HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
In difesa del congiuntivo.
di Fausto Raso  ( albatr0s@libero.it )

4 febbraio 2019



Punto e basta.


Pubblicato su Lo SciacquaLingua

Si va sempre più affermando l’usanza deleteria - introdotta da qualche "notabile della lingua" - di sostituire il congiuntivo con l’indicativo, così (dice il "notabile") tutto si semplifica e i bambini (bontà sua) non trascorreranno le notti insonni per "capire" la differenza che intercorre tra i due modi del verbo; il problema in questo caso non si pone: l’indicativo, sempre! No, amico notabile, non ci siamo; se vuoi puoi anche scrivere "quore" con la "q" e zabaglione in luogo della forma corretta "zabaione", i tuoi accoliti non ti seguiranno, anzi... Non puoi pretendere, però, di fare scomparire un modo di un verbo che per secoli è stato adoperato per enunciare un fatto come incerto, possibile, sperato e del quale non si è sicuri, appunto, dell’esito; in contrapposizione all’indicativo che è il modo che esprime la certezza o la realtà constatata (o immaginata) nella nostra mente come tale.

Il congiuntivo, insomma, è il modo del dubbio, dell’incertezza, della speranza, della supposizione, di un augurio, di un ordine (l’augurio non possiamo sapere se si realizzerà; l’ordine non sappiamo se verrà eseguito). Il congiuntivo, quindi, come dice la stessa parola, è uno dei quattro modi finiti del verbo che indica l’azione come probabile e si adopera in dipendenza di una proposizione principale "congiungendo", appunto, due azioni o due stati: voglio che voi tutti "leggiate" quel romanzo (non si sa se lo leggeranno, per tanto il congiuntivo "leggiate" è d’obbligo). Il congiuntivo è, insomma, come lo definiscono i grammatici, "quel modo del verbo che esprime azione non ritenuta reale e certa, ma solo possibile". In considerazione di quanto detto, quindi, useremo - parlando e scrivendo - in presenza della congiunzione "che" il modo congiuntivo ogni volta che enunciamo un fatto come incerto, possibile, sperato: auguriamoci che la squadra bianca "batta" la squadra rossa. Poiché l’esito della gara delle due squadre è incerto, anche in questo caso il congiuntivo "batta" è d’obbligo. Da sottolineare, inoltre, il fatto che il congiuntivo presente si adopera, anzi si deve adoperare, indipendentemente e in una proposizione principale, quando è in "funzione volitiva": ognuno "dica" quel che vuole; che il Cielo vi "aiuti"; "cada" pure il mondo, non mi rivedrete più! In questi casi, gentili amici, provate a sostituire il congiuntivo con l’indicativo - secondo i consigli dei "notabili della lingua" - se le frasi vi "suonano", dimenticate quanto avete letto finora e accettate le scuse per la confusione di idee che le nostre modestissime parole vi hanno creato. Attenzione, però, a non abusare del congiuntivo. Nelle frasi tipo "ho sognato che ero sull’orlo di un baratro", non si può usare il congiuntivo e dire o scrivere "fossi": nel sogno il baratro era "reale", quindi va bene l’indicativo "ero". Non è "obbligatorio" l’uso del congiuntivo anche nel periodo ipotetico nei casi in cui manchi la "certezza", cioè con i tipi della probabilità e dell’irrealtà. In questi casi vanno benissimo un paio di indicativi imperfetti: se eri in casa ti telefonavo.

Abbiamo fatto questo esempio perché un insegnante ha considerato errore, da sottolineare con la matita blu, l’uso dell’indicativo imperfetto in un periodo ipotetico dell’irrealtà: no, caro professore, l’indicativo, in questo caso, non è stilisticamente "elegante" (e possiamo essere d’accordo con lei), ma neanche errato.

A cura di Fausto Raso


SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
L’olofrasia...
Il tanghero...
La virgoliera.
Il corretto uso di da.
Mandare a carte quarantotto.
Fri¨li, non Frýuli.
Non essere della stessa parrocchia...
InvernALE ma... estIVO...
Essere in balia di qualcuno...
Tra la Folla e il Folle...
Un’inutile ripetizione...
C’Ŕ buffo...
Il pesce d’aprile.
Il plurale di Babbo Natale.
Essere stufo.
La Borsa...
Che.
Fuori Di...
Parole nobilitate...
Un po’ di latinorum...
DELLO STESSO AUTORE
Capire l’antifona - Lettera F.
Essere in balia di qualcuno...
Da dove deriva l’espressione...mangiare la foglia?
Di buzzo buono...
Trattare con i guanti gialli...
Capire l’antifona - Lettera P .
Consobrinicida...
Farsi infinocchiare...
Barbaro...
La virgoliera.
Riappropriamoci la lingua.
Superlativo assoluto.
Andare in...
I bagni penali.
L’etichetta...
L’olofrasia...
Tira aria di fronda...
Grammatici & glottologi.
InvernALE ma... estIVO...
Tra la Folla e il Folle...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione