HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
All’improvviso...
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

14 gennaio 2019






...quel precario equilibrio si frantumò


 

Pensieri degli anni difficili - 8

 

Quasi senza accorgermene la penna è scivolata fra le mie mani. Ed improvvisamente quel precario equilibrio si frantumò. A me era sempre sembrato forte, solido, ben costruito. Anche con tanta fatica. Quello che dico quando ho voglia di raccontare è che è affascinante il modo in cui la mente ha comunicato. E’ come se mente e corpo si fossero temporaneamente scissi, ma rimasti collegati da un sottile e robusto filo di nylon, pronto a vibrare ad ogni leggero scossone, che si propaga a velocità sostenuta ma non costante. Anzi in accelerazione positiva e crescente, proporzionale all’entità dello stimolo che l’ha causato.

All’inizio ho pensato di tutto, una reazione spropositata ad un farmaco, una intossicazione e, per finire, anche un problema articolare. Poi, in un momento di disperazione totale, quasi una illuminazione. Anzi, forse per deformazione professionale, direi una intuizione. Ho cercato un numero, un nome che aleggiava nella mia testa da qualche tempo. In quel momento è iniziato il viaggio all’interno della mia anima e quasi senza accorgermene la penna è scivolata fra le mie mani e ha dato voce ad un insieme di dolori, inibizioni e malesseri che risultavano imprigionati dentro me stessa. Improvvisamente un senso di pace interiore e proprio dal mio interno è partito un messaggio istantaneo diretto al mio corpo: "Ora puoi stare bene. Hai finalmente capito o quantomeno hai preso coscienza".

La cosa mi sembrava alquanto strana. Ma come, io una persona razionale ed intelligente, sempre pronta ad affrontare i problemi e non sfuggirli, attenta alle persone e forse un po’ diffidente che decide istantaneamente di affidare la propria anima ad uno sconosciuto!

E così invece è stato. Ho varcato la soglia parlando a me stessa, raccomandandomi di non fermarmi, di provare a non guardare, di credere ciecamente per una volta e di abbandonarmi. Penso di aver parlato piangendo, oppure di aver pianto ad alta voce. Non è la stessa cosa. Ora posso dire di aver versato molte lacrime in questi ultimi anni della mia vita, senza però mai accorgermene, in silenzio.

Si toccano corde profonde e dolenti, si devono fare i conti con gli schemi che si creano all’interno della propria coscienza. Quelli che vengono fuori dai vissuti propri di ogni persona che si pone continuamente delle domande e che cerca di darsi delle risposte. Si attraversano momenti di euforia, brevi sprazzi di felicità perché sai benissimo che stai vedendo delle cose che non sono visibili a tutti. Ma questo ha un prezzo da pagare. E quindi si cade nella nostalgia, di chissà poi che. Forse di niente, è solo uno stato d’animo che al culmine diventa tristezza profonda. Si impadronisce di ogni cellula, di ogni tessuto, di ogni organo del tuo corpo e, con prepotenza assoluta, prevale. Ma con la stessa violenza con la quale ti pervade, ti abbandona e lascia il posto alla consapevolezza. Alla certezza che quello è il cammino giusto e che vuoi o non vuoi, và vissuto, in ogni giorno della tua vita, fra le tempeste e fra i bei colori dell’autunno che dolcemente si fa strada e lascia il posto alla rigidità, ma anche al caldo tepore delle serate d’inverno. E allora mi fermo a pensare a quanto c’è di bello, anche in una serata di nostalgia e tristezza. E quando guardo insistentemente negli occhi di chi mi sta di fronte, sto cercando di scrutare all’interno della mia anima.

I mille cocci in cui si era frantumato quell’equilibrio quasi per magia del momento si ricompongono e con molta fantasia immagino che si concretizzino in una forma armonica e semplice, ma reale.

E nella mia mente risuonano i versi di una canzone di un noto cantautore italiano: "La vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia" (Vasco Rossi, Sally).

 

Alla mia famiglia

A chi mi ha dato la vita

Fernanda

 

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il libro non ha tempo.
Vorrei imparare la pazienza!
La determinazione.
Quando si vorrebbe dare quello che non si pu˛!
La grande paura.
La voglia di vivere tutto...
Stasera...
Fra la sabbia bianca...
Un motivo in pi¨.
La fresca imprevedibilitÓ del futuro.
Il ricatto.
Per quello che non Ŕ.
La veritÓ?
L’espressione non tradisce!
Senza dire una parola.
Il chiarore prima dell’alba.
La mongolfiera.
Da domani.
Il tempo che passa volando.
La nebbia...
DELLO STESSO AUTORE
Un progetto.
L’anima delle cellule.
Al risveglio.
La linea di demarcazione.
Alla luce di una Stella.
Il sole dietro l’angolo.
Maschi.
Riflessi.
Zingarella.
Le cose belle della mia vita.
L’anima
Una giornata un po’ cosý...
...che le cose possano cambiare...
Il valore della marchetta.
Senza dire una parola.
Il potere della suggestione.
A mille, ce n’Ŕ...
Vento.
Il fascino della notte.
Le opportunitÓ o la contraddizione?
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione