilità, inaccettabilità, ma noi riusciamo a comprenderne l’orrore per una sorta di compassionevole diversità.

Ingerenze umanitarie, elargizioni di democrazie, pari opportunità per tutti.....solo Dio sembra rassicurarci, rimanendo fermo alla finestra a guardare, lo spreco perpetrato a Sua insaputa.

Si rimane incollati al video, sulle righe di un giornale, impressionati dal sangue sparso all’intorno, eppure riusciamo a essere solidali con chi attacca, con chi si difende, con chi rimane carbonizzato su un carro o in una trincea in ultima linea.

Condividiamo l’ingiustizia della morte, i segreti incoffessabili che stanno dietro ogni verità sparata con il cannone, noi seduti alla nostra tavola con i figli di fronte, gettiamo alle spalle ogni dubbio, ogni calcolo, indifferenti a quanto accade, all’angolo che non intendiamo vedere.

Nessuno può chiamarsi fuori, sentirsi estraneo alla carneficina dei terroristi e assassini prezzolati che scompongono il mondo, nessuno può sentirsi escluso nei silenzi protratti, mentre interi popoli sono torturati, decimati sotto l’egida della guerra santa, della guerra giusta, della guerra che addirittura non c’è, assai più assordante delle immagini mediatiche.

Non esiste esercito sufficientemente preparato a sconfiggere le incolture erette a mal interpretate religioni, tanto meno autorevolezza nelle uniformi luccicanti di politiche di comodo, quelle privilegiate rispetto ad altre svendute per qualche pozzo di petrolio o gasdotto di confine.

Seduti alle nostre tavole prendiamo posizione, ci schieriamo, lo facciamo senza tentennamenti a fianco dei giusti, dei saggi, di quanti intendono salvaguardare la collettività globalizzata.

E nuovamente Dio sulla Croce o con il turbante, non azzarda ulteriore comandamento, né consente speculazioni per alcuna guerra, ci obbliga a confrontarci con le miserie che ci portiamo addosso, perché sono quelle che ci fanno infiammare per la potenza di fuoco che ripristina lo stato di diritto, mentre non ci scalfisce minimamente l’orrore del silenzio colpevole per città ormai derelitte e porzioni di umanità destinate all’estinzione, né ci sentiamo coinvolti-sconvolti per le tante donne umiliate o prese a sassate.

La televisione imperversa nelle nostre case con la scena più cruenta che buca il video, con il giornalista Pansa e con lo storico Bocca che si scannano sulla resistenza, sulla liberazione partigiana, sulle bugie più o meno pilotate, mentre in un "laggiù inquietante" si muore malamente davvero, senza dignità né speranza.

Vincenzo Andraous

Responsabile Centro Servizi Interni - Comunità Casa del Giovane - via Lomonaco 43 -Pavia 27100

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Clemenza, per il popolo degli sconfitti.
La guerra degli innocenti.
Bambini colpevoli...
Il falco dagli occhi lucidi.
il raglio del mulo - 2.
Più infantilizzati di quando sono entrati.
Il sapore della responsabilità.
In ricordo di Fabrizio de André.
Morti di serie B.
Giudizi senza appello
Sepolcri imbiancati.
Quest’anno il Bambino è nato a casa mia...
No slot, no droga.
Scacco matto in tre mosse...
Nuova quotidianità del vivere civile.
I Media e la guerra che non c’è.
Violenza spicciola, che fa male...
Come pugni...
Natale...
Dignità disabitata.
DELLO STESSO AUTORE
La casa del Cuore...
I bambini non si toccano... mai!
L’eufemismo dell’inferno di Dante.
L’urlo, ora, si è disperso.
Sono cose che possono accadere!
Abrogare la riforma penitenziaria?
L’attesa...
A te che nasci...
Un video per un mondo di pace
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Indulto...
Dignità disabitata.
Una difficile realtà.
La cretinetti e la platea plaudente.
Ragazzi, la vita non e’ un palcoscenico!
Un altro in meno.
La gratitudine: un’ispirazione provvidenziale.
E’ uno di quei giorni...
Tre ingiustizie da riparare.
Razza in estinzione.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione