HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
NASSIRIYA:
di Giuseppe Chiaia  ( peppinochiaia@libero.it )

30 aprile 2006






L'ennesimo olocausto.


Ancora una volta, piangiamo le giovani vite di quattro militari falciate dalla ottusa violenza di un terrorismo che non sa dare limiti alla propria ferocia.

Tre italiani ed un rumeno, aggregati alla forza di pace che opera in Iraq, hanno perso la loro vita a seguito di un attentato, mentre svolgevano compiti di pattugliamento in difesa e tutela di una popolazione disperata e violentata da massimalismi teologici e politici.

Non si vuole, in questa sede, proporre l’ennesima critica agli eventi passati che hanno indotto gli U.S.A, ed alcuni loro alleati, ad intervenire militarmente contro un regime fondato sulla violenza, la tirannia ed il genocidio; si vuole, soltanto esprimere solidarietà alle famiglie dei caduti e ai corpi militari che continuano a pagare un incomprensibile tributo di sangue; ma ci si deve pur chiedere il perché di una tragedia di cui non si scorge la conclusione, dal momento che la quotidianità dei telegiornali ci ha abituati ad una apatia di sentimenti per lo stillicidio di vite umane che gli attentati seminano dappertutto.

Si dice che è beata quella nazione che non è costretta a recare fiori sulle tombe dei propri morti; purtroppo, chi non è immune da simili funerei rituali?

E di nuovo si ripete la mesta cerimonia dell’ossequio alle salme che un panciuto C-130 scarica sulla pista dell’aeroporto; e gli onori militari, ed i visi pallidi, nell’inconsolabile dolore, dei familiari, ed il pianto della tromba che suona il silenzio d’ordinanza, sono tutte scene che ti attanagliano il cuore; ma, più inconsolabile fra tutti, è il singhiozzo sommesso degli orfani che si fonde all’urlo della "madre nera", abbracciata al feretro del figlio; e le spose, novelle Antigone, avranno talami freddi e vuoti.

L’altra sera rivedevo un profetico film "Armageddon" nel quale il regista lancia la speranza di una umanità che ritrova la propria matrice di solidarietà contro la minaccia cosmica. Ed allora, mi piace sognare che è possibile il rinnovarsi di un nuovo umanesimo che ci riscatti dalla materialità e dalla violenza che ci circonda, perché la vita, pur nella sua caducità - malgrado agitati e nomadi siano i suoi elementi - si rinnova in un eterno divenire.

Ciascun giorno del nostro vivere, pur nella sua singolarità, è testimonianza non della fugacità del tempo, ma della stabilità del tutto.

Ed allora, onoriamo i nostri morti, circondiamo d’affetto i loro familiari, ridiamo sostegno ai loro bimbi; e se il maggio della loro vita si è improvvisamente avvizzito, c’è un futuro che non conosce soste e che insegna ad essere temperanti e fiduciosi, anche quando la speranza è negli abissi della sofferenza e a non disperare, mai, anche nelle ore più buie.

Sapranno i nostri politici, i reggitori della "Cosa Pubblica" essere saggi per le scelte future, per far sia che non ci siano più le dieci, cento, mille Nassiryie?

Giuseppe Chiaia (preside)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Attenzione ai ’nemici’ tra le mura domestiche
CinemadaMare 2005... conto alla rovescia.
La festa delle Donne
Benvenuti al TALK-SHOW ? Auguri Mamma!
Benvenuti al TALK - SHOW - Genitori e Figli un rapporto da costruire con competenza
Diritti economici e sociali...
Un video per un mondo di pace
Cinemadamare nel mondo ed in...Calabria.
C’era una volta il Natale...
Conciliare Gli Opposti si pu˛...
VACANZE...
Il caso "Carime"
GIOVANNI AGNELLI...
Il dopo del... dopo Saddam.
PerchŔ non la voter˛ pi¨...
Elezioni politiche
"Rosmini, il profeta che vide troppo lontano!"
Benvenuti al TALK-SHOW - Informazione e Formazione per una SocietÓ Migliore.
Fuori dal coro.
Benvenuti al TALK- SHOW - scienze a confronto
DELLO STESSO AUTORE
UMBERTO I di SAVOIA
La neonata Costituzione Europea ovvero...
PerchŔ non la voter˛ pi¨...
La festa delle Donne
A mio padre.
Aspettando Prometeo.
Essere o Non Essere...
No-Global o New-Global?
La Fine del Fascismo
La Pineta di Macchia Sacra.
11 settembre 2003...per rinascere.
Leggere...
Dalla Monarchia al Fascismo
Islamismo e Antisemitismo.
Etica, ragione e fede, nella Divina Commedia
Lettera all’ Amico Vince.
Lucrezio
Carisma e Autoritarismo.
Lettera aperta a CARLO AZEGLIO CIAMPI.
Le Fiabe.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione