HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Basta mettere il pensiero nell’istante...
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

28 ottobre 2006






...e tutti possono!


 

Pensieri degli anni difficili - 14

Ora vedo di fronte a me un miscuglio di colori tempera, forti ma non sgargianti. Prevale il rosso, non quello della vitalità del sangue acceso, và verso una tonalità più cupa, un po’ scura, come i colori di un tramonto che spicca al termine di una giornata di luce brillante, che volge alla sera. È esattamente il momento in cui si incontrano la notte e il giorno, l’allegria e la malinconia, la vita e la morte.

Non c’è ombra di tristezza in quello che scrivo vedendo. È solo un modo per dare una forma ad un’idea, anzi ad una immagine che già esiste nella mente. Anche solo pensando ai colori. Delle striature di giallo pastoso si sovrappongono al rosso fuoco. Si, è perché ricorda la fiamma intensa e vibrante di un camino che diventa gialla là dove l’ossigeno si consuma. Come il respiro che inganna, non arriva in profondità, ti fa credere di aver inspirato l’aria giusta, ma in realtà costringe il petto e fa svenire.

La paura. Di quello che non conosci, spendi il tempo ad arricchire i momenti dell’ignoto per regalarti un tocco di stupore ed invece ti ritrovi a fare i conti con l’angoscia del non so, del vorrei capire.

Ancora non mi do una spiegazione, è come se non mi arrendessi all’idea dell’imperfezione. Vorrei poter pensare in libertà, anche quella della leggerezza, ma spesso mi ritrovo fra le dita la rigidità che rende curvi i movimenti. Non armonici né ondeggianti, al contrario spigolosi e pungenti.

Il verde scuro si vede di sfondo, ma solo se guardi bene. È quello che vive naturalmente nei ricordi e che non ha una collocazione fissa. Cambia di significato insieme al trascorrere del tempo e all’umore che si sveglia ogni mattino insieme a te, che non riesci a capire cos’è che lo alimenta. A volte incominci la giornata e il tuo primo desiderio è poter rientrare presto, senza voler vivere la novità della scoperta, il sorriso di chi aspetta. Anche solo per un tè caldo fra le parole della vita, quella semplice e senza pretese, che faresti meglio a non sfuggire.

Mi avvolge un po’ la nostalgia quando i rapporti si intrecciano sempre più, quando cadono le barriere dell’imbarazzo e quando la profondità delle sensazioni si condivide. Ogni passo ha un caro prezzo da pagare. Si conquista la complicità è vero, la sintonia dello sguardo, ma si perdono gli attimi che hanno costruito i legami, quel percorso di conoscenza che è fatto di piccole cose ed emozioni. Ti fermi un momento, ti volgi indietro e non trovi più gli occhi dentro gli occhi, un modo di fare l’amore che va al di là del contatto fra due corpi.

È molto di più.

Vivo con la fretta di poter fare e dare, non so se agli altri o a me stessa e mi piace la vivacità delle idee, la rincorsa nella raccolta degli istanti, vivere e rivivere il sentimento.

Vedo dentro di me una nuova via, le emozioni mi accompagnano, fanno luce sulla strada. Quel miscuglio di colori dipinge una nuova immagine, ricorda l’interno di una bocca che si apre ad inghiottire avidamente il bello nelle cose.

Ora provo a spegnere l’istante, a concentrare il mio pensiero sulla musica, entrare nelle melodie dei suoni per assaporarle, magari ricordando il giorno in cui le hai ascoltate per la prima volta e le hai fatte tue. Quando l’intensità della sensazione provata era talmente tanta che ti sei commossa e la magia di quella serata è entrata a far parte della tua vita. Di quello che vuoi si componga la tua vita.

Qualcuno mi ha fatto riflettere sul superfluo, su tutto ciò che si può evitare, che non ha un significato. Gli istanti vanno trattati con rispetto, non si devono sprecare, la paura va affrontata e non subita, anche se permane e insiste il senso della solitudine. È molto meglio riaprire gli occhi e sentire di aver donato al tuo corpo e al tuo spirito la giusta dimensione, di aver donato.

Arricchire gli attimi che legano i pensieri agli istanti, magari con un po’ di fantasia rinforzando quel filo che conduce, che dall’alto scende a congiungerla alla realtà.

Basta guardare bene dentro, annusare e tirare fuori abbandonandosi.

E tutti possono!

 

Fernanda

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il silenzio intorno a me.
Una bicicletta da cross.
La corteccia.
Uno sterile scambio di informazioni.
Follia.
Il gran silenzio.
Il valore delle persone.
Il ricatto.
L’anima
Per non farsi male...
La strada delle streghe.
A meno
Riflessioni.
Il volpone sprovveduto...
Lo steccato.
Il segreto della vita?
Le cose belle della mia vita.
Il profumo del ricordo...
Fragile...
Un sottile velo di malinconia.
DELLO STESSO AUTORE
Per paura di sciuparlo.
Pi¨.
Vivere.
Schizofrenia e autismo.
Fotografie.
Il ricordo dell’emozione.
╚ sempre con me.
La speranza nel sole.
Cadere...
Per sÚ. E per nessun altro.
Il gioco delle stelle.
Giorni.
I fenomeni cerebrali associati alla musica.
Equilibri.
Alla luce di una Stella.
La passione.
La trappola dei sensi di colpa.
La poesia nella luna.
La freschezza.
Il destino in un momento.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione