HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Mare da bere?
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

4 settembre 2005

Ci approssimiamo all' autunno, ma consentitemi di fare una riflessione che poco c'entra con questo periodo. Per qualche strana alchimia, in Calabria, alla fine della stagione estiva, il mare diventa cristallino, non rimanendo traccia alcuna, (almeno apparente) di quell'inquinamento che ha riempito gli ospedali di mezza costa tirrenica a causa delle tante infezioni verificatesi ai danni dei bagnanti. Cari lettori la questione è molto seria, in quanto, dalle nostre parti, le cose evidentemente, funzionano alla rovescia. Mi spiego meglio, perché vorrei cercare di capire insieme a voi il motivo di tanta dabbenaggine. Durante tutto l'arco del periodo estivo, appena trascorso, abbiamo assistito ad uno spettacolo veramente offensivo: il mare, o, per meglio dire i nostri due mari, si sono presentati all'appuntamento con i bagnanti in condizioni vergognose e al limite della balneabilità; dallo ionio al tirreno sono piovute le più varie lamentele e, per così dire, alcune irripetibili e intense "maledizioni", da fare sentire ogni vero calabrese veramente mortificato. Quello che, però, dovrebbe infastidirci maggiormente è rappresentato dal fatto che, come ogni anno, sempre le solite isole felici risultino esenti da tali problematiche; mi riferisco ad esempio, alla zona compresa tra le località di Pizzo e Capo Vaticano, per quanto concerne il tirreno, mentre quella tra Botricello e Copanello, per quanto riguarda lo Ionio. Penso venga spontaneo domandarsi il perché di una tale curiosa situazione, o no? Ma la problematica più affascinante rimane quella che nel pieno della stagione estiva che, poi, dalle nostre parti, si riduce a soli venti giorni, il mare diventi, fino a prova del contrario, impraticabile mentre, a stagione finita, cioè dai primi di settembre, verrebbe voglia di berla quell'acqua...eppure trattasi dello stesso mare! Non definitemi pesante ma, proprio, non riesco a spiegarmelo! A questo punto se da un certo periodo dell'anno, stando a quello che vediamo con i nostri occhi, il mare può essere pulito, anzi, cristallino, evidentemente esistono gravissime responsabilità da parte di qualcuno che avrebbe dovuto fare qualcosa che, chiaramente, non ha fatto. Certo, non è nostro onere quello di rintracciare i colpevoli di tale situazione bensì delle autorità competenti alle quali giriamo queste nostre ultime osservazioni, al fine di fare la chiarezza necessaria su questo strano mistero che, forse, tanto misterioso non è! La cosa più vergognosa è rappresentata dal fatto che qualcuno si ostina a fornire dati che vorrebbero confutare, senza però riuscirci, ciò che abbiamo davanti agli occhi; del resto si è arrivati a sbandierare dati entusiasmanti in merito alla presenza di turisti in Calabria quando sappiamo bene che la realtà alberga in altro luogo...se è così che si vuole far decollare una Regione in crisi d'identità non mi resta che chiudere con una frase mutuata da una canzone di Daniele Silvestri che recita testualmente : " più in basso di così non ci resta che scavare"


SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
I Diritti Umani
Mondo pallone!
A proposito di terrorismo...
Una su tre...
Il banchiere di Dio (... e dei poveri).
La vergogna del sangue.
╚ la droga il maggiore distruttore di identitÓ.
Carcere fondante lo Stato di Diritto.
Facile ex amico inimicum facies cui promissa non reddas.
Beati quei popoli che non commemorano eroi.
La paura di chi comanda, frena lo sviluppo.
La gratitudine: un’ispirazione provvidenziale.
Come le rondini...
Non c’Ŕ pace fra gli ulivi!
Riemergenza?
Fratelli d’Italia?
Il nuovo autoritarismo
Schiaffi in faccia al futuro.
La fuga e la coscienza.
Cepit efferri superbia...
DELLO STESSO AUTORE
Corsi e ricorsi storici...
Burattini o Marionette?
Macchinisti, nella Vita (o semplici passeggeri?)
Cose nostre...
Punti di vista.
Vuoti a perdere...
Scaricabarile...
E’ utile piangere sull’acqua versata?
ANAS e ananassi... di bugie.
E’ meglio un rimpianto o un rimorso?
Mondi paralleli.
Speriamo nelle colombe!
Trasgressione e Logica.
Le stranezze della vita
Triste ma vero...
Semplicemente... Giovanni.
Ah, scellerati!
Professori di musica!
Punti di vista?
Alitalia...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione